don Luigi Caravella (Foto Depergola TV)
don Luigi Caravella (Foto Depergola TV)
Chiesa locale

Don Luigi Caravella si è insediato a San Giuseppe

Ieri la cerimonia di ingresso alla presenza di Mons. Cornacchia. Ai saluti don Raffaele Gramegna

«Ti auguro di poterla sentire così, come la tua comunità». L'augurio di un commosso don Raffaele Gramegna è giunto a don Luigi Caravella forte e chiaro, davanti ad una parrocchia di San Giuseppe gremita. Sarà lui a guidarla nei prossimi anni e l'eredità non è di quelle semplici.

La parrocchia di via Dogali ha da ieri sera una nuova guida spirituale, insediatasi in una solenne celebrazione alla presenza di Mons. Domenico Cornacchia, Vescovo della Diocesi di Molfetta, Ruvo di Puglia, Giovinazzo e Terlizzi, del clero locale e delle autorità civili.

Nella parole del sacerdote che lascia tutta l'emozione per un lungo lavoro pastorale, durato nove anni, in cui è riuscito a cambiare il volto non solo ad una comunità di fedeli, ma forse ad un intero quartiere. Nel suo destino un'altra parrocchia intitolata a San Giuseppe, questa volta a Molfetta, sebbene nel suo animo, come nei suoi occhi, fosse dipinta una grande emozione «che solo il mio cuore e quello di Dio conoscono».

A don Luigi Caravella, giovinazzese di nascita, è giunto l'abbraccio forte di una comunità di fedeli che lo ha accolto come si accoglie un fratello o un figlio.

«Bisogna avere gli occhi puntati su di Lui - ha detto il nuovo parroco ricordando una scritta all'interno della chiesa - in tutto ciò che facciamo, nel nostro essere comunità, nel nostro essere al servizio del Vangelo, nel nostro esprimere la Carità». Don Luigi ha elogiato l'intero consesso di fedeli, ricordando come si tratti di una comunità viva nella preghiera, abituata a fare un cammino insieme, aperta, in cui «anche i bambini non hanno paura di entrare in chiesa».

Il suo grazie è infine andato al Vescovo, alla parrocchia di Sant'Achille, al Vicario generale don Raffaele Tatulli, alla famiglia di origine, agli altri parroci giovinazzesi, all'Azione Cattolica diocesana, alla comunità del Seminario vescovile ed al lavoro svolto da don Raffaele Gramegna, auspicando una stretta collaborazione con l'omonima parrocchia molfettese.

La chiusura di Monsignor Cornacchia è stata rivolta ai parrocchiani ed è suonata come un manifesto del suo operato: «Ho visto una comunità orante - ha detto - e vi chiedo di pregare per noi, che siamo ciò che voi ci fate essere. Siate esigenti con noi sacerdoti - ha concluso - e vi daremo tutto».

Il Vescovo ha infine ricordato l'ormai prossimo viaggio in Argentina, in compagnia di don Raffaele e don Beppe de Ruvo, dove incontrerà i giovinazzesi ed i molfettesi che sono andati a vivere in quella terra in cerca di un futuro migliore.




  • Diocesi Molfetta - Ruvo - Giovinazzo - Terlizzi
  • Parrocchia San Giuseppe
  • Mons. Domenico Cornacchia
  • Don Luigi Caravella
Altri contenuti a tema
Mons. Cornacchia al Papa: «Gratitudine per averci accolti a casa sua» Mons. Cornacchia al Papa: «Gratitudine per averci accolti a casa sua» Ieri l'udienza in Vaticano di oltre 3.500 fedeli, 600 dei quali provenienti da Giovinazzo
600 giovinazzesi in visita al Papa 600 giovinazzesi in visita al Papa Depalma: «Un grazie a questo esercito di gioia, bellezza e luce negli occhi». don Gianni Fiorentino: «Col Papa per costruire la Chiesa che vuole Gesù»
La Diocesi in udienza dal Papa. È festa per tanti fedeli di Giovinazzo La Diocesi in udienza dal Papa. È festa per tanti fedeli di Giovinazzo Decine i pullman in partenza alla volta del Vaticano. L'arrivo del Pontefice in Aula Paolo VI atteso per mezzogiorno
Scatti & Scritti, laboratorio diocesano per Animatori della Comunicazione Scatti & Scritti, laboratorio diocesano per Animatori della Comunicazione Partirà il 24 novembre un nuovo percorso che analizzerà anche il mondo dei social network
2 novembre, Giovinazzo ha ricordato i suoi defunti 2 novembre, Giovinazzo ha ricordato i suoi defunti Ieri la cerimonia davanti al monumento ai Caduti del Mare. Poi la messa del Vescovo a cui hanno partecipato tanti fedeli
Commemorazione dei morti: il programma della giornata Commemorazione dei morti: il programma della giornata Monsignor Cornacchia a Giovinazzo per celebrare messa al cimitero
Stasera Dario Vacca sarà ordinato sacerdote Stasera Dario Vacca sarà ordinato sacerdote Celebrazione alle 19.30 nella Cattedrale di Molfetta
Commemorazione dei morti, il 2 novembre Mons. Cornacchia a Giovinazzo Commemorazione dei morti, il 2 novembre Mons. Cornacchia a Giovinazzo Sarà celebrata una messa nel cimitero comunale
© 2001-2018 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.