Ristorante
Ristorante
Attualità

La Puglia riparte: cosa cambia da lunedì a Giovinazzo

Le novità dopo l'ordinanza che ci colloca in zona gialla

La Puglia entrerà ufficialmente in zona gialla lunedì 10 maggio, grazie all'ordinanza disposta dal Ministro della Salute Roberto Speranza in base all'ultimo monitoraggio effettuato dall'Istituto superiore di sanità. L'abbandono dell'area arancione comporterà su tutto il territorio regionale un nuovo allentamento delle misure restrittive, soprattutto per quanto riguarda gli spostamenti, gli spettacoli, bar e ristoranti.
Nel dettaglio cosa cambierà anche per i cittadini giovinazzesi.

Spostamenti

Consentiti i movimenti anche tra Comuni della stessa Regione di residenza e la possibilità di andare a trovare amici e parenti in un'altra abitazione fino a un massimo di 4 persone (minori di 14 anni e persone con disabilità escluse dal conteggio) per una sola volta al giorno. Per spostarsi verso un'altra Regione, sarà necessario la certificazione verde: lo potrà richiedere chi ha completato il ciclo di vaccinazione, chi si è ammalato di Covid ed è guarito e chi ha effettuato test molecolare o test rapido con esito negativo nelle ultime 48 ore.
Il coprifuoco è sempre fissato dalle ore 22 fino alle 5 del mattino.

Bar e ristoranti

Le attività di ristorazione potranno riaprire a pranzo e a cena, purché in uno spazio all'aperto, dalle 5 alle ore 22. Sempre consentita la vendita con asporto o consegna a domicilio. Fino al 31 maggio (compreso) non si potranno consumare cibi e bevande all'interno dei locali.
L'ingresso e la permanenza nei locali da parte dei clienti sono consentiti per l'uso dei servizi igienici, per effettuare il pagamento del conto (ove non fosse possibile effettuarlo all'esterno) o per acquistare i prodotti per asporto, per il tempo strettamente necessario a tali necessità e sempre nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio.

Attività commerciali

Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Nelle giornate festive e prefestive saranno chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, lavanderie e tintorie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie.
Le attività commerciali al dettaglio si svolgeranno comunque a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni.

Parrucchieri e centri estetici

Barbieri, parrucchieri e centri estetici restano aperti.

Spettacoli

Cinema, teatri, sale concerto, live club riapriranno al pubblico.
Le disposizioni: «I posti a sedere sono preassegnati a una distanza di un metro l'uno dall'altro. La capienza massima consentita è pari al 50% di quella massima autorizzata e comunque non superiore a 500 spettatori al chiuso e 1000 all'aperto». In relazione all'andamento epidemiologico e alle caratteristiche dei siti, si potrà autorizzare la presenza di un numero maggiore di spettatori all'aperto, nel rispetto delle indicazioni del Comitato tecnico scientifico e delle linee guida.

Sport

È consentito svolgere attività motoria all'aperto nel rispetto delle norme di distanziamento e senza alcun assembramento.
L'attività sportiva di base individuale, di squadra e di contatto può essere svolta nei parchi pubblici e privati, nelle aree attrezzate all'aperto, negli spazi all'aperto di centri e circoli sportivi, pubblici e privati del proprio Comune o di un altro, nel rispetto delle linee guida stabilite.
  • Zona gialla
Altri contenuti a tema
Slitta al 19 maggio il coprifuoco dalle 23.00 Slitta al 19 maggio il coprifuoco dalle 23.00 Confermati invece tutti i successivi step di allentamento delle misure restrittive
La domenica di Giovinazzo tra voglia di normalità e qualche eccesso La domenica di Giovinazzo tra voglia di normalità e qualche eccesso Qualcuno è andato al mare, altri hanno preferito una passeggiata. Quasi tutti sono stanchi delle resrizioni
Giovinazzo e la Puglia in zona gialla almeno fino al 23 maggio Giovinazzo e la Puglia in zona gialla almeno fino al 23 maggio In diminuzione i ricoveri e si abbassa anche l'indice di contagio
Giovinazzo e la Puglia tornano in zona gialla Giovinazzo e la Puglia tornano in zona gialla Da lunedì 10 maggio spazio a nuove riaperture
Lopalco ottimista su Puglia in zona gialla dal 3 maggio Lopalco ottimista su Puglia in zona gialla dal 3 maggio L'indice Rt resta inferiore ad uno, anche se non mancano le criticità
Draghi: «Didattica in presenza e riaperture ristorazione dal 26 aprile» Draghi: «Didattica in presenza e riaperture ristorazione dal 26 aprile» Restrizioni inferiori per chi avrà l'opportunità di allestire tavoli all'aperto
Giovinazzo ancora in zona gialla: le regole da seguire dopo il nuovo DPCM Giovinazzo ancora in zona gialla: le regole da seguire dopo il nuovo DPCM Cosa si può fare e cosa no alla luce del Decreto emanato da Draghi e valido fino al 6 aprile prossimo
Giovinazzo e tutta la Puglia in zona gialla sino al 6 marzo Giovinazzo e tutta la Puglia in zona gialla sino al 6 marzo Nella serata di ieri è arrivata l'ordinanza del Ministro Speranza
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.