Antonella Laricchia
Antonella Laricchia
Politica

Discariche, Antonella Laricchia (M5S) chiede accesso agli atti anche per quella di Giovinazzo

La Consigliera regionale: «Necessario approfondire la garanzie fideiussorie prestate dai gestori»

La Consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle, Antonella Laricchia, ha inviato una richiesta di accesso agli atti sulle garanzie fideiussorie a copertura delle fasi di attivazione e gestione operativa della discarica, compresi le procedure di chiusura e di post-gestione e l'adempimento delle prescrizioni contenute nell'autorizzazione prestate dai gestori della discarica "Le Lamie" di Altamura gestita dalla Tradeco; della discarica "San Nicola La Guardia" di Andria gestita da Daneco Impianti; della discarica "San Pietro Pago" di Giovinazzo gestita da Daneco Impianti; della discarica di Francavilla Fontana gestita da Francavilla Ambiente; della discarica "Martucci" di Conversano gestita da Lombardi Ecologia.

«Per legge - spiega Laricchia - la presentazione delle garanzie finanziarie alla Regione Puglia è necessaria per il rilascio dell'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di una discarica e per assicurare l'attivazione, la gestione operativa della stessa, comprese le procedure di chiusura e la gestione successiva alla chiusura della discarica».

La normativa, infatti, assicura, attraverso l'imposizione di speciali oneri economici, una elevata protezione ambientale e la salvaguardia della salute dell'uomo per tutto il ciclo di vita di una discarica di rifiuti, in considerazione dell'alto rischio di contaminazione dei siti che ospitano i relativi impianti.

Per la discarica "Le Lamie" di Altamura, posta sotto sequestro dopo i rilevamenti effettuati da Arpa Puglia, ci si rivarrà sul proprietario per le operazioni di prevenzione e risanamento ed è in corso la verifica della sussistenza delle garanzie finanziarie.

Per quanto riguarda la discarica di Giovinazzo, in località "San Pietro Pago", gestita da Daneco Impianti, con Determinazione Dirigenziale è stata revocata l'AIA in quanto il gestore non ha ottemperato alle diffide, per la mancata presentazione di idonee garanzie finanziarie, pertanto l'impianto ne è sprovvisto. Con il medesimo atto è stato disposto l'avvio della procedura di chiusura e post-gestione ed è stato richiesto al gestore di produrre immediatamente le dovute idonee garanzie finanziarie a copertura delle fasi di chiusura e post gestione dell'impianto. Con delibera di Giunta del 17 ottobre 2017 sono stati destinati 800mila euro al Comune di Giovinazzo per dare attuazione alle misure di prevenzione, volte a contrastare o annullare la minaccia di grave danno alla salute e all'ambiente, per eseguire le indagini preliminari delle matrici ambientali e per valutare e proporre azioni a tutela dell'ambiente e della salute, a seguito dei risultati delle indagini preliminari.

Per quanto riguarda la discarica di Andria, in località "San Nicola La Guardia", gestita da Daneco Impianti, con Determinazione Dirigenziale è stata revocata l'AIA ed è stato disposto l'avvio delle operazioni di chiusura e post gestione richiedendo, tra l'altro, al gestore di produrre le dovute idonee garanzie finanziarie a copertura delle fasi di chiusura e post gestione.

«È necessario approfondire la garanzie fideiussorie prestate dai gestori per evitare situazioni in cui, dopo la chiusura della discarica - continua Laricchia -, risulta difficile individuare il soggetto chiamato a svolgere le attività di chiusura e post-gestione ed eventuale messa in sicurezza e bonifica del sito, essendo spesso complicata l'individuazione di ingenti risorse pubbliche a copertura di tali attività. La richiesta che ho presentato serve per accendere un faro sullo stato delle garanzie prestate dai gestori che molto spesso sono poco trasparenti e difficilmente ricostruibili. Tutto questo serve per la tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini. Per migliorare la vita dei pugliesi - conclude Laricchia - serve concentrarsi sulle soluzioni ai problemi, sui programmi e scegliere una guida per la Regione che sia garante dei cittadini. Non servono le accozzaglie di un centrosinistra che si limita a pensare se Emiliano sia peggio del candidato della Lega. Le unioni o le strategie contro un nemico non portano a nulla. Servono idee, progetti e proposte. Ed è quello che il M5S sta facendo».
  • Discarica Giovinazzo
  • Antonella Laricchia
Altri contenuti a tema
Discarica, Depalma: «Attaccate pure me, ma lasciate stare i nostri ulivi»​ Discarica, Depalma: «Attaccate pure me, ma lasciate stare i nostri ulivi»​ Una nota dettagliata dopo alcuni attacchi giunti da associazioni e partiti nelle scorse settimane
Lavori Pubblici, Depalma fa il punto (FOTO) Lavori Pubblici, Depalma fa il punto (FOTO) Tutti gli aggiornamenti in un post del primo cittadino
Discarica, Laricchia: «A che punto sono gli interventi di messa in sicurezza del sito?» Discarica, Laricchia: «A che punto sono gli interventi di messa in sicurezza del sito?» Per la consigliera pentastellata denuncia i «continui fenomeni di lagunaggio di percolato nella discarica e nelle campagne adiacenti»
Ancora percolato a San Pietro Pago, il video-denuncia del Comitato 17 novembre Ancora percolato a San Pietro Pago, il video-denuncia del Comitato 17 novembre L'allarme: «Sta uccidendo i nostri ulivi»
Discarica San Pietro Pago, da martedì nuova estrazione del percolato (FOTO) Discarica San Pietro Pago, da martedì nuova estrazione del percolato (FOTO) Il Sindaco Depalma: «Capitolato di gara ci permette di uscire dall'emergenza»
Discarica di Ghemme, un caso simile a quello di Giovinazzo Discarica di Ghemme, un caso simile a quello di Giovinazzo Ieri il servizio de Le Iene. La Daneco (che avrebbe dovuto mettere in sicurezza il sito), ha ricevuto a questo scopo i soldi, ma li ha usati per altro
Discarica, botta e risposta tra Comitato "17 Novembre" e Amministrazione comunale Discarica, botta e risposta tra Comitato "17 Novembre" e Amministrazione comunale Lasorsa in Consiglio comunale: «Vi staremo col fiato sul collo». Depalma: «Non abbiamo nulla di cui vergognarci»
Discarica e crisi dell'olivicoltura: se ne parla in Consiglio comunale Discarica e crisi dell'olivicoltura: se ne parla in Consiglio comunale La massima assise è convocata per questo pomeriggio alle 17.00
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.