L'operazione
L'operazione "Capojale" della Guardia Costiera
Cronaca

Operazione "Capojale": sequestri e denunce della Guardia Costiera

Appena conclusa un’intensa attività: sequestrata 1 tonnellata di prodotti ittici, denunciate 5 persone

Si è conclusa una vasta operazione su scala regionale che ha visto impegnati dallo scorso 11 settembre il personale e i mezzi della Guardia Costiera, coordinati dal 6° Centro di Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Bari, in un'intensa e capillare attività di contrasto al fenomeno della pesca a strascico di cui è in vigore l'interruzione obbligatoria del suo esercizio, il cosiddetto fermo biologico, volto a tutelare il patrimonio ittico dei mari ed il suo habitat, favorendo la riproduzione delle specie.

L'operazione, concentratasi nella Puglia centro-settentrionale e per questo denominata "Capojale" (dal nome dell'omonima località costiera garganica), ha consentito di accertare e reprimere l'utilizzo di sistemi di pesca indiscriminata e comportamenti non corretti (cattura di pesce allo stato giovanile, pesca in aree e tempi vietati, utilizzo di attrezzi da pesca modificati), tali da comportare danni agli stock ittici e in generale all'ambiente marino.

Gli illeciti riscontrati sono stati spesso esercitati da soggetti con elevata pericolosità sociale: infatti a seguito degli eventi verificatisi nel corso di un controllo, si è dovuto ricorrere all'arresto del comandante del peschereccio resosi responsabile dello speronamento in mare di una motovedetta nelle acque antistanti la città di Trani.

In totale l'operazione ha portato al sequestro di quasi una tonnellata di prodotto ittico e di 5 reti a strascico, con 5 persone denunciate e 43.000 euro di sanzioni amministrative comminate ai trasgressori. Complessivamente sono stati fermati in mare 11 pescherecci e 4 unità da diporto, tutti intenti all'esercizio abusivo della pesca a strascico.

Tra i controlli effettuati si segnalano sanzioni amministrative per un importo complessivo di 26.000 euro e 125 chilogrammi di prodotto ittico sequestrato a 5 pescherecci colti nell'esercizio abusivo della pesca a strascico in tempi non consentiti e l'arresto del comandante di un peschereccio, sorpreso in attività di pesca a strascico, che non ha esitato a speronare la vedetta per sottrarsi al controllo e recuperare la rete destinata al sequestro.

Il comandante del peschereccio, rientrato in porto, è stato arrestato e portato in carcere a Trani su disposizione del sostituto procuratore per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e lesioni aggravate.

Ed ancora: sanzioni amministrative per un totale di 1.000 euro comminate ai conduttori di due natanti da diporto intercettati e identificati da un elicottero della Guardia Costiera, per uso di attrezzo da pesca non consentito e relativo sequestro di reti rudimentali a strascico per complessivi 58 metri di lunghezza, in aggiunta a 55 chilogrammi di prodotto ittico, parte del quale devoluto poi in beneficenza.

Sono stati inoltre sequestrati 780 chilogrammi di prodotto ittico a carico di tre motopesca delle marinerie del Gargano, per violazione di obblighi in materia di registrazione e dichiarazione relative alla cattura, a cui hanno fatto seguito sanzioni amministrative per un totale complessivo di 12.000 euro e sequestrati a Torre a Mare 3 chilogrammi di datteri a tre individui intenti alla pesca vietata dei pregiati molluschi bivalvi.

L'attività di repressione da parte del personale della Guardia Costiera della Direzione Marittima di Bari contro gli illeciti in materia di pesca e commercializzazione illegale di prodotti ittici proseguirà incessante anche nei prossimi giorni in tutta la Puglia, al fine di garantire il rispetto di tutte le misure che tutelano ripopolamento della risorsa ittica.
  • Guardia costiera
Altri contenuti a tema
Operazione "Mare Sicuro": il bilancio della Guardia Costiera Operazione "Mare Sicuro": il bilancio della Guardia Costiera Assicurato il costante monitoraggio di attività marittime e costiere
Pesca a strascico, scacco matto ai "predoni del mare" Pesca a strascico, scacco matto ai "predoni del mare" Fermati dalla Guardia Costiera mentre praticavano la pesca a strascico
Pesce mal conservato, ancora sequestri della Guardia Costiera Pesce mal conservato, ancora sequestri della Guardia Costiera L'operazione in un locale etnico e in uno nel nord barese: in totale trovati oltre 300 chili non a norma
Operazione di polizia giudiziaria "Spiagge libere", oltre 5mila controlli Operazione di polizia giudiziaria "Spiagge libere", oltre 5mila controlli 170 mila euro sanzioni amministrative e 385 illeciti riscontrati. Il bilancio della Guardia Costiera
Guardia Costiera, domani la presentazione dell'operazione "Mare Sicuro 2018" Guardia Costiera, domani la presentazione dell'operazione "Mare Sicuro 2018" Con l'ammiraglio Giuseppe Meli, ci saranno due testimonial d'eccezione: il velista Paolo Semeraro e l’apneista Michele Giurgola
Controlli in mercati e ristoranti: sequestrate 8 tonnellate di prodotti ittici Controlli in mercati e ristoranti: sequestrate 8 tonnellate di prodotti ittici L'operazione messa in campo dalla Guardia Costiera ha riguardato anche la terra di Bari
Al setaccio la filiera della pesca: 7 quintali di merce sequestrata Al setaccio la filiera della pesca: 7 quintali di merce sequestrata Complessa operazione a livello regionale della Guardia Costiera a tutela della sicurezza alimentare
La Regione Puglia “fa il pieno” ai mezzi nautici e terrestri della Guardia Costiera La Regione Puglia “fa il pieno” ai mezzi nautici e terrestri della Guardia Costiera Siglato l'accordo. Particolare riguardo all'operazione "Mare sicuro"
© 2001-2018 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.