La benedizione urbi et orbi
La benedizione urbi et orbi
Religioni

«Dio non ci lascia in balia della tempesta»

Benedizione storica di Papa Francesco "Urbi et orbi" da piazza San Pietro vuota e battuta dalla pioggia

«Dio non ci lascia in balia della tempesta».

Papa Francesco questa sera ha ridisegnato la storia della Chiesa e dell'umanità. La benedizione "urbi et orbi" impartita dal sagrato di San Pietro in diretta tv e streaming rappresenta il momento più alto di spiritualità degli ultimi 70 anni.

Bergoglio ha implorato Dio affinché cessi la pandemia ed ha spronato i fedeli alla pratica della "speranza", mai come in questo momento esercizio difficile. «Ci siamo trovati impauriti e smarriti, siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa e ci siamo resi conto di trovarci tutti sulla stessa barca, fragili e disorientati, ma tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda».

«Dio onnipotente e misericordioso, guarda la nostra dolorosa condizione: conforta i tuoi figli e apri i nostri cuori alla speranza, perché sentiamo in mezzo a noi la tua presenza di Padre», ha detto il Pontefice, mentre la pioggia insistente rendeva ancor più desolata la grande piazza.

Il Santo Padre ha parlato di «fitte tenebre scese sul mondo» nelle ultime settimane, che si sono «addensate sulle nostre piazze, sulle nostre strade e città». Un buio dei cuori che si è impadronito «delle nostre vite riempiendo tutto di un silenzio assordante e di un vuoto desolante».

Ma il Signore ascolta l'implorazione dei suoi figli e non li abbandona: «Svegliati Signore!», ha ripetuto Bergoglio, ribadendo che Dio non è sordo al nostro grido di dolore e che è qui, in mezzo a noi, con noi nell'ora della prova.

La lunga, silenziosa meditazione davanti al Santissimo resterà una delle immagini che nei secoli a venire sarà riproposta, così come l'implorazione e la benedizione davanti ad una piazza desolata, in cui però c'era riunito il mondo intero, quel mondo che idealmente il Pontefice ha abbracciato.

Dal Colonnato del Bernini è giunto dunque forte l'abbraccio della Chiesa, simbolico solo in parte, al suo gregge nell'ora del dolore. La Chiesa alza la testa e guarda al Cielo da dove è certa giungeranno presto risposte al grido di sofferenza che si alza dalla Terra.



  • Papa Francesco
  • Benedizione Urbi et Orbi
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

915 contenuti
Altri contenuti a tema
161 positivi ricoverati negli ospedali pugliesi, tra cui 22 in terapia intensiva 161 positivi ricoverati negli ospedali pugliesi, tra cui 22 in terapia intensiva Nessun decesso registrato nelle ultime ore
Covid in Puglia, 233 nuovi casi positivi nelle ultime ore Covid in Puglia, 233 nuovi casi positivi nelle ultime ore Il dato dei ricoverati resta invariato
Covid in Puglia, dati stabili rispetto alle medie delle ultime settimane Covid in Puglia, dati stabili rispetto alle medie delle ultime settimane L'indice di contagiosità sui test effettuati nelle ultime ore è risalito oltre l'1%. Cala il numero dei ricoverati
249 nuovi casi Covid registrati nelle ultime ore in Puglia 249 nuovi casi Covid registrati nelle ultime ore in Puglia 168 i pazienti ricoverati negli ospedali, 17 dei quali nei reparti di terpia intensiva
Meno di 100 nuovi casi positivi nelle ultime ore in Puglia Meno di 100 nuovi casi positivi nelle ultime ore in Puglia Situazione sotto controllo negli ospedali nonostante un leggero incremento del numero dei ricoverati
Covid in Puglia, scende il numero dei ricoverati Covid in Puglia, scende il numero dei ricoverati Tasso di positività inferiore all'1% nelle ultime ore
1 Attualmente positivi al Covid in Puglia di nuovo verso quota 4000 Attualmente positivi al Covid in Puglia di nuovo verso quota 4000 169 ricoverati negli ospedali. Non si sono registrati decessi nelle ultime ore
Covid in Puglia, indice di positività sui nuovi test all'1.37% Covid in Puglia, indice di positività sui nuovi test all'1.37% I contagi giornalieri si attestano su numeri abbastanza elevati ma la stragrande maggioranza di chi contrae il Covid non finisce in ospedale
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.