La Direzione Investigativa Antimafia
La Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

«Qualificati referenti dei Capriati si ritrovano a Giovinazzo»

Lo scrive l'Antimafia nella relazione semestrale al Parlamento. Presenti anche «referenti dei Mercante-Diomede»

«Qualificati referenti dei Capriati, ma anche dei Mercante-Diomede, si ritrovano nei comuni presenti nel nord barese: Molfetta, Giovinazzo, Ruvo di Puglia, Terlizzi, Triggiano, Corato e Palo del Colle». È un passaggio della relazione semestrale elaborata dalla Direzione Investigativa Antimafia relativa al primo semestre 2021.

In questi sei mesi lo scenario criminale della città di Bari è stato incisivamente segnato dagli esiti giudiziari dell'inchiesta "Vortice-Maestrale" che ha fotografato «la perdurante operatività» del sodalizio di tipo mafioso Strisciuglio e di alcune sue articolazioni territoriali - e segnatamente di quelle operative nei rioni Libertà, San Paolo (con la cellula di Palo del Colle), Enziteto, San Pio, Catino e San Girolamo (comprensiva della pertinenza che include pure Conversano e Rutigliano)».

Ma nell'Area metropolitana di Bari, ancora caratterizzata dalla frammentarietà strutturale delle consorterie, oltre agli Strisciuglio altri tre clan storici quali i Parisi-Palermiti, i Capriati e i Mercante-Diomede «sarebbero ancora in grado - si legge a pagina 198 del documento - di insinuarsi pericolosamente nei centri nevralgici del tessuto sociale produttivo manifestando tra l'altro mire espansionistiche anche sui territori della provincia». E fra questi territori, l'Antimafia cita Giovinazzo.

«L'interconnessione esistente tra le dinamiche criminali del capoluogo barese e quelle dei paesi limitrofi - scrive la Direzione Investigativa Antimafia a pagina 201 - caratterizza lo scenario della provincia dove la presenza dei numerosi gruppi sarebbe diretta espressione delle "agenzie mafiose" della città che perseguono tal scopo attraverso l'opera sia di mafiosi, sia di fidati referenti in loco, sia con l'affiliazione di soggetti apicali delle compagini delinquenziali operanti nei territori».

A Giovinazzo, dunque, si ritrovano «qualificati referenti» dei Capriati, ma anche dei Mercante-Diomede. Partiamo dal clan Capriati, attivo nel borgo antico di Bari. «Le fibrillazioni interne al sodalizio - è scritto - sarebbero causa del tentativo di scalata da parte di giovani leve desiderose di guadagnare posizioni di vertice. Non meno importante sotto i profili evolutivi è la scarcerazione del figlio dello storico capoclan Capriati, coniugato con la figlia del boss Stramaglia ucciso nel 2009».

Passiamo al clan Mercante-Diomede, federato ai Capriati, che «pare operativo non solo a Bari, ma anche in alcuni comuni della provincia come Altamura, Adelfia, Bitonto, Gravina in Puglia e Triggiano. La famiglia Mercante una volta attiva nel quartiere Libertà di Bari attualmente risulterebbe particolarmente indebolita oltre che a causa della recente morte del capo storico anche per l'incontrastata presenza nel quartiere del capo dei Caldarola esponente di spicco degli Strisciuglio».

Secondo l'Antimafia «il traffico di sostanze stupefacenti - è scritto a pagina 200 - resta una delle principali risorse per la criminalità organizzata che sfrutterebbe i canali di approvvigionamento nazionali e quelli esteri dimostrando una elevata propensione alla collaborazione con organizzazioni criminali straniere soprattutto albanesi le quali riescono a gestire, anche in forma autonoma - si legge - una fetta del particolare mercato criminale senza sovrapporsi alla malavita autoctona».

Persistono, nel barese, i furti perpetrati in danno delle attività commerciali così come continuano gli incendi riguardanti vetture o attività. Sui furti di auto è stato documentato il modus operandi di un gruppo che destinava le auto rubate a un centro di demolizione dove venivano smontate e immesse nel mercato parallelo.
  • Direzione Investigativa Antimafia
  • Clan Capriati Giovinazzo
  • Clan Mercante-Diomede Giovinazzo
Altri contenuti a tema
«L'influenza del clan Di Cosola sulla città di Giovinazzo» «L'influenza del clan Di Cosola sulla città di Giovinazzo» Secondo l'Antimafia «il clan sarebbe tornato a occuparsi del controllo territoriale attraverso le estorsioni»
Clan Capriati: confermate 22 condanne Clan Capriati: confermate 22 condanne La sentenza della Corte d'Appello: ridotta la pena per Michele Arciuli da 16 a 14 anni
1 Rapporto DIA: Depalma scrive, GiovinazzoViva risponde Rapporto DIA: Depalma scrive, GiovinazzoViva risponde Oggetto delle rimostranze del primo cittadino, il titolo di un nostro articolo sulla relazione semestrale
A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni» A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni» È quanto emerge dalla relazione dell'Antimafia: «Il clan ha cercato di riconquistare un ruolo di egemonia»
In Puglia aumento del «welfare mafioso di prossimità»: l'allarme dell'Antimafia In Puglia aumento del «welfare mafioso di prossimità»: l'allarme dell'Antimafia Sanità, turismo e ristorazione sono i settori più a rischio, secondo la relazione della Direzione Investigativa Antimafia
Relazione Dia, ecco come la mafia diventerà forte grazie al Coronavirus Relazione Dia, ecco come la mafia diventerà forte grazie al Coronavirus Pubblicata la seconda relazione semestrale, un capitolo intero è dedicato all'emergenza sanitaria
Di Cosola e Capriati i clan principali «attraverso referenti in loco o affiliati» Di Cosola e Capriati i clan principali «attraverso referenti in loco o affiliati» È lo scenario stilato nella relazione della Direzione Investigativa Antimafia riferita al secondo semestre del 2019
«Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» «Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» Lo certifica la semestrale relazione dell'Antimafia. Che aggiunge: «Presente anche il clan Capriati»
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.