La discarica di Giovinazzo
La discarica di Giovinazzo
Cronaca

Percolato nella falda, la Daneco: «Non abbiamo contezza dei fatti contestati»

Il liquidatore Andrea D'Ovidio fornisce la sua versione: «Le indagini appartengono ad una gestione precedente la mia»

«Non ho contezza dei fatti contestati». Taglia corto Andrea D'Ovidio, liquidatore della Daneco Impianti, società a responsabilità limitata con sede a Roma, a cui il 5 marzo scorso i Carabinieri, su disposizione della magistratura, hanno eseguito un decreto di sequestro, finalizzato alla confisca, di denaro, beni e altra utilità nella disponibilità dell'azienda in liquidazione, sino alla concorrenza, di 1,4 milioni di euro.

Il provvedimento, firmato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Antonella Cafagna, è stato notificato alle direzioni generali, agli uffici legali di 5 istituti di credito, nonché alle conservatorie dei registri immobiliari delle 11 province interessate in un'inchiesta che vede indagate 7 persone per inquinamento ambientale: secondo l'inchiesta, l'azienda avrebbe omesso di adottare misure per il contenimento del percolato, parte del quale avrebbe inquinato la falda.

La Procura della Repubblica di Bari, infatti, dopo le indagini, ha accertato l'inquinamento ambientale «causato dall'omessa adozione di ogni utile accorgimento e doverose misure per il contenimento e la gestione del percolato», parte del quale sarebbe finito disperso nel sottosuolo fino alla falda acquifera. In questo modo l'azienda avrebbe conseguito «un risparmio di spesa», omettendo di sopportare i costi legati all'osservanza delle norme per lo smaltimento del rifiuto liquido.

Un'accusa nei confronti della Daneco Impianti s.r.l., società in liquidazione ed in concordato preventivo - uno strumento per evitare la dichiarazione di fallimento - rispetto alla quale Andrea D'Ovidio, professionista che si occupa di crisi d'impresa da 30 anni, partners e responsabile della Restructuring Unit di PTS Clas s.p.a., contattato, assicura di non avere «contezza dei fatti contestati dalla magistratura i quali - dice - appartengono ad un periodo precedente alla mia gestione».

Le indagini, a cura dei Carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Bari, sono iniziate nel 2016 e sono terminate nel 2018 con accertamenti patrimoniali. In realtà, però, la nomina del liquidatore è avvenuta il 27 giugno 2017 (la data di prima iscrizione risale al 17 luglio 2017), proprio nel periodo in cui gli inquirenti, avvalendosi anche di consulenze chimiche, geologiche ed entomologiche, sono riusciti a dimostrare l'inquinamento ambientale.

Insomma, un'altra pesante tegola giudiziaria si è abbattuta sulla società, costituita nel 2008 e che in passato ha gestito l'impianto di Giovinazzo, chiuso dal 2015 all'abbancamento di nuovi rifiuti: già il 21 aprile 2016 la Procura della Repubblica di Bari ha disposto il sequestro dei lotti I, II, III e VI della discarica in località San Pietro Pago, mentre il 21 febbraio 2017 i sigilli, dopo un sopralluogo, sono stati apposti al IV lotto, nonché a varie tubazioni di collegamento col VI lotto.

E sempre nel 2017, nel corso della seduta del consiglio d'amministrazione del 27 giugno 2017, la stessa azienda, che già all'epoca era una società con carenze di liquidità, ha deliberato la messa in liquidazione volontaria a valle, però, della trasformazione della forma giuridica da società per azioni a società a responsabilità limitata. Una crisi certificata dalla domanda di concordato preventivo presentata il 3 luglio 2017 al Tribunale di Roma, dove la s.r.l. ha la propria sede legale.

La Daneco Impianti s.r.l., che conta - al 30 settembre 2020 - 9 addetti (fonte Inps), ha sede a Roma, in via Secchi n. 8 e ha un capitale sociale dichiarato pari a 45.000.000 di euro. Un capitale diviso fra la Asset & Management, una s.r.l. di Roma che opera nel settore della consulenza di direzione aziendale (33.300.000,00 euro, pari al 74%) e la Dimora, un'altra s.r.l. di Roma (11.700.000,00 euro, pari al 26%). Entrambe - curiosità - hanno la sede in comune, in via Sardegna n. 38.

8, infine, sono le sedi secondarie e le unità locali, fra cui la discarica di Giovinazzo, dove l'azienda romana ha esercitato le attività di «smaltimento di rifiuti urbani non pericolosi e di gestione dell'impianto dei rifiuti urbani». E dove, secondo l'ultima indagine della Procura della Repubblica, avrebbe conseguito un risparmio di spesa omettendo di sopportare i costi legati all'osservanza delle procedure per lo smaltimento del percolato, parte del quale sarebbe finito nel sottosuolo.

A San Pietro Pago ad essere inquinata sarebbe la falda. Una zona che vive anche dalla produzione d'olio d'oliva. E dunque sulle nostre tavole. Dopo la chiusura della discarica, la Daneco Impianti s.r.l., sommersa dalle richieste di restituzione somme, come nel caso di Giovinazzo per oltre 32,5 milioni di euro, avrebbe dovuto assicurare la sua post-gestione. In realtà non l'ha mai fatto. Chi inquina paga. O forse no?
  • Discarica Giovinazzo
  • Daneco Impianti
Altri contenuti a tema
Discarica, sopralluogo del sindaco con l'azienda aggiudicataria delle messa in sicurezza Discarica, sopralluogo del sindaco con l'azienda aggiudicataria delle messa in sicurezza Depalma: «Un altro grande traguardo è ormai vicino»
Discarica San Pietro Pago, la Giunta di Giovinazzo approva progetto preliminare per chiusura definitiva Discarica San Pietro Pago, la Giunta di Giovinazzo approva progetto preliminare per chiusura definitiva Depalma: «Proiettati con fatti concreti alla risoluzione delle “cause” della situazione ambientale»
Discarica Giovinazzo: superati i limiti di contaminazione di mercurio e ferro nella falda Discarica Giovinazzo: superati i limiti di contaminazione di mercurio e ferro nella falda Insorge PrimaVera Alternativa: «Tutto questo è inaccettabile!»
Discarica Giovinazzo, proseguono i lavori di manutenzione del sito su autorizzazione Procura della Repubblica Discarica Giovinazzo, proseguono i lavori di manutenzione del sito su autorizzazione Procura della Repubblica Depalma: «Continuiamo con l’ordinario, ma miriamo alla chiusura e alla post-gestione»
PVA, Discarica Giovinazzo: «Si continua a scherzare col fuoco» PVA, Discarica Giovinazzo: «Si continua a scherzare col fuoco» Nuova denuncia del movimento civico d'opposizione
Discarica Giovinazzo, parte campionamento acque di falda Discarica Giovinazzo, parte campionamento acque di falda Le operazioni saranno a cura dei tecnici di Arpa Puglia
Altri 300mila euro per la messa in sicurezza della discarica di Giovinazzo Altri 300mila euro per la messa in sicurezza della discarica di Giovinazzo Integrato il sostegno finanziario da parte della Regione Puglia
Discarica e PUG: se ne discute nel Consiglio comunale di Giovinazzo Discarica e PUG: se ne discute nel Consiglio comunale di Giovinazzo Seduta in streaming convocata per le ore 17.00
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.