La Direzione Investigativa Antimafia
La Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

Di Cosola e Capriati i clan principali «attraverso referenti in loco o affiliati»

È lo scenario stilato nella relazione della Direzione Investigativa Antimafia riferita al secondo semestre del 2019

«La presenza di gruppi di tipo mafioso che caratterizza i territori della provincia di Bari sottende ad una più delicata realtà di intrecci criminali con i grandi clan del capoluogo. Infatti le grandi "agenzie criminali" della città di Bari riescono a gestire, a largo raggio, anche i traffici illeciti nei territori di provincia».

È quanto si legge nella relazione della Direzione Investigativa Antimafia relativa al secondo semestre del 2019. «Tale strategia di interazione criminale si esplica - è scritto a pagina 343 - attraverso fidati referenti in loco o con l'affiliazione di alcuni soggetti apicali delle compagini delinquenziali operanti nei singoli comuni», mentre a Bari «il panorama delinquenziale, al pari del semestre precedente, continua a caratterizzarsi per la frammentarietà strutturale delle consorterie».

Un ridimensionamento, secondo i detective dell'Antimafia, «dovuto in larga parte all'attività condotta dalla magistratura e dalle forze di polizia». Ma quello barese resta «un fenomeno in continua evoluzione - è sottolineato a pagina 345 - caratterizzato da frequenti spaccature, anche interne, tali da far ritenere sussistente una strutturazione orizzontale, di tipo camorristico, con nuovi soggetti sempre pronti a rimpiazzare quelli decimati dall'azione di contrasto dello Stato».

Entrando più nello specifico, nell'area metropolitana di Bari restano molto attivi numerosi gruppi in contatto con quelli del capoluogo, i quali hanno piazzato fidati referenti in loco o affiliato alcuni soggetti criminali delle città di provincia. «Nei comuni a nord della città di Bari - si legge a pagina 344 - si registra la presenza di gruppi criminali riconducibili agli alleati clan Capriati e Mercante-Diomede, la cui strategia espansionistica si è evidenziata anche nelle aree più a sud».

Il clan Capriati, ad esempio, attivo nel borgo antico di Bari, è capace di avere, attraverso i propri referenti e reggenti sul territorio, ampie ramificazioni. «Accertate - è riportato a pagina 338 - sono, infatti, le ramificazioni a Modugno, Bitonto, Mola di Bari, Valenzano, Giovinazzo, Putignano». Federata al potente clan Capriati, per ragioni strategico militari, è la consorteria dei Mercante-Diomede, mentre quella cittadina resta sempre un'area d'influenza del clan Di Cosola.

«Il clan Di Cosola - è scritto a pagina 341 - ha subito una serie di interventi repressivi che lo hanno destrutturato, ma anche nel semestre in esame ha evidenziato margini di operatività. Al riguardo significativa è la sentenza di condanna nei confronti di due esponenti, imputati per reati di estorsione aggravata e continuata ai danni di un soggetto condannato nel processo "Attila 2" per voto di scambio politico-mafioso, in occasione delle elezioni regionali del 2015 in Puglia».

«A fattor comune, le cosche della provincia sono per lo più attive nel traffico di stupefacenti. In tale settore - si legge a pagina 347 - diverse sono le modalità che attestano la capacità dei gruppi di portare a termine i propri obiettivi relazionandosi anche con le consorterie albanesi. Incessante continua a essere il fenomeno dei furti e delle rapine, consumate con uso di armi e compiute con particolare efferatezza, in danno di uffici postali, portavalori e autotrasportatori».

«Molteplici, in tutta la provincia - è scritto a pagina 348 della relazione semestrale riferita al secondo semestre del 2019 - gli episodi di danneggiamento di auto ed attività commerciali, che per le modalità e le circostanze possono assumere la caratteristica di reati spia di più diffuse attività estorsive».
  • Direzione Investigativa Antimafia
  • Clan Diomede
  • Clan Mercante
  • Clan Capriati Giovinazzo
  • Clan Di Cosola Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Soldi per pilotare le indagini sul clan Di Cosola: chieste 4 condanne Soldi per pilotare le indagini sul clan Di Cosola: chieste 4 condanne Tra gli imputati c'è l'appuntato Salerno. La Procura ha chiesto pene tra i 14 e i 6 anni di carcere
«L'influenza del clan Di Cosola sulla città di Giovinazzo» «L'influenza del clan Di Cosola sulla città di Giovinazzo» Secondo l'Antimafia «il clan sarebbe tornato a occuparsi del controllo territoriale attraverso le estorsioni»
Clan Capriati: confermate 22 condanne Clan Capriati: confermate 22 condanne La sentenza della Corte d'Appello: ridotta la pena per Michele Arciuli da 16 a 14 anni
1 Rapporto DIA: Depalma scrive, GiovinazzoViva risponde Rapporto DIA: Depalma scrive, GiovinazzoViva risponde Oggetto delle rimostranze del primo cittadino, il titolo di un nostro articolo sulla relazione semestrale
A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni» A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni» È quanto emerge dalla relazione dell'Antimafia: «Il clan ha cercato di riconquistare un ruolo di egemonia»
In Puglia aumento del «welfare mafioso di prossimità»: l'allarme dell'Antimafia In Puglia aumento del «welfare mafioso di prossimità»: l'allarme dell'Antimafia Sanità, turismo e ristorazione sono i settori più a rischio, secondo la relazione della Direzione Investigativa Antimafia
Relazione Dia, ecco come la mafia diventerà forte grazie al Coronavirus Relazione Dia, ecco come la mafia diventerà forte grazie al Coronavirus Pubblicata la seconda relazione semestrale, un capitolo intero è dedicato all'emergenza sanitaria
«Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» «Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» Lo certifica la semestrale relazione dell'Antimafia. Che aggiunge: «Presente anche il clan Capriati»
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.