Michele Sollecito
Michele Sollecito
Politica

Sanità, Michele Sollecito replica a Nico Bavaro

Le precisazioni dell'Assessore alle Politiche Sociali sulla questione legata ai Presidi Territoriali di Assistenza

Sui Presidi Territoriali di Assistenza è polemica aperta tra le forze politiche. Nella giornata di ieri vi avevamo proposto in un nostro articolo la posizione di Nico Bavaro, Segretario regionale di Sinistra Italiana, che individuava nell'Amministrazione comunale giovinazzese la principale responsabile del mancato inserimento di Giovinazzo nella lista delle 33 città, individuate dalla Regione Puglia, che potranno riconvertire loro strutture ospedaliere in PTA.
Da qui la replica dell'Assessore alla Sanità del Comune di Giovinazzo, Michele Sollecito, che vi proponiamo integralmente come da richiesta.


«Trovo estremamente scorretto additare l'Amministrazione comunale come responsabile di una scelta, il riordino della rete ospedaliera e la riconversione delle ex strutture, che è stata adottata dalla Regione Puglia. È bene precisare che i Presidi Territoriali di Assistenza (PTA) sono definiti strutture di assistenza che vengono allocate in ex strutture ospedaliere (Regolamento 14/2015). Come venne stabilito inoltre dalla Commissione Sanità regionale il 12 luglio scorso, in Puglia potranno essere costituiti complessivamente 33 PTA, coincidenti con quei Comuni in cui prima operavano gli ospedali. E ancora recita così l'articolo 8 del Regolamento 7 del 10 marzo 2017: "I PTA corrispondono alle strutture ospedaliere oggetto di processo di riconversione".

Ora Bavaro ci spieghi se Giovinazzo disponga di un ospedale da riconvertire in PTA. O ci spieghi come e dove immaginava inserire un PTA. Perché non è affatto corretto illudere i cittadini con l'idea di un servizio che per legge non era destinato a Giovinazzo. E trovo oltremodo scorretto voler incolpare l'Amministrazione comunale per una scelta che non le compete.

Sul tema Sanità ritengo opportuno fare ulteriore chiarezza: le date degli atti di importanti scelte della Regione Puglia in tema di salute corrispondono al periodo in cui la componente di Sinistra Italiana era ancora nella maggioranza del presidente Emiliano e ben rappresentata in giunta regionale. Vorrei anche ricordare che ben prima del Decreto Ministeriale 70/2015 la stessa giunta regionale, allora guidata dal Presidente Vendola, deliberò il 28 ottobre 2014 (n. 2251) il riordino della rete ospedaliera e la riconversione dei Punti di Primo Intervento con meno di 6.000 accessi in Postazioni del 118. Giovinazzo venne declassata da PPI a Postazione medicalizzata ma all'epoca non ricordo alcuna dichiarazione del segretario Bavaro. Con l'ultimo aggiornamento normativo della Giunta Emiliano, tramite anche la concertazione con i Comuni, si è riusciti a migliorare il dispositivo, tant'è che Giovinazzo, sebbene sia passata da PPI a Postazione Medicalizzata, ha ottenuto oltre l'automedica anche la doppia equipe medicalizzata per la stagione estiva su esplicita richiesta dei sindaci dei Comuni che in estate vedono aumentare l'afflusso di visitatori.

Lo schema di riordino e riconversione di ex strutture ospedaliere non può essere oggetto di "battaglia" come la definisce Bavaro perché i servizi sanitari necessitano di strutture e di edifici che non si improvvisano. Su questo punto è bene essere seri.

Lo sappiamo bene noi che a Giovinazzo abbiamo deciso di partire dal primo fondamentale gradino, la riorganizzazione dei servizi territoriali che da anni son mal distribuiti: a Levante il Poliambulatorio, alle spalle della Posta la farmacia territoriale e il Serd, nell'Istituto Vittorio Emanuele II il Servizio di Igiene Mentale. In questa disorganizzazione non posso non menzionare il contenzioso da oltre 2 milioni di euro tra Asl ed ex Provincia proprio per l'affitto dei locali dell'Istituto Vittorio Emanuele II da parte di quella che prima era l'Asl Ba2.

