Don Bedetto Fiorentino col prof. Francesco Bellino. <span>Foto Marzia Morva</span>
Don Bedetto Fiorentino col prof. Francesco Bellino. Foto Marzia Morva
Eventi e cultura

La famiglia ai nostri tempi

Mercoledì sera primo appuntamento con il corso "Le relazioni familiari"

"Le relazioni familiari" è la tematica fulcro dell'undicesimo corso formativo proposto dalla Parrocchia di S. Maria Assunta di Giovinazzo, in collaborazione con l'Assessorato alla Solidarietà Sociale e l'Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Giovinazzo, la cattedra di Filosofia Morale, Bioetica ed Etica della Comunicazione dell'Università degli Studi di Bari ed il Master in Cons. bioetica e filosofica del Dipartimento di "Scienze Mediche di Base, Neuroscienze e Organi di Senso".

Il primo incontro, andato in scena mercoledì sera, dal titolo "Le relazioni familiari nell'odierno cambiamento antropologico-culturale", tenutosi in sala San Felice, è stato seguito da un numeroso pubblico composto da docenti, studenti del master in consulenza bioetica e filosofica, da genitori e da giornalisti, per i quali gli incontri hanno valenza formativa per gli iscritti all'Ordine dei Giornalisti.

Relatore d'eccezione il prof. Francesco Bellino, Ordinario di Bioetica e Filosofia Morale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bari, oltre che Presidente della Società Italiana per la Bioetica e i Comitati etici ed iscritto all'Associazione Italiana Philosophoi. I saluti di rito e il benvenuto nelle parole di Don Benedetto Fiorentino, parroco della Cattedrale, oltre che giornalista e promotore da undici anni di corsi di formazione sempre degni di attenzione.

Don Benedetto ha sottolineato l'importanza di una crescita armoniosa tra uomo e donna nella creazione di una famiglia, in cui comunicare ogni giorno e donarsi all'altro per crescere insieme può portare solo bene all'amore così condiviso.

Il prof. Bellino ha incantato il pubblico attento ad ogni suo pensiero espresso con altissima professionalità e grande sensibilità. Il modo tradizionale di considerare la famiglia è tramontato: prima era patriarcale e maschilista, ora dobbiamo riscoprirla sotto una luce diversa, visto il cambiamento della società, in modo da riflettere meglio sul rapporto-uomo donna ormai più equilibrato.

Il suo riferimento è stato alle parole espresse da Papa Francesco in una recente omelia, in cui il Santo Padre ha ritenuto necessario partire da una nuova alleanza tra i due sessi, per costruire insieme una società basata sull'amore reciproco, sul rispetto, sulla comunicazione, sulla corresponsabilità e sul dialogo. Solo in questo modo uomo e donna si completano, tutto può fare l'uno per l'altro e viceversa come insegna la "deontologia relazionale".

Siamo quindi esseri umani relazionali: nessuno, cioè, si completa con il suo "ego" e l'individualismo va abbattuto, secondo quanto spiegato dal docente. La nostra vita senza gli altri sarebbe nulla: l'acqua, l'aria, la parola, la comunicazione e l'altro completano ogni essere umano. Da qui scaturisce la completezza dell'essere umano, il quale potrà così scoprire che l'amore, qualunque forma d'amore, vince su tutto.

«Se la qualità dei rapporti è alta e fondata sull'amore e sul rispetto ne beneficiano tutti i componenti della famiglia - ha affermato il prof. Bellino -. La nuova alleanza è l'amore, forte vincolo per costruire relazioni affettive ed amicali. L'amore è fatto di azioni - ha poi precisato -, ma anche di parole ed atti linguistici di grande valore, come lo sono le parole gentili, "grazie, scusa, per favore e prego" e le buone maniere che non tramonteranno mai!Il linguaggio è la "spia" di ogni rapporto, come anche il perdono, elemento da non sottovalutare. Tutti siamo fallibili - ha poi chiosato - e possiamo sbagliare: l'importante è riconoscere i propri errori ed imparare a chiedere scusa».

Ogni incontro del corso, ha poi evidenziato il prof. Bellino, potrà essere motivo di riflessione condivisa per mettere un tassello al posto giusto nella vita di ognuno. Noi sappiamo sin d'ora che sarà davvero così, poiché dove c'è incontro di idee e confronto, c'è anche crescita.
  • Sala San Felice
  • Don Benedetto Fiorentino
  • Le relazioni familiari
Altri contenuti a tema
Marino Pagano presenta a Giovinazzo il suo "Chiara da Montefalco" Marino Pagano presenta a Giovinazzo il suo "Chiara da Montefalco" L'autore e giornalista bitontino dialogherà con Mario Sicolo
"Da Kragujevac ad Auschwitz": Giovinazzo celebra oggi il "Giorno della Memoria" "Da Kragujevac ad Auschwitz": Giovinazzo celebra oggi il "Giorno della Memoria" Alle 18.30 in Sala San Felice
Concorso Polizia Locale Giovinazzo: da domani al via le prove orali Concorso Polizia Locale Giovinazzo: da domani al via le prove orali Si terranno in Sala San Felice nel rispetto delle norme anti-Covid
Riaprono al pubblico la Sala San Felice e la Vedetta sul Mediterraneo Riaprono al pubblico la Sala San Felice e la Vedetta sul Mediterraneo Nell'ordinanza firmata dal Sindaco Depalma tornano fruibili gli spazi all'aperto di proprietà comunale e i bagni pubblici di piazza Porto
Il Centro Diurno "Gocce di Memoria" espone i risultati ottenuti in anno di attività Il Centro Diurno "Gocce di Memoria" espone i risultati ottenuti in anno di attività In Sala San Felice sarà presentato anche il programma per il 2020
Casa della Salute, a Giovinazzo Michele Emiliano per la presentazione del progetto Casa della Salute, a Giovinazzo Michele Emiliano per la presentazione del progetto Con lui anche Antonio Sanguedolce e Vito Montanaro
Irma Ciciriello e Leo Todisco ospiti del "Fantalibro" a Giovinazzo Irma Ciciriello e Leo Todisco ospiti del "Fantalibro" a Giovinazzo L'iniziativa in programma domani sera è organizzata dall'Associazione culturale Tracce
"Resto in Puglia", Progetto Socrate organizza un evento in Sala San Felice "Resto in Puglia", Progetto Socrate organizza un evento in Sala San Felice "I supereroi dell'extralberghiero" sarà il tema trattato in una serata dedicata interamente a chi è rimasto al Sud e ce l'ha fatta
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.