L'alga tossica
L'alga tossica
Attualità

Alga tossica, presenza registrata solo sui fondali profondi

La fioritura della Ostreopsis ovata presenta già livelli di concentrazione al di sopra della norma

L'alga tossica presente nel mare Adriatico inizia anche questa estate a dare i suoi effetti nocivi. Ma questa volta con circa un mese di anticipo.

La fioritura della Ostreopsis ovata, secondo l'ultima rilevazione dell'Arpa Puglia (l'Agenzia Regionale per l'Ambiente) che con campionature e rilevazioni quindicinali in venti diversi siti monitora costantemente il livello di concentrazione dell'alga, presenta già livelli di concentrazione al di sopra della norma, oltre i limiti indicati dalle linee guida del Ministero della Salute.

Ed è proprio nell'ultimo bollettino, riferito alla seconda quindicina del mese di giugno, che è stata accertata la fioritura di Ostreopsis ovata oltre i limiti. A Giovinazzo superamenti sono stati registrati in prossimità dell'hotel Riva del Sole in quantità discreta sul fondale (75.719 cellule/litro) e in quantità modesta in colonna (3.045 cellule/litro), mentre il monitoraggio negli altri punti non ha dato esiti preoccupanti sui livelli di concentrazione dell'alga.

La proliferazione anticipata dell'alga tossica potrebbe essere dovuta alle particolari condizioni climatiche delle ultime settimane: il protrarsi per parecchi giorni di caldo, elevata temperatura dell'acqua e mare calmo. Poi il vento delle ultime ore potrebbe aver fatto il resto, procurando quei fastidiosi malesseri che i bagnati cominciano ad avvertire.

Per chi ne viene a contatto, gli effetti, soprattutto per i bambini, sono riniti, faringiti, laringiti, bronchiti, febbre, dermatiti, congiuntiviti. Il pericolo aumenta dopo le mareggiate che favoriscono la formazione di aerosol marino e, quindi, la diffusione della tossina nell'aria. Non sono risparmiate neanche flora e fauna marina e in particolare stelle di mare, ricci, granchi, molluschi cefalopodi.

Tra i cibi da evitare in caso di presenza dell'alga tossica ci sono sicuramente i ricci, dei quali i pugliesi sono molto ghiotti.
  • Alga tossica Giovinazzo
Altri contenuti a tema
È tornata l'alga tossica: positive le analisi dell'Arpa È tornata l'alga tossica: positive le analisi dell'Arpa Attenzione, può causare febbre e problemi respiratori. Ma il meteo delle ultime ore dovrebbe disperderla
L'alga tossica è solo un ricordo? L'alga tossica è solo un ricordo? Anche ad agosto scarsa presenza nel nostro mare. I dati diffusi dall'Arpa Puglia
Nessun allarme alga tossica a Giovinazzo. Per l'Arpa i valori sono nella norma Nessun allarme alga tossica a Giovinazzo. Per l'Arpa i valori sono nella norma I dati, fino ad ora in possesso, si riferiscono ai primi 15 giorni di luglio
Alga tossica: si riduce l'emergenza, ma resta il bollino rosso Alga tossica: si riduce l'emergenza, ma resta il bollino rosso I dati diffusi da Arpa Puglia. Ancora certificata la presenza a Giovinazzo
Alga tossica: confermato bollino rosso per Giovinazzo Alga tossica: confermato bollino rosso per Giovinazzo I dati diffusi da Arpa Puglia
Allarme alga tossica: «Alte concentrazioni a sud di Giovinazzo» Allarme alga tossica: «Alte concentrazioni a sud di Giovinazzo» L'Ostreopsis ovata torna a infestare le coste pugliesi: può causare febbre e problemi respiratori
A Giovinazzo è allarme alga tossica A Giovinazzo è allarme alga tossica Le concentrazioni registrano picchi altissimi lungo tutta la costa, dalla Prima Cala e all'ex lido Lucciola
Torna l'alga tossica: bollino rosso a Giovinazzo Torna l'alga tossica: bollino rosso a Giovinazzo L'Arpa: l'Ostreopsis ovata apparsa sulla riviera sud, facilitata da alte temperature e mare calmo
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.