Ecco perché l'Amministrazione comunale ha intrapreso a fatica il grande lavoro di tessitura politica per realizzare una Casa della Salute a Giovinazzo ed organizzare al meglio i servizi territoriali. Per questo obiettivo abbiamo lavorato con tutti i diversi Assessori alla Salute della Giunta Vendola (Attollini, Gentile e Pentassuglia) ricominciando nuovamente tutto l'iter ad ogni cambio di assessore. Ma non ci siamo mai arresi. E alla fine il Comune l'ha spuntata: 5 milioni di euro finanzieranno la costruzione della Casa della Salute in virtù di un grande lavoro di concertazione tra Comune, Asl e Regione. Per di più abbiamo anche avviato una interlocuzione positiva sia con la Regione che con la Asl sul futuro dell'attuale Poliambulatorio sempre nell'ottica di ottimizzare gli spazi e di conseguenza migliorare ed ampliare i servizi sanitari territoriali.

Siamo ben consci che occorra migliorare le prestazioni ambulatoriali a Giovinazzo e siamo al lavoro perché questo possa accadere in strutture degne di ospitare servizi sanitari.

Infine vorrei replicare anche alla paventata assenza di alcuni servizi da parte di Bavaro. Evidentemente il Segretario non sa che la Porta Unica di Accesso esiste già da diversi anni sul territorio comunale, è ubicata a Palazzo di Città e svolge un grande lavoro per tutto ciò che attiene l'integrazione socio-sanitaria. L'altro ieri, nella seduta del coordinamento istituzionale, abbiamo approvato il nuovo accordo di programma tra Ambito Territoriale (Molfetta-Giovinazzo) e Distretto Socio Sanitario 1. Giovinazzo risulta un Comune virtuoso le cui compartecipazioni per inserimenti in strutture sono tutte garantite con tempismo ed efficienza. Oltre 200 la media degli utenti che transitano annualmente dalla PUA, più di 100 le istanze pervenute. Solo nel 2018 registriamo ben 48 nuovi ingressi in strutture (Centri diurni, RSA e RSSA) tra i due Comuni, mentre il nostro distretto è stato il primo in Puglia ad aver chiuso tutte le pratiche in merito all'Assegno di Cura. È bene quindi ribadire che la sfera complessa dell'integrazione socio-sanitaria non ha nulla a che vedere con la presenza o meno di un PTA sul territorio.

Tanto dovevo per chiarezza nei confronti dei cittadini».

Michele Sollecito - Assessore alle Politiche Sociali
  • Michele Sollecito
  • Nico Bavaro
  • Punto di primo intervento Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Il saluto di Capitano Ultimo agli studenti giovinazzesi (VIDEO e FOTO) Il saluto di Capitano Ultimo agli studenti giovinazzesi (VIDEO e FOTO) Ieri l'incontro a Roma cadenzato da emozioni molto forti. Depalma: «Ho ancora le lacrime agli occhi»
Gli studenti di Giovinazzo da Capitano Ultimo Gli studenti di Giovinazzo da Capitano Ultimo Domani saranno a Roma accompagnati da Sindaco e Vicesindaco
Generi alimentari a persone in difficoltà, partita la distribuzione Generi alimentari a persone in difficoltà, partita la distribuzione L'Assessore Sollecito ringrazia la Consulta sociale e tutte le associazioni che volontariamente si sono prodigate
Europee, Italia in Comune con +Europa di Emma Bonino. Sollecito spiega le ragioni Europee, Italia in Comune con +Europa di Emma Bonino. Sollecito spiega le ragioni Intervista al Vicesindaco di Giovinazzo che ha aderito al movimento che nel nostro territorio candiderà Michele Abbaticchio, primo cittadino di Bitonto. Con loro anche Tommaso Depalma
Anche Giovinazzo presente a Brindisi nella Giornata per ricordare le vittime innocenti di mafia Anche Giovinazzo presente a Brindisi nella Giornata per ricordare le vittime innocenti di mafia L'Assessore Sollecito: «Ha ragione don Ciotti a ricordare che da 163 anni si parla di mafia, ma ancora oggi non la si riesce a debellare del tutto»
Balducci e Sollecito hanno presentato il Piano regionale di contrasto alla povertà Balducci e Sollecito hanno presentato il Piano regionale di contrasto alla povertà Al centro dello sforzo comune di Molfetta e Giovinazzo anche la lotta all'emergenza abitativa
Nuovo personale per il Comune di Giovinazzo grazie al PON Inclusione Nuovo personale per il Comune di Giovinazzo grazie al PON Inclusione Hanno preso servizio nuovi assistenti sociali e nuovi impiegati amministrativi
I Comuni di Giovinazzo e Molfetta contro lo spreco alimentare I Comuni di Giovinazzo e Molfetta contro lo spreco alimentare Sollecito:«A breve un progetto di lotta alla povertà grazie al Banco delle Opere di Carità di Bari»
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.