Rifiuti sotto la passerella. <span>Foto Gianluca Battista</span>
Rifiuti sotto la passerella. Foto Gianluca Battista

Levante violata ancora

Rifiuti lasciati dopo i bivacchi e sotto la passerella uno spettacolo desolante

La storiella del «saremo un'umanità migliore dopo il Covid» non era altro che un auspicio di qualche sognatore. La realtà è decisamente peggiore e questa "libertà" ritrovata pare invece averci fatto molto male.

Il report odierno, breve viaggio nell'inciviltà collettiva, anche dei più giovani, ci (ri)porta a Levante dove nella serata di ieri, 29 giugno, davanti ad un tramonto da cartolina che solo Giovinazzo e pochi altri posti possono regalare ai visitatori, abbiamo immortalato i rifiuti che galleggiano da qualche giorno sotto la passerella.

La zona più bella di Giovinazzo, dove il mare in alcune giornate è ancora azzurro nonostante si trovi di fatto nell'area portuale, raccoglie quel che da ogni parte della costa arriva in acqua: non solo i consueti grossi rami trasportati dalle correnti durante le giornate di maestrale o tramontana, ma anche tanta plastica. Tantissima.
Contenitori per pranzi fugaci in spiaggia, addirittura un bidone, qualcosa di simile ad uno specchio di medie dimensioni, tante lattine, carte di gelati confezionati, buste di patatine ed abbiamo intravisto anche una spazzola. Tutto giù, tutto nel mare, che ingoia e poi restituisce, vomitandoci la nostra stupidità e pochezza.

Preveniamo le considerazioni dei commentatori seriali: la pulizia sotto la passerella viene periodicamente effettuata (o almeno così era fino a poco prima dello scoppio della pandemia) dalle associazioni del mare, sotto il controllo ed il coordinamento del Comune. Ma non basta, evidentemente.

In piazzale Aeronautica Militare, poi, il bivacco di gruppi di ragazzi hanno prodotto quello che vedrete nelle altre foto: bustoni di indifferenziato smaltiti vicino ai portarifiuti, bottiglie di birra in bella mostra su quelli che avrebbero dovuto essere stalli per biciclette, cartacce, altra plastica nella zona della deriva del Tornado. Ed al mattino, ieri mattina non una settimana prima, erano passate le squadre di operatori ecologici a pulire i "ricordini" di chi aveva preso Giovinazzo per la pattumiera di casa la domenica sera.

Di chi dunque la colpa? Dei controlli mitra in mano che non ci sono dietro ogni singolo cittadino? Dei bivacchi anch'essi incontrollati? Dei figlioli che i genitori lasciano liberissimi di fare e disfare? Dei silenzi complici di chi vede e non si intromette? O semplicemente specchio di una società, soprattutto meridionale, in cui l'idiosincrasia alle regole è talmente radicata che la regola diventa la trasgressione?

Luoghi comuni o amare verità difficili da digerire?

Nella nostra galleria il documento fotografico di quanto riportatoci.
8 fotoRifiuti a Levante - 29 giugno 2020
  • Rifiuti Levante
Altri contenuti a tema
2hands Giovinazzo, quelli che si sporcano le mani 2hands Giovinazzo, quelli che si sporcano le mani 40 volontari e tanti rifiuti raccolti nella zona del camping Campofreddo
Ancora inciviltà a Levante Ancora inciviltà a Levante Piazzale Aeronautica Militare ridotto spesso ad immondezzaio. Ma nessuno fa nulla
Bidone arrugginito abbandonato a Levante Bidone arrugginito abbandonato a Levante La segnalazione da una lettrice
Bustoni di indifferenziato abbandonati sul lungomare Esercito Italiano Bustoni di indifferenziato abbandonati sul lungomare Esercito Italiano La segnalazione di un nostro lettore
Pasquetta con spazzatura vista mare Pasquetta con spazzatura vista mare Nuova stagione, vecchie cattive abitudini
Rifiuti in mare a Levante Rifiuti in mare a Levante E le mareggiate c'entrano fino ad un certo punto
Levante violato ancora dai barbari del sabato sera Levante violato ancora dai barbari del sabato sera Nuove sconcertanti foto scattate il 24 settembre scorso
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.