La zona artigianale di Giovinazzo
La zona artigianale di Giovinazzo
Attualità

Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche»

La decisione del presidente di Amra s.r.l. e Draka Production perché «la zona D1.1 è diventata una vergogna»

Elezioni Regionali 2020
«Questo è lo stato in cui versa l'area artigianale di Giovinazzo tra rovi e discariche in cui ogni forma aliena può vivere agilmente tranne noi, presunti fruitori di una zona in totale stato di abbandono».

Non usa mezzi termini l'amministratore unico di Amra s.r.l., Corrado Azzollini, per fotografare lo stato dell'area D1.1, alla periferia nord del paese, comunicando la volontà di lasciare definitivamente la sede della società di via delle Ricamatrici: «Purtroppo - dice ancora - abbiamo deciso come azienda di abbandonare questa città, Giovinazzo, e di spostarci in paesi vicini dove sanno meglio cos'è l'accoglienza e il rispetto di chi ci vive e lavora».

«Lavorare nella zona artigianale è diventata una vergogna - incalza Azzollini -. Tra buche, topi e siringhe c'è di tutto. E per buttare un minimo di asfalto, pulire o fare una disinfestazione non serve nulla, se non la buona volontà di chi ci amministra. Queste sono azioni che nessun giudice deve autorizzare! La responsabilità è solo dell'attuale amministrazione comunale».

Ha senso parlare di ricostruzione senza uno sviluppo? «Giovinazzo merita rispetto. Anni fa era l'unico centro storico ristrutturato e poteva vivere di rendita. Ora i paesi vicini vincono 10-0 e nessuno se ne accorge. E continuando così - conclude Azzollini -, Giovinazzo diventerà sempre più un paese dormitorio».
6 fotoAzzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche»
Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche»Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche»Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche»Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche»Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche»Azzollini lascia Giovinazzo: «Costretti a lavorare tra rovi e discariche»
  • Corrado Azzollini
  • D1.1 Giovinazzo
  • Zona artigianale Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Il Consiglio approva all'unanimità: IMU rinviata al 16 settembre Il Consiglio approva all'unanimità: IMU rinviata al 16 settembre Ieri la prima massima assise in Aula Pignatelli post emergenza sanitaria con scontro politico su D1.1
D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Tedeschi: «È una storia infinita» D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Tedeschi: «È una storia infinita» Lo ha deciso la Corte di Appello di Bari sollevando una questione di legittimità
D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Il commento dell'avvocato Depalma D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Il commento dell'avvocato Depalma Lo ha deciso la Corte di Appello di Bari sollevando una questione di legittimità
Ville abusive, ma reati prescritti: «Corte Costituzionale valuti la confisca» Ville abusive, ma reati prescritti: «Corte Costituzionale valuti la confisca» Una storia giudiziaria lunga 10 anni: la Corte di Appello di Bari ha sollevato una questione di legittimità costituzionale
Lottizzazione D1.1: la parola alla Corte Costituzionale Lottizzazione D1.1: la parola alla Corte Costituzionale Colpo di scena nel processo d'Appello. Sollevata una questione di legittimità costituzionale
La Corte deciderà il 14 marzo il "pasticciaccio" della zona D1.1 La Corte deciderà il 14 marzo il "pasticciaccio" della zona D1.1 Ieri in aula il procuratore generale Rizzo ha chiesto la conferma del provvedimento di confisca
D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» Secondo il penalista «la pronuncia della Corte Europea non ha confermato le aspettative dei diretti interessati»
D1.1 Giovinazzo, Gianni Del Giudice traccia la rotta D1.1 Giovinazzo, Gianni Del Giudice traccia la rotta Il Consigliere di Città del Sole, personalmente toccato dalla vicenda giudiziaria, sta lavorando al ripristino della funzionalità dell'intera area
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.