L'interno del Casale San Martino. <span>Foto Michele Camporeale</span>
L'interno del Casale San Martino. Foto Michele Camporeale
Eventi e cultura

Il 22 settembre tornano le domeniche del FAI a Casale Rufolo

Tutte le info su programma, visite guidate e degustazioni

Elezioni Regionali 2020
Il 22 settembre 2019, il Gruppo FAI di Giovinazzo organizza "La domenica del FAI al Casale Rufolo". Il bene è stato riaperto al pubblico dopo quarant'anni, in occasione delle Giornate FAI di Primavera del 2017.

Si partirà con la visita guidata, che sarà imperniata sul percorso di conoscenza di una sequenza di architetture tardomedioevali in pietra, di cui appaiono preminenti le due torri angolari innestate sul perimetro di cinta, e i due grandi ambienti, trappeti, adibiti alla lavorazione delle olive ed alla loro premitura per la produzione di olio; questi ultimi di epoca protoangioina. Coperti a chiancarelle, conservano al loro interno le grandi macine che ruotando determinavano la frangitura delle olive, e gli stalli di alloggiamento dei torchi con le sottostanti cisterne di raccolta dell'olio. Nel percorso di visita si potrà apprezzare la qualità del restauro degli ambienti eseguito a cura della Soprintendenza che ne detiene la proprietà, ed un affresco neobizantino conservato in una cappella.

La costruzione del Casale Rufolo è connessa alla storia della produzione dell'olio in terra di Bari: tra l'XI ed il XIII secolo grazie ai proventi rivenienti dal commercio dell'olio numerosi centri tra cui Giovinazzo e Bitonto, acquisirono grande importanza. Protagonista delle degustazioni sarà infatti l'olio, in particolare l'Oro di Rufolo utilizzato anche per assaggi dolciari a cura della Pasticceria Giotti.

Inoltre guidati dall'Associazione Compagnia d'arme Stratos, si traccerà un percorso conoscitivo delle farine e della produzione di frumento tra tarda antichità e medioevo. Per l'occasione gli spazi esterni verranno allestiti da Ellegidue.

Un viaggio tra un repertorio musicale vario sarà poi offerto dal'Time2Quartet' ovvero Antonio Palmiotti e Michele Saracino al violino, Dario Cappiello alla viola e Gabriele Marzella al violoncello.

Il casale fortificato detto di "Torre Rufolo" , dal nome della famiglia di ravellesi che lo edificò, sito lungo la provinciale che collega Giovinazzo a Terlizzi, fu costruito nella seconda metà del 1300 come residenza ed annesso "trappeto rurale" per la lavorazione delle olive e la produzione di olio.

Un luogo che può tornare a svolgere un ruolo significativo, gestito dal consorzio di "Oliveti d'Italia" che fa capo alla associazione nazionale di produttori olivicoli ASSOPROLI, collocato in territorio agricolo lungo una delle "Vie dell'olio".
Il gruppo FAI intende così mantenere vivo l'interesse della comunità verso un possibile riuso con funzioni adeguate alla bellezza ed importanza architettonica.

Gli appuntamenti sono alle ore 9.30 oppure ore 11.30. È necessaria la prenotazione al 347 53 55 606.
  • Casale Rufolo
  • FAI Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Giovinazzo celebra oggi la "Giornata FAI all'aperto" Giovinazzo celebra oggi la "Giornata FAI all'aperto" Appuntamento imperdibile organizzato dal locale Gruppo per conoscere la storia del contado giovinazzese
Una giornata "Tra vicoli e palazzi dell’antica Iuvenacium" Una giornata "Tra vicoli e palazzi dell’antica Iuvenacium" #cosaFAIdomenica? è una inizitaiva del FAI Bari in collaborazione con la delegazione giovinazzese
Pieno di pubblico e consensi per le Giornate FAI d'Autunno nell'agro tra Giovinazzo e Terlizzi (FOTO) Pieno di pubblico e consensi per le Giornate FAI d'Autunno nell'agro tra Giovinazzo e Terlizzi (FOTO) Tanti visitatori per scoprire bellezza e storia della chiesa di San Martino e della Villa dei Vescovi
Giornate FAI d'Autunno: tra Giovinazzo e Terlizzi aprono la Chiesa di San Martino e la Villa dei Vescovi Giornate FAI d'Autunno: tra Giovinazzo e Terlizzi aprono la Chiesa di San Martino e la Villa dei Vescovi Tutte le info per partecipare ad una due giorni dall'altissimo valore culturale
«La Giovinazzo che vorremmo», PVA esalta il lavoro del FAI Giovinazzo «La Giovinazzo che vorremmo», PVA esalta il lavoro del FAI Giovinazzo Dal partito di opposizione i complimenti ad organizzatori e volontari delle Giornate di Primavera
La grande bellezza La grande bellezza Le Giornate FAI di Primavera hanno portato a Giovinazzo migliaia di visitatori da tutta la regione interessati al nostro patrimonio architettonico e storico
Giornate FAI di Primavera: pieno di consensi al sabato Giornate FAI di Primavera: pieno di consensi al sabato Ed oggi si replica dalle 9.30 alle 19.00. Aperti ancora Palazzo Messere e la chiesa della Madonna degli Angeli
Palazzo Messere aperto per le Giornate FAI di Primavera Palazzo Messere aperto per le Giornate FAI di Primavera Visitabili eccezionalmente le chiese della Madonna degli Angeli e di Santa Maria de lo Muro. Tutte le info per partecipare
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.