lampione spento in via De Ninno. <span>Foto Gianluca Battista</span>
lampione spento in via De Ninno. Foto Gianluca Battista
Attualità

Lampioni spenti in varie zone della città

La gente vuole il ripristino e più sicurezza, il Sindaco precisa

Continuano le segnalazioni di lampioni spenti o di intere via senza luce. Sta succedendo a macchia di leopardo dalla scorsa estate ed il Sindaco, Tommaso Depalma, ha più volte ribadito che l'Enel sta provvedendo a dare soluzione a questi disagi.

Ma questo evidentemente non basta a tanti nostri lettori, i quali ci hanno chiesto di farci portavoce dei disservizi singoli, che quindi non riguardano linee guaste. È, per esempio, il caso di un lampione all'incrocio tra via De Ninno e via Francesco Rucci, nel quartiere Sant'Agostino, spento dal mese di novembre. Il lampione (in foto) non è mai tornato alla sua funzione, sebbene un lettore ci abbia segnalato i reiterati appelli all'Amministrazione comunale. Depalma ci ha risposto che è una linea saltata in zona e che l'Enel conosce il problema, ma non è di semplice risoluzione.

Una situazione non dissimile è riscontrabile nella parte più centrale di via Bisanzio Lupis, al rione San Giuseppe. Un palo della pubblica illuminazione è spento da settimane, forse mesi, di fronte all'entrata nel vicolo pedonale di via Bisanzio Mazza. Anche in questo caso si tratta di un fenomeno segnalato, ma a cui nessuno ha ancora posto rimedio, così come all'incrocio tra via Cialdini e via Bari. Risolti invece i problemi in IV traversa Marconi, almeno questo ci dicono da Palazzo di Città, ed in piazzetta Stallone, nei pressi della stazione ferroviaria.

Sembrerebbe essere stato risolto anche il guasto all'illuminazione nella zona della chiesetta della Misericordia, all'uscita di Giovinazzo Sud della 16 bis ed è stato ripristinato un quadro elettrico in località Ponte.

Infine segnaliamo il caso più eclatante, che è quello del porticciolo e del primissimo tratto del Lungomare Marina Italiana. Le lampade poste lungo le antiche mura aragonesi di Cala Porto sono spente da mesi, ma dall'Amministrazione comunale ci hanno fatto sapere che il tutto è legato al cantiere per la realizzazione della passerella che da Palazzo Vescovile porterà a Levante.

Si tratta dell'ultimo passaggio di quel restyling, ma l'appello di alcuni possessori di barche è giunto forte: bisogna far presto oppure il lavoro per garantire la sicurezza al suo interno, svolto dalle istituzioni, potrebbe andar vanificato.

«Facciamo nostre le segnalazioni - ci ha detto Depalma - più che legittime dei cittadini. Ci stiamo impegnando al massimo, con risorse assai risicate. Ci proviamo e non intendiamo trascurare nessuno dei nostri amministrati. Chiediamo - è la chiosa - un po' di comprensione, pur comprendendo il disagio».
  • Lampioni spenti Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Buio a Ponente Buio a Ponente Intere fasi dell'illuminazione pubblica spente a giorni alterni. Cosa succede?
Buio dal ponte di via Daconto alla rotatoria di via Bitonto Buio dal ponte di via Daconto alla rotatoria di via Bitonto Il problema si è riproposto (forse) dopo le forti piogge di due notti fa
La strana storia dei lampioni accesi di giorno e spenti di notte La strana storia dei lampioni accesi di giorno e spenti di notte La segnalazione dalla zona tra via Bitonto e via Napoli
Buio pesto in via Colapiccoli e via XX Settembre Buio pesto in via Colapiccoli e via XX Settembre La rabbia dei residenti: «Da mesi chiediamo una risoluzione, ma nessuno fa nulla»
Lampioni spenti in via Bovio: i cittadini chiedono un intervento Lampioni spenti in via Bovio: i cittadini chiedono un intervento La richiesta è di ripristino del servizio per aiutare la sicurezza
Lampioni spenti, «via Lupis al buio, invito ai ladri» Lampioni spenti, «via Lupis al buio, invito ai ladri» La rabbia dei residenti: «Praticamente un invito per i malviventi»
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.