La Direzione Investigativa Antimafia
La Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni»

È quanto emerge dalla relazione dell'Antimafia: «Il clan ha cercato di riconquistare un ruolo di egemonia»

«Seppur debilitato, il clan Di Cosola è tornato ad esercitare la sua influenza anche a Giovinazzo, dove il sodalizio ha cercato di riconquistare un ruolo di egemonia garantendosi la complicità di uomini delle Istituzioni infedeli». Ecco la foto della Direzione Investigativa Antimafia nel primo semestre 2020, in piena pandemia.

«In provincia di Bari - si legge sul dossier - la stretta contiguità territoriale e la comunanza d'interessi con le grandi consorterie mafiose del capoluogo continuano a caratterizzare le vicende criminali dei gruppi operanti in provincia, dove il controllo, a cura delle maggiori strutture mafiose del capoluogo, si esercita attraverso fidati referenti e riti di affiliazione: i clan dimostrano una forte propensione a rigenerarsi continuamente nonostante l'incessante azione repressiva dello Stato».

Il clan Di Cosola, ad esempio, considerato fino a qualche anno fa uno dei più radicati nel territorio, con fortissima influenza nei comuni a sud est del capoluogo e a nord (Giovinazzo), «oggi appare ridimensionato sia dalle vicende giudiziarie che l'hanno interessato, sia dall'apporto del suo capo, deceduto nel 2018. La morte del boss ha infatti determinato la chiusura di una fase storica e la polverizzazione del clan, atteso che molti affiliati sono transitati nelle fila di altre consorterie».

«Tuttavia e in tempi successivi - si legge a pagina 252 - il clan ha ridisegnato la sua recente configurazione, strutturata in tre diversi gruppi riferibili ai congiunti (fratello e nipoti) del boss deceduto, in dissidio tra di loro per la guida del clan, quindi contendendosi il ruolo di vertice». Nello scenario descritto si collocano i «riscontri investigativi che hanno acclarato l'esistenza di "fibrillazioni interne che potrebbero concretizzare il pericolo di gravi delitti anche con l'uso delle armi"».

Dunque «seppur debilitato, il clan Di Cosola è tornato a occuparsi del controllo attraverso le estorsioni esercitando la sua influenza a Giovinazzo, dove il sodalizio ha cercato di riconquistare un ruolo di egemonia garantendosi la complicità di alcuni uomini delle Istituzioni infedeli», indagati, tra l'altro, per concorso esterno in associazione mafiosa e colpiti dal sequestro di disponibilità finanziarie, attesa la sproporzione tra il patrimonio e i redditi percepiti dai nuclei familiari.

I sodalizi di Bari, benché fortemente colpiti dalle loro alterne vicende storiche e giudiziarie, cercano di riorganizzarsi nella provincia per assumere il predominio nel controllo del territorio, dimostrando di avere capacità di inquinare taluni apparati istituzionali. «L'assunto - si legge a pagina 259 - ha trovato recente conferma in un'indagine che ha svelato come un'articolazione del clan Di Cosola, operante a Giovinazzo, potesse contare sull'apporto di alcuni uomini delle Istituzioni».

Questi ultimi, «avendo allacciato rapporti stretti con la consorteria - è scritto - fornivano informazioni riservate "relative alle operazioni di polizia giudiziaria da compiersi e, comunque, in merito alle indagini in corso o i provvedimenti da eseguire". Quale corrispettivo per la corruttela un vero e proprio stipendio mensile veniva consegnato da elementi contigui al clan a un commerciante con "funzione di trait d'union e canale di collegamento tra il sodalizio mafioso i due militari"».

Ma la criminalità (a Giovinazzo è stata rilevata la presenza di gruppi riconducibili ai clan Capriati e Mercante-Diomede) potrebbe cercare di valorizzare pure altri settori. Per concludere «il territorio continua a essere interessato da rapine, anche se il fenomeno ha subito una flessione come per gli altri reati predatori».
  • Clan Di Cosola
  • Clan Diomede
  • Clan Mercante
  • Clan Capriati Giovinazzo
  • Clan Di Cosola Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Di Cosola e Capriati i clan principali «attraverso referenti in loco o affiliati» Di Cosola e Capriati i clan principali «attraverso referenti in loco o affiliati» È lo scenario stilato nella relazione della Direzione Investigativa Antimafia riferita al secondo semestre del 2019
«Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» «Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» Lo certifica la semestrale relazione dell'Antimafia. Che aggiunge: «Presente anche il clan Capriati»
Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne ll clan aveva assunto il controllo del servizio di assistenza e viabilità: tra i condannati Michele Arciuli
Giovinazzo terra d'influenza del clan Capriati. Restano attivi i Di Cosola Giovinazzo terra d'influenza del clan Capriati. Restano attivi i Di Cosola L'Antimafia analizza entrambi i clan: «I Capriati hanno collegamenti in città, i Di Cosola attivi nel traffico di stupefacenti»
Operazione "Pandora" contro i clan Diomede-Mercante e Capriati: chieste 91 condanne Operazione "Pandora" contro i clan Diomede-Mercante e Capriati: chieste 91 condanne Le richieste vanno dai 6 ai 14 anni e 8 mesi, le accuse tra le altre sono di tentato omicidio, rapina, sequestro di persona tutte aggravate dal metodo mafioso
Condannati 27 affiliati ai Di Cosola: il clan operava anche a Giovinazzo Condannati 27 affiliati ai Di Cosola: il clan operava anche a Giovinazzo L'operazione è stata denominata "Hinterland II": eseguiti 27 ordini di esecuzione pena per complessivi residui 145 anni
Clan Diomede-Mercante e Capriati: al via il processo per 90 affiliati Clan Diomede-Mercante e Capriati: al via il processo per 90 affiliati Il processo è stato chiamato "Pandora" dagli inquirenti della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari
Soldi in cambio di voti: confermate le condanne a 5 affiliati al clan Di Cosola Soldi in cambio di voti: confermate le condanne a 5 affiliati al clan Di Cosola Avrebbero fermato gli elettori per strada invitandoli, con minacce e intimidazioni, a votare per Natale Mariella, non eletto
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.