Un limone depredato. <span>Foto L.C. </span>
Un limone depredato. Foto L.C.
Cronaca

Troppi furti in campagna: «Siamo soli, nessuno ci sta aiutando»

L'allarme dei proprietari dei campi sulla strada per San Pietro Pago

«Siamo soli, nessuno ci sta aiutando».

Il grido d'allarme ci era arrivato qualche settimana fa da alcuni proprietari dei fondi che si affacciano sulla strada per San Pietro Pago. La grande paura è arrivata dopo settimane di furti impuniti e di attacchi ai raccolti. Un tempo i predoni, spesso dell'Est Europa, rubavano solo valvole per irrigazione, rame ed ottone da rivendere al mercato nero.

Oggi invece è in pericolo il lavoro di mesi: non solo le olive, spesso rubate su commissione da squadre specializzate che agiscono con rapidità, ma anche ortaggi, verdure e frutta. I ladri portano via tutto, anche utensili e attrezzi da lavoro, con rapacità e sistematicità.

«Mi hanno rubato finanche i limoni (in foto l'albero) ed altri agrumi - ci ha detto un agricoltore per passione -. Non risparmiano quasi nulla e si sanno muovere nei campi anche al buio, perché arrivo presto in campagna ed è tutto ripulito».

Alcuni proprietari denunciano questi fatti, altri continuano a non farlo, sbagliando. Perché senza denuncia è difficile che le forze dell'ordine possano avviare serie indagini. Sta di fatto che il problema si è fatto grave, nonostante gli articoli della nostra testata e gli appelli partiti dai media locali. Tutto resta fermo ed i contadini hanno paura.

«A volte - ci ha confidato un altro agricoltore - può capitare di sorprenderli, magari all'alba, ma se si è soli non si ha il coraggio di tentare di fermarli. Altre volte ci sono quelli che abbandono rifiuti, anche eternit o altre sostanze, ma siamo impotenti».

Un altro ancora taglia corto: «Siete giornalisti - ci ha chiesto -? Allora scrivetelo che ci sentiamo abbandonati! Nessuno viene a vedere quello che succede nelle nostre campagne e qualche volta potrebbe succederci qualcosa di grave se li scoprissimo a rubare. Vediamo solo i Carabinieri ogni tanto, ma non basta!».

La rabbia è forte, per interi raccolti cannibalizzati da predoni senza alcuno scrupolo e il senso di impotenza è il sentimento prevalente.

Il nostro appello alle istituzioni locali ed alle forze dell'ordine è più forte che mai: c'è bisogno di tutelare maggiormente questi lavoratori.
  • Furti campagne Giovinazzo
Altri contenuti a tema
​Campagne saccheggiate nel Barese, Cia Levante: «Lo Stato faccia sentire la sua presenza» ​Campagne saccheggiate nel Barese, Cia Levante: «Lo Stato faccia sentire la sua presenza» Agricoltori in ginocchio, a Bari un vertice: i ladri rubano rame, ferro, metalli e saccheggiano i raccolti
Furti a raffica di ortaggi nei campi. E scatta la prima denuncia Furti a raffica di ortaggi nei campi. E scatta la prima denuncia Ad essere bloccato un 47enne di Bitonto, beccato dalle Guardie Campestri e dalla Polizia Locale
Furti nelle campagne, l'appello di Loizzo alle forze dell'ordine Furti nelle campagne, l'appello di Loizzo alle forze dell'ordine Il presidente del Consiglio regionale: «Azioni straordinarie per frenare una sciagura»
Rifiuti abbandonati e furti: la strada per San Pietro Pago è "un far west" Rifiuti abbandonati e furti: la strada per San Pietro Pago è "un far west" Gli agricoltori disperati per i continui attacchi dei predoni. Nella nostra galleria le mini discariche presenti ovunque
Cavoli a ruba: ancora ladri in fuga e refurtiva recuperata Cavoli a ruba: ancora ladri in fuga e refurtiva recuperata L'episodio in località Patierno, recuperati 300 chilogrammi. È il secondo tentativo in poche ore
Coldiretti a Salvini: «Boom di furti nelle nostre campagne» Coldiretti a Salvini: «Boom di furti nelle nostre campagne» Colpita anche Giovinazzo. Il Ministro degli Interni ha assicurato un intervento nel più breve tempo possibile
Furto di mandorle sventato dalle Guardie Campestri Furto di mandorle sventato dalle Guardie Campestri L'episodio in località Macchia delle Prugne. Ladri in fuga, recuperata la refurtiva: oltre 100 chili
La mappa della criminalità: strage di ulivi monumentali a Giovinazzo La mappa della criminalità: strage di ulivi monumentali a Giovinazzo Gli ulivi di inestimabile valore sono tagliati per rivendersi la legna o rubati per abbellire le ville
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.