La Cassazione
La Cassazione
Cronaca

Omicidio Spera, la Cassazione rigetta i ricorsi e conferma le condanne

Sentenza definitiva: 8 anni di carcere a Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno

Confermate le condanne a carico di Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno per l'efferato omicidio di Gaetano Spera, ucciso nel 2015 a Giovinazzo, in un vicolo nei pressi di villa Palombella. È questa la sentenza, diventata definitiva, della quinta sezione penale della Cassazione, arrivata nella serata di ieri.

I giudici supremi hanno dichiarato inammissibili i ricorsi dei difensori dei tre imputati (i legali Giuseppe Galliani, Vincenzo Guglielmi, Raffaele Mascolo e Michele Pasculli) e confermato la sentenza della Corte d'Assise d'Appello di Bari: sono quindi diventate definitive le condanne a 8 anni di reclusione (6 anni e 8 mesi per il concorso anomalo e 1 anno e 4 mesi per detenzione e porto illegale di arma da fuoco, nda) a carico di Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno.

Gaetano Spera, appena 21 anni, fu ucciso la sera del 24 marzo 2015 a Giovinazzo: secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, la vittima fu avvicinata dopo aver parcheggiato lo scooter e raggiunta da 8 colpi di pistola calibro 9 al torace e alla testa. Alla base dell'omicidio - hanno stabilito le indagini - il controllo delle attività di pesca nelle acque del litorale di Giovinazzo e Santo Spirito: un regolamento di conti, quindi, legato all'imposizione di somme estorsive ai pescatori.

L'avvocato Mario Mongelli, difensore di parte civile della madre e delle tre sorelle del 21enne, presente in aula per caldeggiare ancora una volta le ragioni della giovane vittima, ha terminato la sua discussione affermando che «la Corte territoriale, previa corretta ricostruzione dei fatti, ha fatto buon governo del principio di diritto statuito dall'altra sezione della Suprema Corte e dunque nella medesima linea tracciata dalla Procura Generale», ha affermato il penalista giovinazzese.

La lettura della sentenza della quinta sezione penale della Cassazione e il rigetto dei ricorsi degli imputati sono stati accolti positivamente: «In qualche maniera, seppur dopo diversi anni - ha terminato Mongelli, raggiunto telefonicamente -, può dirsi che la giustizia è stata in grado di approdare ad una conclusione».

Ancora in fuga Daniele Arciuli


Per l'omicidio Spera sono stati già condannati anche Vito Arciuli (a 18 anni) e suo fratello Daniele (a 16 anni e 8 mesi). Proprio quest'ultimo, evaso dal carcere di Trani, è ancora ricercato. Il 22enne era in carcere dal 2015. All'epoca Arciuli era minorenne, fu arrestato con l'accusa di essere co-autore del delitto Spera, quando aveva appena 16 anni, e fu condannato dal Tribunale per i Minorenni di Bari con fine pena nel novembre 2024.

È scappato il 26 agosto scorso scavalcando il muro di cinta in un punto non sorvegliato, approfittando dell'ora d'aria: con lui il 28enne Giuseppe Antonio De Noja, che si è costituito cinque giorni più tardi presentandosi negli uffici della Questura di Bari.
  • Gaetano Spera
  • Vito Arciuli
  • Omicidio Spera
  • Mario Mongelli
  • Luca Lafronza
  • Ignazio Chimenti
  • Pio Mauro Sparno
  • Daniele Arciuli
Altri contenuti a tema
Il Gip ha deciso: Arciuli resta in carcere, la compagna torna libera Il Gip ha deciso: Arciuli resta in carcere, la compagna torna libera Nei confronti del 22enne, il giudice De Cristofaro ha anche emesso un'ordinanza di custodia cautelare
Arciuli e la sua compagna non rispondono davanti al Gip Arciuli e la sua compagna non rispondono davanti al Gip Il 22enne, catturato dopo quasi due mesi di latitanza, s'è avvalso della facoltà di non rispondere
Arciuli catturato dopo 48 giorni di fuga: si indaga sui fiancheggiatori Arciuli catturato dopo 48 giorni di fuga: si indaga sui fiancheggiatori Con lui è stata arrestata la compagna 21enne, di Giovinazzo: per gli investigatori ne aveva favorito l'irreperibilità
Inutile la fuga sui tetti, preso Arciuli. Si nascondeva a Triggiano Inutile la fuga sui tetti, preso Arciuli. Si nascondeva a Triggiano Il 22enne è stato individuato dalla Squadra Mobile di Bari e Bat. Arrestata anche la fidanzata 21enne
Fine corsa per Daniele Arciuli: arrestato dalla Squadra Mobile Fine corsa per Daniele Arciuli: arrestato dalla Squadra Mobile Era fuggito il 26 agosto scorso dal carcere di Trani. È stato rintracciato e bloccato la notte scorsa
Evasi dal carcere: si costituisce De Noja, si cerca ancora Arciuli Evasi dal carcere: si costituisce De Noja, si cerca ancora Arciuli Il 28enne, evaso lo scorso 26 agosto, si è presentato presso gli uffici della Questura di Bari
Detenuti evasi a Trani, ricerche estese in tutta la Puglia Detenuti evasi a Trani, ricerche estese in tutta la Puglia Le ricerche si concentrano fra Bari e la Bat. La Procura di Trani, intanto, ha aperto un'inchiesta
Arciuli in fuga, ricerche senza sosta. Il Sappe: «Evasione annunciata» Arciuli in fuga, ricerche senza sosta. Il Sappe: «Evasione annunciata» Sulle tracce del 22enne, detenuto dal 2015 per l'omicidio Spera, ci sono Carabinieri e Polizia
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.