Fuochi di Sant'Antonio Abate. <span>Foto Giuseppe Dalbis</span>
Fuochi di Sant'Antonio Abate. Foto Giuseppe Dalbis
Eventi e cultura

Aspettando i Fuochi di Sant’Antonio Abate

Ieri sera la vigilia della festa con banditore, street band, artisti di strada e il concerto in piazza

C'è come sempre tanta attesa per la serata di oggi, contraddistinta dal rinnovo di una tradizione che rappresenta da sempre il clou dell'inverno giovinazzese.

I Falò di Sant'Antonio Abate verranno accesi solo da questo pomeriggio, ma già da ieri all'imbrunire la città ha cominciato a vivere la festa con il programma messo a punto dall'Associazione Culturaly, presieduta da Ester Monacelli, che si è aggiudicata l'organizzazione dell'evento 2020.

Il primo momento è stato l'arrivo in Piazza Vittorio Emanuele II del "Trofeo senza fine" del centenario, giunto in città per celebrare la Tappa del Giro d'Italia che partirà il prossimo 17 maggio da Giovinazzo; la spirale in metallo e oro, su cui sono incisi i nomi dei più grandi ciclisti della storia, sarà in esposizione anche oggi e continuerà ad attirare tanti curiosi e passanti, oltre che amanti delle due ruote.

In concomitanza, ai piedi del Municipio, c'è stata l'apertura del "Borgo del Fuoco" a cura del SER Molfetta, che ha offerto pettole calde e vino rosso per tutta la sera, accanto allo stand dei prodotti della Città di Guastalla, gemellata con la nostra.

Il banditore, le trombe e i tamburi dell'Associazione Socio-Culturale Brancaleone di Barletta hanno girato la città per dare ufficialmente il via alla festa, mentre la street band Route 99 ha portato la consueta allegria.

Artisti di strada hanno quindi deliziato grandi e piccini con spettacoli acrobatici e giochi con il fuoco, tema portante della festa.

In serata il concerto dei Vega80, con una carrellata senza soluzione di continuità di decine e decine di brani disco, pop e rock italiani e stranieri, ma anche di video, dei meravigliosi anni '80, quel decennio di colori, leggerezza, eccessi e trasgressione che ieri, come in ogni occasione che si ripresenti, non smette di contagiare e far ballare il pubblico di più generazioni.

E con un clima ormai riscaldatosi anche senza fuoco… si è già pronti per la giornata della tradizione.
25 fotoAspettando i Fuochi di Sant’Antonio Abate
IMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMG
  • Fuochi di Sant'Antonio Abate
  • Culturaly
Altri contenuti a tema
Finanziamento regionale per i Fuochi di Sant'Antonio Abate Finanziamento regionale per i Fuochi di Sant'Antonio Abate Depalma: «Un grande risultato grazie al lavoro dell'Assessore Piscitelli»
Fuochi di Sant'Antonio Abate, il video dall'alto Fuochi di Sant'Antonio Abate, il video dall'alto Pubblicato sulla pagina ufficiale della manifestazione
Sant'Antonio Abate, il fuoco sconfigge la pioggia. A Giovinazzo in migliaia (FOTO) Sant'Antonio Abate, il fuoco sconfigge la pioggia. A Giovinazzo in migliaia (FOTO) Ieri sera la festa più attesa dell'inverno ha acceso la città
È il giorno dei Fuochi di Sant'Antonio Abate: il programma e la mappa È il giorno dei Fuochi di Sant'Antonio Abate: il programma e la mappa Giovinazzo in festa con i falò in tutta la città. Pronti quintali di fave ed olive da gustare con buon vino
A Giovinazzo al via il weekend di festa per Sant’Antonio Abate A Giovinazzo al via il weekend di festa per Sant’Antonio Abate Presentati ufficialmente la manifestazione ed il Brand della città di Giovinazzo
Sant'Antonio Abate, il banditore all'Istituto Comprensivo "Bavaro-Marconi" Sant'Antonio Abate, il banditore all'Istituto Comprensivo "Bavaro-Marconi" La tradizione dei grandi falò trasmessa alle giovani generazioni
Quindici fuochi accesi a Giovinazzo per la Festa di Sant'Antonio Abate. La mappa Quindici fuochi accesi a Giovinazzo per la Festa di Sant'Antonio Abate. La mappa Ecco dove saranno dislocati i grandi falò che domenica prossima porteranno in città migliaia di persone
1 Giovinazzo celebra la festa liturgica di Sant'Antonio Abate Giovinazzo celebra la festa liturgica di Sant'Antonio Abate Stasera la messa nella chiesa della Madonna di Costantinopoli
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.