Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

La Corte deciderà il 14 marzo il "pasticciaccio" della zona D1.1

Ieri in aula il procuratore generale Rizzo ha chiesto la conferma del provvedimento di confisca

La data c'è, la decisione sarà assunta il 14 marzo prossimo. Il nodo D1.1 sarà sbrogliato fra poco meno di due mesi. E se il reato di lottizzazione abusiva per 144 persone è ormai prescritto, il vero nocciolo della questione resta la confisca di 123 lotti ricadenti nella maglia artigianale.

Sotto i riflettori c'è proprio questa vicenda. La possibilità di sottrarre in via definitiva un bene a qualcuno, in assenza di una sentenza di condanna. In caso cioè di prescrizione. La Corte Europea per i Diritti dell'Uomo si è espressa, il 28 giugno 2018, sulla vicenda che aveva portato alla confisca dei beni ai proprietari dei lotti della zona 167 e la condanna in primo grado per lottizzazione abusiva di dirigenti comunali, progettisti, artigiani ed imprenditori.

La Grande Camera della Corte con sede a Strasburgo ha in realtà sancito che la confisca di quei beni è illegittima. Una sentenza che, in estate, fu salutata con giubilo dall'avvocato Daniele de Gennaro, oggi consigliere comunale, ma legale di molte persone coinvolte nella vicenda: «È una grande giornata per Giovinazzo - disse -. La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha sancito che non si può procedere a confisca dei beni se il reato è prescritto».

Per Tiziano Tedeschi, invece, «la controversa vicenda giudiziaria che riguarda la D1.1, purtroppo, - le sue parole rilasciate a GiovinazzoViva.it - non risulta essere in via di risoluzione. Dalla lettura delle motivazioni della sentenza del 28 giugno 2018 non emergono elementi che possano creare l'auspicio di una risoluzione. Anzi, la sentenza conferma i fondati timori, che, nonostante i termini di prescrizione, i lotti possano essere oggetto di confisca».

E infatti, proprio ieri mattina, in aula, a Bari, il procuratore generale Carmelo Rizzo, ha chiesto l'avvenuta dichiarazione di prescrizione del reato con la conferma del provvedimento di confisca ritenendo che tale provvedimento sia stato legittimo anche a seguito della sentenza della Suprema Corte ed illustrando in maniera molto schematica e succinta le ragioni per le quali ritiene che quella sentenza non meriti nessun tipo di censura.

Il presidente Maria Iacovone, dopo aver preso la parola, ha chiesto alle difese ed al collegio di difesa di concludere. Il Comune di Giovinazzo, rappresentato dal penalista Giuseppe Tempesta, ha terminato anch'esso la parte civile chiedendo la conferma della sentenza di primo grado per il reato di lottizzazione abusiva con l'istituzione civile in ordine al risarcimento del danno.

Stabilite, infine, le prossime udienze per la discussione delle difese: si terranno il 14 febbraio ed il 14 marzo prossimi, data in cui la Corte d'Appello intenderà concludere il processo sul "pasticciaccio" della zona D1.1.
  • D1.1 Giovinazzo
  • Zona artigianale Giovinazzo
  • Processo D1.1
Altri contenuti a tema
D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» Secondo il penalista «la pronuncia della Corte Europea non ha confermato le aspettative dei diretti interessati»
D1.1 Giovinazzo, Gianni Del Giudice traccia la rotta D1.1 Giovinazzo, Gianni Del Giudice traccia la rotta Il Consigliere di Città del Sole, personalmente toccato dalla vicenda giudiziaria, sta lavorando al ripristino della funzionalità dell'intera area
Interventi di pulizia nella D1.1 di Giovinazzo Interventi di pulizia nella D1.1 di Giovinazzo Ripristinata anche la pubblica illuminazione su via Napoli
Cassette postali sradicate dal suolo alla D1.1 Cassette postali sradicate dal suolo alla D1.1 Due le ipotesi al vaglio: un atto di vandalismo oppure un incidente stradale
Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche» Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche» La decisione del presidente di Amra s.r.l. e Draka Production perché «la zona D1.1 è diventata una vergogna»
D1.1, la Corte Europea per i Diritti dell'Uomo dichiara illegittima la confisca D1.1, la Corte Europea per i Diritti dell'Uomo dichiara illegittima la confisca La pronuncia su situazioni giuridiche a cui quella giovinazzese è assimilabile. Daniele de Gennaro: «Il Comune ritiri la costituzione di parte civile»
Processo D1.1, tutto sospeso in attesa della pronuncia della Corte Europea Processo D1.1, tutto sospeso in attesa della pronuncia della Corte Europea Resta da sciogliere il nodo della confisca in caso di prescrizione del reato. Si tornerà in aula nel 2019
Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Torna in aula il processo D1.1, in attesa della Grande Camera. I pareri degli avvocati de Gennaro, Mastro, Mongelli e Tedeschi
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.