I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

26enne minacciato: «Dacci le chiavi dell’auto»

Un giovinazzese è stato vittima di un assalto da parte di due banditi. Sono fuggiti sottraendogli la Fiat Panda

Affiancato da una coppia di rapinatori sbucati dal nulla e costretto a consegnare le chiavi della sua auto è riuscito a divincolarsi. Ma i due banditi, senza darsi per vinti, hanno aperto lo sportello e si sono impossessati di una Fiat Panda, che è diventata così il loro bottino di guerra.

Il fatto è avvenuto nella notte scorsa, intorno ore 02.00. La vittima della disavventura, un 26enne del posto, era nell'auto di un suo coetaneo. Tutto s'è consumato in una area periferica, via Devenuto. I due si trovavano a bordo dell'auto (anch'essa una Fiat Panda), quando, all'improvviso, sono stati affiancati da due persone. Entrambe avevano il volto coperto da passamontagna scuri, e con l'aggiunta della complicità del buio, vederli in volto è stato praticamente impossibile. Tant'è: uno dei due malviventi, evidenziando una chiara inflessione dialettale bitontina, gli ha subito intimato di consegnargli le chiavi della sua auto, una Fiat Panda parcheggiata poco distante. Ma il giovane s'è opposto ai due rapinatori e, insieme al suo amico, è riuscito ad allontanarsi.

I ladri non si sono, però, dati per vinti, hanno forzato lo sportello anteriore della Fiat Panda e sono saliti a bordo: in un batter d'occhi il motore è avviato e l'auto pronta a schizzar via verso Bitonto. I due ragazzi sono rimasti sotto choc, mentre i Carabinieri della Compagnia di Molfetta si sono messi immediatamente alla caccia della vettura e dei due malviventi. Fortuna ha voluto che proprio i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile siano riusciti a rintracciare la Fiat Panda due ore più tardi. I malviventi, che con tutta probabilità si sono accorti di essere stati individuati, hanno abbandonato l'auto in un fondo agricolo in località Quorchio, in territorio di Bitonto, e si sono dileguati a piedi. Le ricerche sono continuate per tutta la notte senza, al momento, alcun esito positivo.

Il furto è stato denunciato ai Carabinieri della locale Stazione. Ma questo non è l'unico episodio registrato. Nel corso della notte, infatti, ignoti dopo aver forzato la porta d'ingresso dell'associazione "Amici della Musica", sita sul lungomare di Ponente, hanno tentato di rubare un pianoforte a muro. Poi, forse perché, molto ingombrante, pesante e abbastanza difficile da trasportare, hanno rivolto le loro sgradite e sgradevoli attenzioni su alcune raffinate riproduzioni in miniatura di strumenti musicali fedeli in ogni dettaglio e alcune bottiglie di acqua per poi fuggire.

Intanto in città e sui social network sale l'angoscia: «Ogni volta che arriva una ondata di criminalità è sempre difficile da debellare - commentano i cittadini -. Tra raid negli appartamenti e continui furti di auto, che negli ultimi giorni hanno subito una preoccupante escalation, siamo completamente alla mercé di questi balordi». E la richiesta comune, quasi un urlo, è una sola: sicurezza.
  • Furti auto Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Furti di auto ed estorsioni, assolto un 45enne di Giovinazzo Furti di auto ed estorsioni, assolto un 45enne di Giovinazzo I fatti risalgono al 2010. L'uomo è stato scagionato «per non aver commesso il fatto», accolta la richiesta del difensore Tedeschi
Auto rubate e cannibalizzate. Riapre la catena di smontaggio Auto rubate e cannibalizzate. Riapre la catena di smontaggio La scocca di una Opel Corsa è stata recuperata dalle Guardie Campestri. Altri due ritrovamenti a Terlizzi
Fra gli ulivi di Giovinazzo l'ennesima centrale per il riciclaggio di auto Fra gli ulivi di Giovinazzo l'ennesima centrale per il riciclaggio di auto La scoperta delle Guardie Campestri. Ritrovate una Opel Corsa e una Hyundai Kona entrambe cannibalizzate
A Bitonto il cimitero delle auto rubate. Ritrovate dieci in due giorni A Bitonto il cimitero delle auto rubate. Ritrovate dieci in due giorni Recuperate dalla Polizia di Stato scocche di auto sparite non solo in città, ma anche a Bari, Giovinazzo e Palo del Colle
Ford nel mirino, i ladri d'auto non si fermano neanche a Pasqua Ford nel mirino, i ladri d'auto non si fermano neanche a Pasqua Due le auto ritrovate cannibalizzate dalle Guardie Campestri: una Ford Fiesta e una Ford Focus
Sparite nella Bat e cannibalizzate a Giovinazzo Sparite nella Bat e cannibalizzate a Giovinazzo Le scocche di due auto rubate ad Andria e Bisceglie sono state recuperate dalle Guardie Campestri
Volkswagen rubate e cannibalizzate nell'agro di Giovinazzo Volkswagen rubate e cannibalizzate nell'agro di Giovinazzo Il ritrovamento in località Parco di Lella, la centrale dei ricettatori scovata dalle Guardie Campestri
Rinvenute due scocche d'auto nell'agro di Giovinazzo Rinvenute due scocche d'auto nell'agro di Giovinazzo Si tratta di una Fiat Puma e di una Bmw recuperate dalle Guardie Campestri
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.