La Guardia di Finanza
La Guardia di Finanza
Cronaca

Il lato oscuro di Giovinazzo Beach nell'operazione "Levante"

«Mi hanno dato l'autorizzazione per la spiaggia, l'anno prossimo ne parliamo» diceva Chiusolo a Sicolo

Tocca anche la città di Giovinazzo l'inchiesta "Levante" che martedì scorso ha sgominato due sodalizi criminali con proiezione internazionale, operativamente collegati, dediti alla commissione di una pluralità di reati (dall'associazione per delinquere finalizzata alle frodi fiscali, al riciclaggio e all'autoriciclaggio dei relativi proventi sino al contrabbando di prodotti energetic) e portato 14 persone in carcere, 45 agli arresti domiciliari e 14 destinatarie dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Due avvocati, invece, sono stati interdetti per un anno.

Tra questi Massimo Roberto Chiusolo. Avrebbe avuto, stando a quanto ricostruito, un ruolo nelle intestazioni fittizie di beni con dei «comportamenti connotati da particolare gravità, in rapporto all'assistenza prestata a Emanuele Sicolo», di Bitonto, nell'orbita del clan Parisi di Bari, a cui risulta affiliato, e uomo di gran fiducia dell'imprenditore Francesco Giordano, già arrestato nel 2018, per «consentirgli - è scritto - di eludere il contenuto di provvedimenti di sequestro nei suoi confronti onde rientrare nella disponibilità di compendi aziendali sottoposti al vincolo cautelare».

Ma Chiusolo, già a marzo 2018, sembrava programmare «per il futuro - è scritto nelle 1.261 pagine dell'ordinanza di custodia cautelare a firma del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Antonella Cafagna - la conduzione in forma condivisa con il Sicolo, di un lido balneare, sul territorio di Giovinazzo». 51 anni, originario e residente a Bitonto, «Pagnotta», già condannato per associazione di stampo mafioso e noto come «il killer» dei Parisi​, è stato riconosciuto dagli inquirenti il «capo e l'organizzatore dell'associazione per delinquere» sgominata martedì.

E proprio con Sicolo parlava l'avvocato Chiusolo, «mediante l'apparecchio cellulare» di sua moglie Suzana Gavric. «Io ho capito tutte le cose, mo mi hanno dato l'autorizzazione per la spiaggia...», riferendosi ad una concessione demaniale rilasciata dal Comune di Giovinazzo. A confermare questa tesi è l'avvocato Ivana Coppi, amministratore giudiziario della Bel.Amì durante un interrogatorio: «Il Chiusolo mi riferiva altresì - ha detto - di aver ricevuto una concessione demaniale su Giovinazzo e che pertanto si sarebbe avvalso di Sicolo per le sue capacità lavorative».

«L'anno prossimo ne parliamo... sì! - le parole di Chiusolo ascoltate dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Bari e del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari - ...no, quest'anno non ci devo pensare perché bisogna fare tutti i muri a secco nuovi, bisogna fare delle attività... ma le spiagge lavorano? No, io comunque non voglio fare niente... io mi voglio solo fare il bagno... ancora pensi che mi devo mettere io a lavorare qua!!... non basta quello che faccio dalla mattina alla sera? Statti bene... ciao... oh... ancora mi vuole mettere a lavorare».

Torniamo a Sicolo. Fra i suoi interessi c'era anche la politica. L'uomo era sottoposto da oltre cinque anni ad una serie di indagini che hanno costretto gli inquirenti ad intercettarlo per lunghi periodi. Ed era sotto controllo anche nella primavera 2017, quando Sicolo era impegnato a sostenere alcuni candidati. «L'ho chiamato io e per l'elezione gli ho detto di prendere quel ragazzo... Se mi dà una mano a votare». In quel periodo, infatti, si votava per eleggere la nuova amministrazione a Bitonto, ma anche a Giovinazzo, città su cui il suo gruppo aveva interessi.
  • Guardia di Finanza
  • Massimo Roberto Chiusolo
Altri contenuti a tema
Caro carburante, distributori sotto la lente della Guardia di Finanza Caro carburante, distributori sotto la lente della Guardia di Finanza I controlli dei militari, anche a Giovinazzo, per evitare eventuali fenomeni speculativi sui prezzi dei carburanti
Bonus edilizi: falsi crediti d'imposta per oltre 17 milioni, perquisizioni a Giovinazzo Bonus edilizi: falsi crediti d'imposta per oltre 17 milioni, perquisizioni a Giovinazzo Le indagini avrebbero fatto emergere l'esistenza di un sodalizio criminale, con basi logistiche a Bari e Altamura
Sequestrati 360mila prodotti pericolosi: «Simili ad alimenti, ma non commestibili» Sequestrati 360mila prodotti pericolosi: «Simili ad alimenti, ma non commestibili» Sono chiamati "similalimenti", in questo caso erano piccole pietre ovali molto simili a caramelle
Controlli nel barese su scontrini e ricevute, irregolare un'attività su tre Controlli nel barese su scontrini e ricevute, irregolare un'attività su tre 400 controlli da parte delle Fiamme Gialle: verifiche anche sulla circolazione delle merci e sui prezzi dei carburanti
Ai Vigili del Fuoco un autoarticolato sequestrato a Giovinazzo Ai Vigili del Fuoco un autoarticolato sequestrato a Giovinazzo Il mezzo, insieme a 30mila litri di gasolio, furono sequestrati dalla Guardia di Finanza nel 2020
Arresti nell'Arma: al via il processo davanti al Gup Arresti nell'Arma: al via il processo davanti al Gup Tre imputati, fra cui Salerno, hanno optato per il rito abbreviato, Laforgia andrà a dibattimento. Si torna in aula il 14 luglio
Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Slitta al 18 maggio l'udienza preliminare per consentire alle difese di avanzare richieste di riti alternativi
Arresti nell'Arma, Laforgia e Salerno lasciano il carcere: ai domiciliari Arresti nell'Arma, Laforgia e Salerno lasciano il carcere: ai domiciliari Erano in cella dal 18 giugno scorso. Il gip Galesi ha accolto le richieste di attenuazione delle misure cautelari
© 2001-2023 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.