Il sequestro dei Carabinieri
Il sequestro dei Carabinieri
Cronaca

L'arresto di un pusher. Poi il blitz nel droga market con le telecamere

Smantellata una piazza di spaccio protetta da videosorveglianza. Sequestrati stupefacenti e contanti

Un'articolata attività investigativa nel territorio di Giovinazzo, ha consentito ai Carabinieri della locale Stazione, agli ordini del luogotenente Dino Amato, e sotto il coordinamento della Compagnia di Molfetta, diretta dal capitano Vito Ingrosso, di individuare due centrali dello spaccio.

Nella prima, un continuo andirivieni di giovani del posto e non, che in diverse ore della giornata si muovevano frettolosamente in alcune stradine adiacenti via Molfetta, aveva attirato l'attenzione dei militari, lasciando ipotizzare che nella zona ci fosse una attività di smercio di sostanze stupefacenti.

La conferma si è avuta, nel cuore della notte, quando verso le ore 03.00 un giovane, avvedutosi dell'arrivo dei Carabinieri, ha lanciato in aria uno zaino, per poi darsi alla fuga. Il soggetto è stato bloccato in via Cattaro, dopo un centinaio di metri e all'interno dello zaino, prontamente recuperato, sono stati trovati quasi 90 grammi di droghe, fra hashish, cocaina e marijuana, un bilancino di precisione e materiale atto al confezionamento: un vero bazar mobile.

Il 40enne di Giovinazzo, Francesco Sfarzetta, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine, è stato tratto in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio. Stessa situazione, nel prosieguo dell'attività, non è sfuggita ai militari, questa volta in via Molfetta, all'interno di una stalla. Infatti, dopo un lungo periodo di abbandono, i Carabinieri della locale Stazione hanno notato alcuni giovani, in tutte le ore del giorno e della notte, entrare ed uscire da quel manufatto.

Deciso il blitz, i militari si sono introdotti all'interno e con sorpresa hanno trovato una vera e propria "cupa", una centrale dello spaccio, con cabina di regia, composta da un impianto di sorveglianza con monitor da 16 pollici, DVR e 4 telecamere, tutte di ultima generazione ad infrarossi, posizionate accuratamente all'esterno; il tutto finalizzato a monitorare l'arrivo dei clienti nonché ad allertare i pusher in caso giungessero le forze dell'ordine.

Insomma i pusher si erano organizzati come la camorra napoletana, proprio come a Scampia, o come la vicinissima Bitonto. Invece delle vedette minorenni che controllano gli accessi al quartiere delle forze di polizia o dei clan rivali, utilizzavano le telecamere per mettersi al riparo dai controlli. Un trucco geniale, in una zona, quella di via Molfetta, divenuta meta di un incessante pellegrinaggio di assuntori di sostanze stupefacenti.

Il locale, dotato di divano e di un tavolo, con finestra, coperta da una tendina rossa, luogo dove avveniva lo scambio denaro-droga, era quindi organizzato ed attrezzato per l'utilizzo come luogo di spaccio. Sul tavolo, difatti, diversi quaderni con su scritte indicazioni di clienti, turni di spaccio (dalle ore 08.00 alle ore 04.00) e somme di denaro, quali proventi dell'attività illecita.

Anche in questo caso, a seguito di accurata perquisizione, sono stati ritrovati diversi quantitativi di droghe e denaro contante, prova che all'arrivo dei militari l'immobile era occupato e solo la presenza delle telecamere aveva consentito ai pusher di darsi alla fuga e sottrarsi alla cattura. Le indagini proseguono per identificare il gruppo degli spacciatori.
4 fotoL'arresto di un pusher. Poi il blitz nel droga market con le telecamere
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Droga Giovinazzo
  • Arresti Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Ripulivano le scuole di Giovinazzo, scacco ai ladri di computer Ripulivano le scuole di Giovinazzo, scacco ai ladri di computer Arrestato un 18enne dai Carabinieri, denunciati anche due minorenni. Trovati 7 pc, radio ricetrasmittenti e arnesi da scasso
Furto alla San Giovanni Bosco. Sollecito: «Che tristezza rubare ai bambini» Furto alla San Giovanni Bosco. Sollecito: «Che tristezza rubare ai bambini» I ladri sono entrati nell'istituto scolastico di piazza Garibaldi. Le indagini affidate ai Carabinieri
Chiedono soldi per ritirare una querela. Arrestati Chiedono soldi per ritirare una querela. Arrestati Due terlizzesi di 57 e 43 anni sono stati colti in flagranza di reato dai Carabinieri
Sicurezza, parola d'ordine per San Silvestro Sicurezza, parola d'ordine per San Silvestro Carabinieri e Polizia Locale schierati contro alcol, droga e per prevenire gli incidenti stradali
Svaligiato il bar dell'area di servizio Q8 Svaligiato il bar dell'area di servizio Q8 I ladri sono fuggiti con 500 euro e vari tagliandi delle lotterie istantanee. Sul posto i Carabinieri
Hashish nella cappa della cucina: arrestato un 29enne Hashish nella cappa della cucina: arrestato un 29enne Irruzione dei Carabinieri in un appartamento di via Antinacio, sequestrati 35 grammi di sostanza stupefacente
Presa la banda dei furti d'auto, agivano anche a Giovinazzo Presa la banda dei furti d'auto, agivano anche a Giovinazzo 14 i colpi accertati, arrestati dai Carabinieri di Matera due pregiudicati di Bitonto
Pene da scontare, i Carabinieri portano in carcere un 34enne Pene da scontare, i Carabinieri portano in carcere un 34enne L'uomo, residente in città, dovrà scontare 4 anni e 6 mesi per estorsione e rapina aggravata
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.