Casale Rufolo
Casale Rufolo
Eventi e cultura

Apertura straordinaria di Casale Rufolo grazie al FAI

Questa mattina visite guidate dalle 10.00 alle 13.00

Il gruppo FAI di Giovinazzo, proseguendo la collaborazione con il Consorzio Oliveti d' Italia, domenica 20 maggio propone l' apertura straordinaria di Casale Rufolo, sulla strada provinciale che collega Giovinazzo a Terlizzi. Le visite guidate saranno curate dai volontari FAI e dagli Apprendisti Ciceroni studenti del Liceo Classico e Scientifico "M.Spinelli" di Giovinazzo.

La costruzione del Casale Rufolo è connessa alla storia della produzione dell'olio in terra di Bari: tra l'XI ed il XIII secolo grazie ai proventi rivenienti dal commercio dell'olio numerosi centri tra cui Giovinazzo e Bitonto, acquisirono grande importanza. Qui si stabilirono importanti famiglie di Amalfitani, Ravellesi e Sorrentini: Labini, Bove e Rogadeo a Bitonto, Rufolo a Giovinazzo.

Grazie all'apporto di queste famiglie il paesaggio agrario di questa zona nel periodo normanno si popolò di strutture fortificate che rispondevano non solo ad esigenze di difesa, ma costituivano con i centri urbani e gli insediamenti rurali un sistema integrato di organizzazione del territorio. Torre Rufolo si avvalse altresì del porto naturale di Giovinazzo per il commercio dell'olio con i centri adriatici della costa dalmata, con l'Istria e con Venezia.

Il 6 maggio del 1957
con Decreto del Ministro della Pubblica Istruzione il complesso viene dichiarato di interesse pubblico e culturale in quanto espressione di Arte Medioevale , dagli anni '70 diviene di proprietà del Demanio che nel 2006 avvia la prima fase del progetto di recupero come elaioteca, conclusa nel 2008. Costruito nella seconda metà del 1300 il Casale Rufolo dal punto di vista architettonico si prefigura come una masseria fortificata estesa circa 1 ettaro, cinta da mura con due torri angolari a due piani, che presenta una serie di costruzioni a piano terra assimilabili per tecnica di costruzione all'età sveva e protoangioina.

Dal punto di vista dell'economia agraria può essere assimilato alle prime forme di produzione preindustriale di olio, per la presenza di due grandi volumi di pianta rettangolare con grandi lamie coperte a chiancarelle adibiti alla lavorazione delle olive per la produzione di olio, che sostanziano il "trappeto di campagna", distinto da quello urbano. Al centro di questi volumi sono presenti le postazioni dei torchi, al di sotto dei quali vi sono le vasche di raccolta dell'olio; nelle pareti laterali sono posizionati i pozzetti, i separatori e le posture.

Dal 2011 la gestione ed il completamento del progetto di recupero è stato affidato al Consorzio "Oliveti d'Italia" , al fine di realizzare un centro di animazione territoriale per la promozione dell'olio di qualità, del turismo e degli eventi culturali di Terra di Bari La visita è a contributo libero richiesto dai volontari per la raccolta fondi FAI, Fondo Ambiente Italiano.

Le visite guidate cominceranno alle ore 10.00 e si terranno fino alle 13.00. Gli iscritti al FAI avranno corsie preferenziali.
  • Casale Rufolo
  • FAI Giovinazzo
Altri contenuti a tema
«La Giovinazzo che vorremmo», PVA esalta il lavoro del FAI Giovinazzo «La Giovinazzo che vorremmo», PVA esalta il lavoro del FAI Giovinazzo Dal partito di opposizione i complimenti ad organizzatori e volontari delle Giornate di Primavera
La grande bellezza La grande bellezza Le Giornate FAI di Primavera hanno portato a Giovinazzo migliaia di visitatori da tutta la regione interessati al nostro patrimonio architettonico e storico
Giornate FAI di Primavera: pieno di consensi al sabato Giornate FAI di Primavera: pieno di consensi al sabato Ed oggi si replica dalle 9.30 alle 19.00. Aperti ancora Palazzo Messere e la chiesa della Madonna degli Angeli
Palazzo Messere aperto per le Giornate FAI di Primavera Palazzo Messere aperto per le Giornate FAI di Primavera Visitabili eccezionalmente le chiese della Madonna degli Angeli e di Santa Maria de lo Muro. Tutte le info per partecipare
Giornate di Primavera FAI: a Giovinazzo aperto Palazzo Messere Giornate di Primavera FAI: a Giovinazzo aperto Palazzo Messere Visite nel centro storico grazie al locale Gruppo FAI. A Molfetta aperto il Seminario Regionale
Sabato e domenica ritornano le Giornate FAI di Primavera Sabato e domenica ritornano le Giornate FAI di Primavera Un'apertura a Giovinazzo ed una a Molfetta. Oggi presentazione alla stampa a Bari
Luoghi del Cuore FAI: l'IVE è 62° su oltre 37mila luoghi segnalati Luoghi del Cuore FAI: l'IVE è 62° su oltre 37mila luoghi segnalati Camporeale: «Risultato lusinghiero che testimonia legame tra persone e territori»
Giornate FAI d'Autunno, uno spot per Giovinazzo Giornate FAI d'Autunno, uno spot per Giovinazzo Tante visite ieri a Palazzo Saraceno e sabato a Casino Messere
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.