Pali tra la piazza e via Fossato (Foto Comitato
Pali tra la piazza e via Fossato (Foto Comitato "Per la Salute Pubblica")
Attualità

Pali luminarie: il Comitato Salute Pubblica attacca, Dagostino precisa

Botta e risposta a distanza di 24 ore

Polemiche per la mancata rimozione di alcuni pali delle luminarie a distanza di un mese dalla fine dei festeggiamenti in onore di Maria Santissima di Corsignano.

Ad innescare un botta e risposta a distanza è stato il Comitato "Per le Salute Pubblica", che in una nota ha attaccato Sindaco e Giunta per quanto accaduto: «In una intervista promozionale alla "Gazzetta del Mezzogiorno" - scrivono -, il Primo Cittadino Tommaso Depalma ieri (sabato, ndr) si vantava, dopo la solita, deludente estate di bagordi, di un settembre dedicato alla cultura e in particolare del fatto che a Giovinazzo "il turista si senta come se fosse accolto in un grande salotto". Sarà...Ma non è proprio questa l'impressione che si coglie in questi giorni a Giovinazzo - sostengono dal Comitato "Per la Salute Pubblica" -, proprio al centro, magari in Piazza o su via Marina. Alla vista e magari anche al tatto, all'esperienza concreta della gente, ancora oggi – a distanza ormai di quasi un mese dalla fine dei festeggiamenti – troneggiano infatti, nei luoghi e nelle prospettive più belle di Giovinazzo, i pali disadorni, con qualche rimasuglio ancora di luminarie, della Festa Patronale. Pericolanti, appesi a precari fili di ferro, pendono ormai sulla testa della gente, con grandi problemi per il traffico e i parcheggi, oltre che per l'incolumità delle persone».

E dunque gli scriventi affondano il colpo, poiché a loro avviso i luoghi più belli di Giovinazzo sarebbero stati «ridotti a magazzino a cielo aperto delle imprese di luminarie: queste montano e smontano secondo le proprie convenienze, se e quando un pezzo gli occorre. In questo modo - si legge ancora nella nota - loro risparmiano sui costi di trasporto e magazzino. Ma quanto paghiamo noi, in termini di sconcio ambientale e sicurezza? Così si addobba un salotto? Con pali pericolanti e scorticati? Agli amministratori di Giovinazzo l'ardua risposta».

Una risposta che però è arrivata nel pomeriggio di ieri non dagli amministratori, ma direttamente dalla pagina Facebook ufficiale del Comitato Feste Patronali. A scrivere è stato il presidente Gaetano Dagostino, il quale si è sostanzialmente preso tutta la responsabilità dell'accaduto.

«In merito al post pubblicato dal Comitato "Per la Salute Pubblica" - scrive Dagostino -, in qualità di presidente del Comitato Feste Patronali, sento il dovere morale e civile di assumermi la responsabilità del recupero totale delle luminarie utilizzate per la Festa Patronale di quest'anno.
Una colpa - precisa - che non si può addossare all'Amministrazione o ai preposti al controllo dell'ordine pubblico, mostratisi pazienti e comprensivi verso questo Comitato.

Purtroppo l'azienda scelta - ha spiegato il presidente del Comitato Feste -, che ha realizzato l'impianto, più volte sollecitata telefonicamente ha sempre disatteso il completo recupero. Sarà mia cura sollecitare ancora una volta, ufficializzando la richiesta per iscritto. Chiedo pubblicamente scusa a tutti i cittadini che hanno subito il disagio. Ringraziando per l'attenzione, nuovamente mi scuso», è stata la chiosa.

Una posizione coraggiosa e trasparente, quella di Gaetano Dagostino, che si è fatto dunque carico di quanto accaduto, gettando acqua sul fuoco delle polemiche. Un'assunzione di responsabilità che mostra ancora una volta la sua indole, volta a conciliare piuttosto che a dividere. Qualità che gli sono valse l'apprezzamento di buona parte della popolazione durante i festeggiamenti agostani.

Appare evidente che l'azienda dovrà celermente completare lo smantellamento di quei pali, portando a termine quanto le spetta fare di dovere, in modo da restituire a Giovinazzo scorci intatti e una ritrovata sicurezza.



  • Comitato Feste Patronali
  • Comitato per la Salute Pubblica Giovinazzo
  • Gaetano Dagostino
  • luminarie
Altri contenuti a tema
ZES, nuova priorità per lo sviluppo economico ZES, nuova priorità per lo sviluppo economico In Sala San Felice la relazione del prof. Federico Pirro
Emergenza Zes Adriatica, se ne parla in sala San Felice Emergenza Zes Adriatica, se ne parla in sala San Felice Pubblicata la delibera n. 1441. Chissà se il Comitato Per la Salute Pubblica non è stato di pungolo
Il Comitato Feste in aiuto di 18 famiglie bisognose Il Comitato Feste in aiuto di 18 famiglie bisognose 90 kg di pasta e 90 pacchi di biscotti arrivati dalla Divella
1 Festa Patronale 2018: l'intervista a Gaetano Dagostino Festa Patronale 2018: l'intervista a Gaetano Dagostino Chiacchierata informale con il presidente del Comitato Feste Patronali per fare il punto su quanto successo e guardare al futuro prossimo
2 È stata la Festa Patronale di tutti È stata la Festa Patronale di tutti Centralità delle celebrazioni liturgiche e programma sobrio. Ecco perché il Comitato Feste ha fatto centro
Cristiani sì, ma con ritmo Cristiani sì, ma con ritmo La Dio lo vuole Band ha chiuso la Festa Patronale 2018 con il suo vasto repertorio pop-rock
Festa Patronale, si chiude con il concerto della Dio lo vuole Band Festa Patronale, si chiude con il concerto della Dio lo vuole Band Pop rock di stampo cattolico in piazza Vittorio Emanuele II. Poi l'estrazione dei biglietti vincenti della lotteria
Alzando gli occhi e mirando una Stella Alzando gli occhi e mirando una Stella Ieri sera la processione dell'edicola di Maria SS di Corsignano
© 2001-2018 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.