Il generale Nicola Altiero
Il generale Nicola Altiero
Cronaca

Criminalità: aumentano i sequestri di droga, soprattutto cocaina ed eroina

I dati resi noti dalla Prefettura di Bari e relativi all'attività di Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato

Meno delitti (dai 19.533 del 2017 ai 17.708 del 2018, -9%), più controlli ai sorvegliati speciali (+79%) e perquisizioni (+68%), un aumento dei sequestri di droga, soprattutto cocaina (+132%) ed eroina (+258%).

Sono alcuni dei dati resi noti dalla Prefettura di Bari e relativi all'attività di Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Carabinieri dal 1 gennaio al 31 dicembre 2018 in provincia di Bari.

I servizi di controllo e prevenzione sul territorio, con un rafforzamento delle pattuglie in alcuni quartieri della città di Bari, Libertà, Japigia e Madonnella e a Bitonto, affiancano quelli organizzati in occasione dei grandi eventi, dal G7 del maggio 2017 alle due visite di Papa Francesco a Molfetta e a Bari nell'aprile e nel luglio 2018, passando per concerti, manifestazioni culturali, il Capodanno e lo sgombero del Ferrhotel avvenuto a ottobre.

Alla presentazione del bilancio 2018 hanno partecipato il prefetto di Bari, Marilisa Magno, il questore, Carmine Esposito, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, il generale Nicola Altiero e il comandante provinciale dei Carabinieri, Fabio Cairo.

I dati numericamente più rilevanti riguardano i sequestri di droga. «La Puglia - ha spiegato Altiero - si presta ad essere un territorio di transito e l'esito delle nostre indagini ha rivelato che l'eroina viene utilizzata come merce di scambio. Lo dimostrano i riscontri investigativi effettuati che ci hanno consentito di individuare l'invio di piccoli campioni di sostanza i quali dovevano consentire ad individuare il prezzo di mercato».

Sulla geografia delle piazze di spaccio, le forze dell'ordine hanno evidenziato che l'attività repressiva su Bitonto, soprattutto a seguito degli agguati del dicembre 2017 in cui fu uccisa per errore la signora Anna Rosa Tarantino, ha causato uno spostamento dei traffici nei comuni limitrofi, soprattutto Modugno, Palo del Colle e le zone industriali.

Sono state elencate anche le principali attività di contrasto alle attività illegali, dagli arresti per mafia e droga, a quelli per caporalato, maltrattamenti sui bambini negli asili e terrorismo internazionale, per un totale di 2.859 arresti eseguiti.
  • Droga Giovinazzo
Altri contenuti a tema
I Carabinieri e i cani antidroga passano al setaccio la città I Carabinieri e i cani antidroga passano al setaccio la città Controlli con le unità cinofile nelle zone a rischio spaccio, tra cui il parco Giovanni Scianatico
Armi, droga ed esplosivi: duro colpo della Guardia di Finanza Armi, droga ed esplosivi: duro colpo della Guardia di Finanza Perquisizioni a tappeto in città: sequestrati stupefacenti, pistole e cartucce. Arrestato un 40enne, denunciati un 28enne ed un 64enne
In casa hashish e marijuana, ma non per spaccio. Assolto un 30enne In casa hashish e marijuana, ma non per spaccio. Assolto un 30enne Lo ha deciso il gup Agnino, secondo il quale «il fatto non sussiste». Accolta la tesi difensiva dell'avvocato Mongelli
Droga nella biancheria intima, arrestato un 22enne Droga nella biancheria intima, arrestato un 22enne I Carabinieri gli hanno rinvenuto addosso 20 dosi di hashish per complessivi 12 grammi
Assolti dall'accusa di detenzione di droga: non c'è presunzione di spaccio Assolti dall'accusa di detenzione di droga: non c'è presunzione di spaccio Per un 28enne ed un 24enne è finito un lungo calvario giudiziario durato 7 anni. Scagionati perché «il fatto non sussiste»
Hashish nella cappa della cucina: arrestato un 29enne Hashish nella cappa della cucina: arrestato un 29enne Irruzione dei Carabinieri in un appartamento di via Antinacio, sequestrati 35 grammi di sostanza stupefacente
Marijuana nel trullo, arrestati in tre. Ma le analisi danno ragione a loro Marijuana nel trullo, arrestati in tre. Ma le analisi danno ragione a loro I Carabinieri avevano sequestrato oltre 25 chili. In realtà avevano un principio attivo di Thc contenuto entro i limiti di legge
La sua nuova casa era una centrale dello spaccio. Preso un 30enne di Bari La sua nuova casa era una centrale dello spaccio. Preso un 30enne di Bari La droga era nascosta in una stufa a legno all'interno di un casa sulla litoranea che conduce a Molfetta
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.