Anna Milone con le sue prelibatezze
Anna Milone con le sue prelibatezze
Vita di città

Le calzengidde li prepara la signora Anna

L'antica ricetta giovinazzese nella versione casereccia

I suoi panzerotti, poco più di un anno fa, avevano riscosso un successo "planetario", visti i consensi arrivati da Stati Uniti, Canada, Australia e Regno Unito. Questa volta le abbiamo chiesto di preparare un'altra prelibatezza della nostra tradizione dolciaria: le calzengidde.
E la nostra intervista si trasformerà in tutoraggio per chi è neofita della materia. La parola ad Anna Milone.

Signora Anna, ben ritrovata!
Grazie alla pazienza della vostra redazione che ogni tanto mi fa visita.

Oggetto della nostra intervista, come le avevamo anticipato, sono i buonissimi calzengidde, tipici della tradizione giovinazzese e barese più in generale. Partiamo dalle quantità per l'impasto...
Beh, l'impasto è fatto da 1kg di farina (utilizzo la 00, ma ci possono essere alcune varianti), 100 grammi del nostro buon olio d'oliva, 10 cl di vino bianco. Poi si impasta il tutto con acqua tiepida e si tiene un po' a riposo.

Lei si aiuta con una macchinetta per realizzare la pasta.
Sì, bisogna poi che l'impasto diventi sfoglia e si procede poi a formare i cuscinetti. Talvolta, come nel mio caso, con l'avanzo dell'impasto si possono creare le buonissime cartellate, altro dolce della nostra tradizione.

OK, ma facciamo un passo indietro. Come si riempiono le calzengidde?
Per la quantità che vi ho indicato, per cui si possono ottenere calzengidde anche per 15-20 persone, si mette mezzo kg di mandorle sbucciate e macinate, 300 grammi di zucchero, accompagnati da 20cl di acqua profumata con un pizzico di cannella in polvere. E poi l'aroma lo si crea grattugiando un po' di buccia di limone e di mandarino. Consiglio questo accorgimento perché infonde freschezza al ripieno. Le scorze di limone o di agrumi, mi raccomando, devono sempre essere frullate insieme alle mandorle sbucciate, in modo da creare un buon amalgama.

Ed è tutto pronto?
Non ancora. Il ripieno si lascia a riposare prima di poter essere introdotto nei piccoli calzengidde. Poi si frigge il tutto, avendo l'attenzione a cambiare olio con sistematicità, per far sì che il tutto venga dorato e non risulti pesante per la digestione. Il vincotto completa il tutto.

Lei ha poi "brevettato" la versione di calzengidde e cartellate col solo zucchero...
Non scherziamo, su. Non è un brevetto, ma un accorgimento per chi ha problemi digestivi. Si evita il vincotto e si mette sopra zucchero. Ha la sua efficacia, credetemi.

E le crediamo, augurando buon Natale a lei ed a tutta la sua famiglia non prima di aver assaggiato qualche sua prelibatezza.
Siete i benvenuti! Ricambio e saluto tutti i giovinazzesi, soprattutto quelli più anziani, gli ammalati e quelli lontani.

Nella nostra gallery alcuni momenti del procedimento. E buon appetito!
7 fotoLe calzengidde della signora Anna
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WA
  • Natale 2018
  • Anna Milone
  • dolci giovinazzesi
Altri contenuti a tema
Addobbi natalizi: ecco chi ha vinto Addobbi natalizi: ecco chi ha vinto L'Amministrazione comunale ringrazia tutti i partecipanti
Il più bel desiderio natalizio è della piccola Sara. Premiata a Palazzo di Città Il più bel desiderio natalizio è della piccola Sara. Premiata a Palazzo di Città Vorrebbe sorridere sempre. E Depalma le augura che possa essere davvero così
SpaccaBari, consensi per l'omaggio di Alessandro Cavaliere a Giovinazzo SpaccaBari, consensi per l'omaggio di Alessandro Cavaliere a Giovinazzo Il suo presepe incastonato nella cornice di Cala Porto ha attirato migliaia di visitatori
Una Festa della Befana per ogni età (FOTO) Una Festa della Befana per ogni età (FOTO) Premiate anche le attività commerciali ed i privati per i migliori addobbi natalizi e la letterina più bella giunta a Babbo Natale
Tutti gli appuntamenti dell'Epifania a Giovinazzo Tutti gli appuntamenti dell'Epifania a Giovinazzo Mostre, musica, festa della Befana e presepe vivente. Ce n'è per tutti i gusti
Presepe Vivente dei Frati: domani arrivano i Re Magi Presepe Vivente dei Frati: domani arrivano i Re Magi Prima la Messa vespertina. Poi tutti nel giardino del convento per rivivere l'omaggio di Gaspare, Melchiorre e Baldassarre al Bambinello
Domani c'è la Befana in piazza Domani c'è la Befana in piazza Appuntamento alle ore 18.30 per i più piccoli
"Giovinazzo Dona", Elisa Barucchieri ancora una volta all'Auditorium "don Tonino Bello" "Giovinazzo Dona", Elisa Barucchieri ancora una volta all'Auditorium "don Tonino Bello" Stasera la seconda replica dello spettacolo tra reading, danza, musica e solidarietà
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.