Un carcere
Un carcere
Cronaca

Clan Capriati, bocche cucite davanti al Gip

I 13 presunti affiliati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere i 13 presunti boss e gregari del clan Capriati della città vecchia arrestati e condotti in carcere dalla Polizia di Stato nel corso di un blitz notturno scattato il 19 aprile scorso tra Bari e provincia.

Filippo Capriati, Pietro Capriati, Paolo Emanuele Anaclerio, Michele Arciuli, Michele Arciuli, (il primo di 38 anni, il secondo di 46 anni), Matteo Borgia, Francesco Colasuonno, Salvatore D'Alterio, Gaetano Lorusso, Pasquale Panza, Giuseppe Pappagallo, Saverio Pappagallo e Carmelo Recchia hanno preferito fare scena muta piuttosto che difendersi dinanzi al giudice per le indagini preliminari Francesco Pellecchia.

Il gruppo criminale è accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso e dall'uso delle armi, porto e detenzione di armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e continuate, associazione per delinquere, aggravata, finalizzata alla realizzazione di furti.

E proprio quello delle estorsioni, oltre al traffico di droga che ha rivelato collegamento con altri gruppi, in base alle indagini della Squadra Mobile, coordinate dal pubblico ministero Isabella Ginefra della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari che ha chiesto e ottenuto le 20 misure cautelari (13 in carcere, 4 ai domiciliari e 3 obblighi di dimora), è un particolare capitolo oggetto di indagine a conferma della capacità di penetrazione del gruppo criminale.

Le indagini si sono avvalse di intercettazioni telefoniche e ambientali e della collaborazione di alcuni pentiti, consentendo anche di sventare un omicidio che il clan stava progettando. Le attività illecite del clan interessavano la città vecchia, i quartieri Murat e Carrassi e alcuni comuni del nord barese, tra cui Giovinazzo.
  • Clan Capriati Giovinazzo
  • Michele Arciuli
  • Saverio Pappagallo
  • Giuseppe Pappagallo
Altri contenuti a tema
Le mani del clan Capriati sul porto di Bari, sconti di pena in Appello Le mani del clan Capriati sul porto di Bari, sconti di pena in Appello Ricalcolata la condanna per Michele Arciuli, 9 anni e 8 mesi, dopo l'annullamento con rinvio della Cassazione
«A Giovinazzo è radicata l'operatività dei Capriati e Diomede-ex Mercante» «A Giovinazzo è radicata l'operatività dei Capriati e Diomede-ex Mercante» Pubblicata la nuova relazione dell'Antimafia: in città «è stata documentata la presenza di un'articolazione dell'ex clan Di Cosola»
«A Giovinazzo emergerebbe l'operatività dei Capriati e Diomede-ex Mercante» «A Giovinazzo emergerebbe l'operatività dei Capriati e Diomede-ex Mercante» Lo sostiene l'Antimafia anche se «tali presenze non escluderebbero il radicamento, nello stesso territorio, di altre strutture criminali»
«Tra gli obiettivi di colonizzazione dei Capriati rientrerebbe Giovinazzo» «Tra gli obiettivi di colonizzazione dei Capriati rientrerebbe Giovinazzo» Lo afferma l'Antimafia che, nel 2020, ha documentato la presenza di un’articolazione dell’ex clan Di Cosola
«Qualificati referenti dei Capriati si ritrovano a Giovinazzo» «Qualificati referenti dei Capriati si ritrovano a Giovinazzo» Lo scrive l'Antimafia nella relazione semestrale al Parlamento. Presenti anche «referenti dei Mercante-Diomede»
«L'influenza del clan Di Cosola sulla città di Giovinazzo» «L'influenza del clan Di Cosola sulla città di Giovinazzo» Secondo l'Antimafia «il clan sarebbe tornato a occuparsi del controllo territoriale attraverso le estorsioni»
Clan Capriati: confermate 22 condanne Clan Capriati: confermate 22 condanne La sentenza della Corte d'Appello: ridotta la pena per Michele Arciuli da 16 a 14 anni
A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni» A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni» È quanto emerge dalla relazione dell'Antimafia: «Il clan ha cercato di riconquistare un ruolo di egemonia»
© 2001-2024 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.