Pino Tulipani
Pino Tulipani
Cronaca

È morto Pino Tulipani. Il gigante dei diritti dei disabili

Il Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità aveva 59 anni. È stato vice sindaco di Giovinazzo

Un uomo forte e generoso, un simbolo di tenacia e determinazione, paladino di molte battaglie sociali a favore dei più deboli e dei disabili sino ad essere eletto Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità: questo era Pino Tulipani, 59 anni, volato in cielo quest'oggi, colto da una ischemia cerebrale.

La notizia ha suscitato cordoglio non solo a Giovinazzo, città dove ha legato il suo nome ad attività culturali col Centro Studi Meridionali intitolato ad Aldo Moro e sindacali con la Cisl, ed all'impegno di amministratore (è stato assessore dal 1990 al 1992 e dal 2002 al 2004, nda) sino a ricoprire il ruolo di vice sindaco con delega alle Politiche del Lavoro, al Turismo ed ai Progetti Comunitari, ma in tutta la Puglia, dove è stato eletto Garante regionale dei diritti dei disabili.

E proprio per quest'ultimo delicato incarico il Consiglio Regionale, con voto a scrutinio segreto, il 27 marzo 2018, ha individuato proprio in Pino Tulipani, laureato in Scienze Politiche all'Università degli Studi Aldo Moro di Bari, Cavaliere della Repubblica e con un passato nelle istituzioni (sub commissario del Comune di Molfetta, nda), in particolare nella Protezione Civile, e nell'impegno sociale a favore di persone affette da autismo, disturbo psichico e comportamentale.

L'impegno nella Protezione Civile era stato notato dal Ministro Vito Lattanzio. L'approdo nel Servizio di Protezione Civile della Regione Puglia gli ha consentito di misurarsi in una esperienza unica e realizzando la prima mappa regionale del Volontariato di Protezione Civile e della prima cabina di Coordinamento Protezione Civile e Dipartimento Nazionale di Protezione Civile. Da qui, nascono le basi solide e attive dell'attuale Sistema di Protezione Civile della Puglia.

La sua formazione ecclesiale e di cattolico si è poi perfezionata in Vaticano, attraverso la collaborazione con l'arcivescovo Lino Zanini, delegato della Reverenda Fabbrica di San Pietro in Vaticano, e monsignor Antonio Macculi della Segreteria di Stato Vaticana. A Roma, dunque, ma anche al nord, a Milano, dove - grazie al compianto monsignor Tommaso Tridente, vicario generale della diocesi di Molfetta - ha frequentato gli incontri all'eremo di San Salvatore.

«La sua esperienza politica - citando le parole di un suo grande amico, Agostino Picicco - è stata avulsa e rivoluzionaria ed è stata accompagnata dall'illuminante pensiero di Aldo Moro, Giuseppe Lazzati, dalle sue frequentazioni con Nicola Vernola, Giovanni ed Agnese Moro e dai validi insegnamenti di don Tonino Bello che, pochi giorni prima della sua morte, lo volle al suo capezzale, profetizzandoli: "Ti ringrazio per quello che farai per gli ultimi"».

Un legame, quello con don Tonino Bello che ha lasciato traccia anche nell'ultimo impegno istituzionale - quello di Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità, un incarico fortemente voluto dal governatore Michele Emiliano e sostenuto dal presidente del Consiglio Regionale Mario Loizzo - il cui inizio operativo è coinciso con la data del "dies natalis" al cielo di don Tonino Bello, il 20 aprile 2018. Ma Giovinazzo gli è rimasta sempre nel cuore.

Negli ultimi 15 anni, infatti, si è attivato per la fondazione, l'organizzazione e la promozione dell'associazione di volontariato Angeli della Vita e della Biblioteca-Giardino di via Devenuto, una denominazione che rappresenta - a livello regionale - una felice metafora per indicare la cura del disagio psichico, con una miriade di attività specifiche e di iniziative di rilievo per sensibilizzare, anche a livello nazionale, su tali problematiche.

Il suo impegno nel sociale ha fatto dire al suo antico maestro, monsignor Giovanni Ricchiuti, oggi arcivescovo di Altamura e presidente nazionale di Pax Christi, che «Tulipani è un seme di don Tonino Bello in diocesi di Molfetta». Inoltre è stato definito il "don Corrado della Puglia", in riferimento all'episodio di cronaca che ha visto a Roma il cardinale Corrado Krajewski attivo, anche oltre i limiti della legalità, nel tutelare le condizioni di vita degli ultimi.

A due anni dalla nomina nel ruolo di Garante, Pino Tulipani ha riempito di contenuti una storia istituzionale. Maestri non gli sono mai mancati: Aldo Moro e don Tonino Bello sono state un solido riferimento umano. Sempre dalla parte dei più deboli. A noi mancheranno i suoi sguardi, più significativi di mille parole.
  • Giuseppe Tulipani
  • Pino Tulipani
Altri contenuti a tema
Un alberello nella sede del Consiglio regionale della Puglia per ricordare Pino Tulipani Un alberello nella sede del Consiglio regionale della Puglia per ricordare Pino Tulipani Loizzo: «Da lui abbiamo imparato tanto»
I Consiglieri regionali 5 Stelle ricordano Pino Tulipani I Consiglieri regionali 5 Stelle ricordano Pino Tulipani La sottolineatura: «Ancora più forte la responsabilità di mettere in pratica quanto da lui scritto in quella lettera»
Il saluto di Agostino Picicco all'amico Pino Tulipani Il saluto di Agostino Picicco all'amico Pino Tulipani Il commiato commosso del compagno di tanti progetti comuni
Morte Tulipani, il commiato della politica regionale Morte Tulipani, il commiato della politica regionale Emiliano:«Il mio dolore è quello di una intera comunità»
1 Francesca Galizia ricorda l'ultima battaglia di Pino Tulipani Francesca Galizia ricorda l'ultima battaglia di Pino Tulipani La deputata pentastellata sottolinea l'impegno per le persone autistiche in questo periodo di reclusione forzata in casa
Pino Tulipani non c'è più: il cordoglio dell'Amministrazione comunale Pino Tulipani non c'è più: il cordoglio dell'Amministrazione comunale Il Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità. Mancherà a tantissimi
1 Pino Tulipani: «La nostra contaminazione è l'amore» Pino Tulipani: «La nostra contaminazione è l'amore» Lettera aperta del Garante dei Diritti delle Persone con Disabilità della Regione Puglia
La Biblioteca-giardino degli Angeli della Vita presidio di civiltà La Biblioteca-giardino degli Angeli della Vita presidio di civiltà Sollecito: «Spazio anonimo e abbandonato, oggi germoglio di convivialità»
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.