ND
ND
Cronaca

Quelle giostre rubate ai bambini, vergogna senza limiti

Il furto è avvenuto in una villa, indagano i Carabinieri. L'appello del proprietario: «Per noi sono tutto, ce le restituiscano»

Due giostre ruotanti in vetroresina su base metallica zincata, barchette, cavallucci ed elefantini colorati, oltre ad una moto elettrica per bambini ed una bicicletta. Anche i giochi d'infanzia possono essere rubati.

È accaduto in una villa rurale, lungo la strada provinciale 88, l'arteria che collega Giovinazzo a Bitonto, in località Cozzica. I soliti ignoti, dopo aver rotto due paletti e tagliato ben due reti di recinzione, si sono introdotti all'interno della località privata portando via tutte le giostre presenti all'interno. «Un gesto grave - le parole del proprietario, un ruvese residente in paese - perché rubare delle giostre significa rubare ai nostri figli il diritto alla gioia e alla felicità».

«Un atto - ha aggiunto - contro i bambini, che sono la parte più indifesa, e incolpevole della nostra comunità». E poi possibile che nessuno si sia accorto di quei movimenti strani e abbia sentito il dovere di fare una telefonata, anche anonima, per avvisare le forze dell'ordine? Trattandosi di refurtiva ingombrante è probabile che sia stato utilizzato un camion per portare via le giostre.E proprio le Guardie Campestri, nel corso degli approfonditi rilievi, hanno individuato delle tracce di pneumatici, probabilmente di un mezzo pesante con ruote gemellari posteriori, sul terreno, mentre sul vile episodio i Carabinieri della locale Stazione, a cui l'uomo ha denunciato il furto, stanno esaminando le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza di cui è dotata l'abitazione rurale.

La speranza è che questi ladri delle giostre leggano queste righe e, capita la gravità del gesto, le riportino lì: «Mi hanno rubato le giostre e il sorriso perché per i miei figli erano sinonimo di divertimento. La speranza è che chi ha fatto questo - conclude il proprietario - torni sui suoi passi e restituisca tutto».
  • Furti Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Rubano un furgone e sbattono contro un'auto, poi fuggono Rubano un furgone e sbattono contro un'auto, poi fuggono Azione rocambolesca da parte di due ladri in via Venturieri, costretti dagli eventi a darsela a gambe
Parcheggiato in campagna dopo il furto. Rinvenuto un furgone rubato Parcheggiato in campagna dopo il furto. Rinvenuto un furgone rubato Polizia Locale e Guardie Campestri lo hanno ritrovato in località Ganga di Lupo
1 Sventato furto d’auto in via Bitonto Sventato furto d’auto in via Bitonto Un'Alfa Romeo Giulietta stava spingendo una Skoda. Intercettati dai Carabinieri, i ladri si sono dati alla fuga
Rubano un mezzo Asipu: messi in fuga dalla vigilanza Apulia Rubano un mezzo Asipu: messi in fuga dalla vigilanza Apulia Il fatto è successo stamattina sulla strada provinciale 107 tra Terlizzi e Giovinazzo
Ladri "in pista" sfilano una borsa. Acciuffati nel parcheggio del Nautilus Ladri "in pista" sfilano una borsa. Acciuffati nel parcheggio del Nautilus Tre bitontini sono stati sorpresi dai Carabinieri: ai domiciliari un 18enne, denunciati altri due 17enni
Assalto al furgone: ladri in fuga con pacchi e lettere Assalto al furgone: ladri in fuga con pacchi e lettere L'azione questo pomeriggio alle ore 17.00, di fronte alla banca Monte dei Paschi di Siena
Sorpresi vicino a un'auto rubata a Giovinazzo, arrestati Sorpresi vicino a un'auto rubata a Giovinazzo, arrestati L'episodio a Cerignola: in manette quattro pregiudicati. Rinvenuta anche una centralina
Tentano il colpo con il "buco" in tabaccheria, ma scatta l'allarme Tentano il colpo con il "buco" in tabaccheria, ma scatta l'allarme È successo nella notte. L'arrivo di Sicuritalia e dei Carabinieri ha mandato in fumo il furto
© 2001-2018 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.