Gesù porta la croce. <span>Foto Gianluca Battista</span>
Gesù porta la croce. Foto Gianluca Battista
Chiesa locale

Stop alle processioni: le disposizioni per la Settimana Santa a Giovinazzo

Tutte le città della Diocesi dovranno attenersi allo schema liturgico rispettoso delle norme anti-contagio

Tempo di pandemia è tempo di restrizioni, anche per quello che attiene la fede. E così, per il secondo anno consecutivo, i meravigliosi e sentitissimi riti della Settimana Santa non potranno svolgersi all'esterno delle parrocchie. Stop dunque alle processioni ed all'esposizione di immagini sacre, ma anche stop ad una programmazione differente della liturgia della Parola.
Di seguito, dunque, le indicazioni di S.E. Monsignor Domenico Cornacchia, Vescovo della Diocesi di Molfetta-Ruvo di Puglia-Giovinazzo-Terlizzi che tengono conto delle indicazioni della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti.


Carissimi presbiteri, diaconi, consacrati e fedeli tutti,
in tempi eccezionali di crisi, come quelli che stiamo vivendo per il perdurare della pandemia, occorrono direttive chiare e comportamenti prudenti affinché le celebrazioni liturgiche possano svolgersi con la partecipazione attiva e orante del popolo di Dio, nel rispetto della salvaguardia della salute e di quanto richiesto dalle autorità responsabili del bene comune.
Pertanto, in vista delle prossime celebrazioni pasquali, tenuto conto della Nota della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti, del 17 febbraio u.s., e degli Orientamenti per la Settimana Santa promulgati dalla Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana, il 24 febbraio u.s., consultato l'Ufficio diocesano per la Liturgia e sentito il Collegio dei Consultori dispongo quanto segue:

1. Nella Domenica delle Palme, in tutte le parrocchie, per la Commemorazione dell'ingresso di Gesù a Gerusalemme, con la benedizione dei rami d'ulivo, si adotterà la seconda forma prevista dal Messale Romano.
Considerato il numero ristretto dei fedeli che possono partecipare alla S. Messa, se lo si ritiene opportuno, sarà possibile ripetere la benedizione dei rami d'ulivo nelle altre celebrazioni di Domenica 28 marzo. Durante la celebrazione si faccia attenzione che non ci sia consegna o scambio di rami da mano a mano.

2. La S. Messa crismale è rinviata a sabato 24 aprile p.v., in coincidenza con la chiusura della Visita Pastorale, così da consentire la piena partecipazione di presbiteri e laici.

3.Il Giovedì Santo, nella Messa vespertina della "Cena del Signore", si omette la lavanda dei piedi. Al termine della celebrazione, dopo un momento di Adorazione, l'Eucaristia viene riposta nel Tabernacolo, dove è custodita solitamente.

4. Il Venerdì Santo si celebri la preghiera delle Liturgia delle Ore al mattino, in un orario che favorisca la partecipazione dei fedeli. Durante la Commemorazione della Passione del Signore, l'atto di adorazione della Croce mediante il bacio sia limitato al solo presidente della celebrazione; gli altri ministri e fedeli potranno avvicinarsi per fare una riverenza.

5. Il Sabato Santo si celebri al mattino la Liturgia delle Ore e, per tutta la giornata, i sacerdoti rimangano a disposizione per le confessioni.

6. La Veglia pasquale potrà essere celebrata in tutte le sue parti come previsto dal rito. Si stabilisca di dare inizio alla Veglia non oltre le ore 20.00.

7. Riguardo l'uso dei social media, va riconosciuto che i mezzi della comunicazione hanno molto aiutato i pastori ad offrire sostegno e vicinanza alle loro comunità durante la pandemia. Tuttavia, nessuna trasmissione è equiparabile alla partecipazione personale all'Eucaristia, né può sostituirla. Il Dio incarnato, infatti, si è consegnato a noi non in modo virtuale, ma realmente, dicendo: "Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui" (6, 56) (Cfr. Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Torniamo con gioia all'Eucarestia, Lettera approvata da papa Francesco il 3 settembre u.s.). Da qui la necessità di coltivare il contatto fisico con il Signore.
Pertanto, accogliendo i suggerimenti della CEI, «si esortino i fedeli alla partecipazione in presenza alle celebrazioni liturgiche nel rispetto dei decreti governativi riguardanti gli spostamenti sul territorio e delle misure precauzionali», mentre si invitino quanti sono impossibilitati a frequentare la propria chiesa a seguire gli appuntamenti liturgici proposti dai canali televisivi.

8. Come lo scorso anno, sono sospese le processioni e le esposizioni delle statue dei misteri della Settimana Santa.
  • Diocesi Molfetta - Ruvo - Giovinazzo - Terlizzi
  • Settimana Santa Giovinazzo
  • Passione 2021
Altri contenuti a tema
Diritti dell'infanzia, anche a Giovinazzo un appuntamento della Caritas Diritti dell'infanzia, anche a Giovinazzo un appuntamento della Caritas Tre eventi in altrettante città della Diocesi
Il 26 novembre un incontro diocesano per catechisti ed animatori Il 26 novembre un incontro diocesano per catechisti ed animatori Ospite sarà il giornalista di Avvenire, Marco Iasevoli
La Diocesi pronta all'accoglienza di profughi afghani La Diocesi pronta all'accoglienza di profughi afghani Una nota per ribadire che la Chiesa cattolica apre le sue porte a chi scappa da soprusi e dolore
Nuovi incarichi per i sacerdoti: don Gianni Fiorentino lascia Giovinazzo Nuovi incarichi per i sacerdoti: don Gianni Fiorentino lascia Giovinazzo Al suo posto don Giuseppe Germinario diverrà parroco di Maria SS Immacolata
Verso la Settimana sociale cattolici italiani: stasera Mons. Santoro ospite della nostra Diocesi Verso la Settimana sociale cattolici italiani: stasera Mons. Santoro ospite della nostra Diocesi Sarà il primo di tre incontri di avvicinamento all'appuntamento tarantino del prossimo autunno
Il Pianeta che speriamo. La diocesi in cammino verso Taranto 2021 Il Pianeta che speriamo. La diocesi in cammino verso Taranto 2021 Primo appuntamento mercoledì 9 giugno
Premio letterario "don Tonino Bello": tutti i premiati Premio letterario "don Tonino Bello": tutti i premiati La manifestazione on line si è tenuta venerdì 14 maggio
Si assegna stasera il Premio letterario "don Tonino Bello" Si assegna stasera il Premio letterario "don Tonino Bello" Diretta dalle 19.00 sui canali social e sul sito web della Diocesi
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.