Rifiuti sulla strada per San Pietro Pago. <span>Foto Francesco Battista</span>
Rifiuti sulla strada per San Pietro Pago. Foto Francesco Battista
Cronaca

Rifiuti abbandonati e furti: la strada per San Pietro Pago è "un far west"

Gli agricoltori disperati per i continui attacchi dei predoni. Nella nostra galleria le mini discariche presenti ovunque

San Pietro Pago fa venire subito in mente la parola rifiuti, ma non è di discarica che vi raccontiamo oggi.

Sulla strada che porta al sito, infatti, da mesi prolifera il fenomeno dell'abbandono indiscriminato di spazzatura, organica, indifferenziata, vetro, plastica, scarti di lavorazioni interna di immobili e rifiuti ingombranti come ceramiche e arredi per bagno.

Uno squallore infinito che vi mostriamo in minima parte nella nostra mini-gallery con fotografie scattate ieri mattina, 6 marzo. C'è di tutto, dalle bottiglie di alcoolici ai contenitori per detersivi, da lavabi spaccati e gettati sul ciglio della strada a barattoli di alluminio, da cuscini a tappezzeria. E tutto a pochi metri da coltivazioni attive, per la disperazione degli agricoltori della zona che non ce la fanno più.

Ed al danno, nelle ultime settimane si è aggiunta la beffa, con ripetuti furti di rame, ottone, zinco, ferro. I predoni delle campagne prendono tutto e quando non trovano ciò che cercano, si accaniscono sulle coltivazioni.

«Siamo stanchi - ci ha detto un contadino - perché alcuni di noi vivono da questo e senza controlli non possiamo più portare avanti il nostro lavoro». Un hobbista con tanti ettari d'ulivo coltivati ci confida invece che è molto preoccupato per la tanta plastica che viene anche bruciata (nella gallery c'è una foto che testimonia questo fenomeno) a due passi dai terreni coltivati.

Ed un altro taglia corto sui furti: «Si tratta di veri e propri predatori. Non si muovono in tanti, ma agiscono rapidamente, spesso in piena notte. Credo siano stranieri dell'Est Europa e cerchino il rame e l'ottone principalmente per alimentare i traffici che fruttano loro qualche spicciolo, ma ora rubano finanche le nostre zappe, qualche aratro, forconi e attrezzi. Non risparmiano quasi più nulla - sorride amaro -.

Così - chiosa - non vale più la pena far niente, alzarsi presto, lavorare sodo. Ci sentiamo soli col nostro amaro destino anche se di tanto in tanto vediamo Carabinieri e Guardie Campestri che sono certamente un deterrente. Ma non basta: la notte qui è un far west».

Quel "far west" che non può permanere a lungo, sebbene si tratti di una zona rurale.
5 fotoRifiuti sulla strada per San Pietro Pago
min
  • Rifiuti Giovinazzo
  • Strada per San Pietro Pago
  • Furti campagne Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Ripulito il sottovia di località Pietre Rosse a tempo di record Ripulito il sottovia di località Pietre Rosse a tempo di record L'intervento del Comune pone ancora una volta rimedio, ma non basta a placare lo sdegno per tanta inciviltà
Scempio nel sottovia in contrada Pietre Rosse Scempio nel sottovia in contrada Pietre Rosse Bustoni di rifiuti abbandonati la scorsa settimana. Gli agricoltori: «Stanchi dell'inciviltà»
Bidone arrugginito abbandonato a Levante Bidone arrugginito abbandonato a Levante La segnalazione da una lettrice
Mascherine e guanti gettati in terra: inciviltà diffusa a Giovinazzo Mascherine e guanti gettati in terra: inciviltà diffusa a Giovinazzo I dispositivi di protezione individuale smaltiti in malo modo stanno diventando un problema
Pezzi d'auto ai piedi di Torre Bonvino Pezzi d'auto ai piedi di Torre Bonvino Rinvenuti dalle guardie ecozoofile diversi componenti di carrozzeria. E non è la prima volta
1 Eternit, scarti edili e pneumatici: al setaccio la lama Castello Eternit, scarti edili e pneumatici: al setaccio la lama Castello Le guardie zoofile hanno rastrellato la zona. Rinvenuti anche rifiuti ingombranti, plastica, vetro e cavi elettrici
2 La Fase 2 ad Incivilia La Fase 2 ad Incivilia Indecente spettacolo a Ponente ieri sera dopo le 21.00
Non si fermano i furti di mezzi e attrezzi agricoli in campagna Non si fermano i furti di mezzi e attrezzi agricoli in campagna La denuncia di Coldiretti Puglia
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.