Icaro durante una esibizione. <span>Foto Antonio Chimenti</span>
Icaro durante una esibizione. Foto Antonio Chimenti
Musica

Festival in...Porto, Icaro omaggia Renato Zero

Stasera l'artista romano in piazza Vittorio Emanuele II: «Vi farò vivere i migliori anni della vostra vita»

Si apre questa sera la quindicesima edizione di Festival in...Porto, la rassegna musicale per tribute band ideata ed organizzata dagli Amici della Musica di Giovinazzo ed inserita nel cartellone dell'Estate Giovinazzese varata dal Comune.

Ad esibirsi nella centralissima piazza Vittorio Emanuele II ci sarà Icaro, al secolo Roberto Rossiello che, accompagnato da un meraviglioso quartetto d'archi, farà vivere al pubblico pugliese un live extended che omaggerà il talento e la voce di Renato Zero. "Sorcini" e non sono chiamati a raccolta.

Lo abbiamo intercettato alla vigilia del concerto e questo è ciò che ci ha raccontato.

Roberto, ci puoi spiegare perché hai scelto il nome Icaro?
È una bella storia. Si tratta del titolo del primo album di Renato che ho ascoltato. Ero ragazzino e mi attirò questa copertina arancione acceso, con la piccolissima scritta "Icaro". Lo scovai tra le cose di mia madre e solo tempo dopo scoprii che in realtà era un prestito di una sua amica. Prestito che per evidenti ragioni non ha più fatto ritorno dalla sua legittima proprietaria.

Chi ti conosce bene sostiene che hai davvero tutto ciò che riguarda il "mondo Zero"...
Sì, è vero. Anzi ci tengo a precisare che io sono un fan di Renato e come tale ho di tutto: video, cassette, cd, vinili, cimeli di ogni tipo, libri. Tutto del suo mondo mi ha affascinato da quel giorno in cui ho scoperto quella copertina arancione. Un amore che non si è più arrestato. Sono un sorcino e me ne vanto.

Sorcino, romano, una delle migliori voci che lo interpretano in Italia. Cosa pensa lui di te? Vi conoscete?
Non sono uno di quelli che racconta favole in giro: l'ho incontrato certamente, ma non mi permetterei mai di dire che siamo amici o roba simile. Io resto un suo fan e quando posso lo incontro nelle sue uscite pubbliche, punto. Ora vivo di questo, certo, e mi sento fortunato. Ma non racconto mai frottole al mio pubblico, con cui ho sempre avuto un bellissimo rapporto d'interazione.

Cosa caratterizza le tue performance sul palco?
Sicuramente la passione è la particolarità che fa la differenza. Io non sono lui, nessuno può essere lui e questa consapevolezza, unita alla cura maniacale di alcuni particolari, fa la differenza.

Come mai hai scelto Giovinazzo come tappa del tuo tour in giro per l'Italia? Che spettacolo si devono aspettare i pugliesi?
A dirla tutta sono stato contattato dagli organizzatori ed ho buone referenze su Festival in...Porto. Pertanto è stato semplice accettare. Quest'anno abbiamo studiato un nuovo modo di stare sul palco con il live ed il quartetto d'archi e penso sia molto gradevole. Non è stato affatto semplice all'inizio, non lo nego, perché portare musicisti, abituati a suonare grandi compositori classici, ad accompagnare musiche di Renato Zero, è stata una scommessa. Poi grazie al mio bassista, che è anche Maestro, abbiamo trovato professioniste serie e ci si è venuti incontro, realizzando un live extended davvero interessante. E voglio anche precisare che sul palco vedrete sì tanti cambi di costume, ma non penne di struzzo o stravaganze anni '70. Si tratta di abiti di scena dell'ultimo periodo di Renato.

E allora hai l'occasione di invitare i pochi che ancora non hanno acquistato il biglietto: cosa vuoi dir loro?
Beh, che vengano a vederci e soprattutto ad ascoltarci. Si potranno godere uno spettacolo che ripercorrerà i "migliori anni della loro vita", che siano o meno sorcini. Tantissime le canzoni che sicuramente conoscono. È un concerto per tutti e questa mi sembra una ghiottissima occasione per ascoltare bella musica e godere di una serata serena con amici.
  • Festival in...Porto
  • Icaro
Altri contenuti a tema
Festival in...Porto, Michele Castro racconta come è nata l'edizione 2019 Festival in...Porto, Michele Castro racconta come è nata l'edizione 2019 La nostra intervista al direttore artistico della rassegna musicale che si svolgerà dal 9 all'11 agosto prossimi
Un mese ad un'edizione di Festival in...Porto che si preannuncia frizzante Un mese ad un'edizione di Festival in...Porto che si preannuncia frizzante Il 9, 10 ed 11 agosto piazza Vittorio Emanuele II ospiterà i tributi a Ranieri, Zucchero e Madonna
Ranieri, Zucchero, Madonna: tutto il programma di Festival in...Porto 2019 Ranieri, Zucchero, Madonna: tutto il programma di Festival in...Porto 2019 Presentato nel conviviale del 10 marzo, sarà ricco e capace di soddisfare ogni palato. Appuntamento al 9,10 e 11 agosto
Stregati dai Frankie & Canthina with Orchestra Stregati dai Frankie & Canthina with Orchestra Strepitoso omaggio a Barry White nell'ultima serata di Festival in...Porto
Il rock è donna Il rock è donna L'energia incontenibile dell'Italian Women Tribute ha caratterizzato la seconda serata di Festival in...Porto
1 Icaro e il suo volo nella notte delle stelle Icaro e il suo volo nella notte delle stelle Sold out nella prima serata di Festival in...Porto. Performance eccezionale dell'artista romano che ha reso omaggio al grande Renato Zero
Italian Women Tribute, cinquant’anni di storia musicale al femminile in uno show Italian Women Tribute, cinquant’anni di storia musicale al femminile in uno show Stasera la band sarà la protagonista della seconda serata di “Festival in…Porto” 2018
Festival in...Porto, domani al via la XV edizione: il programma Festival in...Porto, domani al via la XV edizione: il programma Il direttore artistico: «Scelte fatte con cuore e orecchio». Il presidente: «Sarà festa dell'amicizia»
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.