Michele Sollecito
Michele Sollecito
Politica

Sollecito agli elettori: «Non fatevi abbindolare, noi vi proponiamo fatti concreti»

Ieri sera il primo comizio del candidato sindaco che ha richiamato la sua formazione cattolica e centrista

«Sentiamo parlare dal nostro competitor di progetti astratti che non sono supportati dalle modalità di attuazione. Non fatevi abbindolare, noi vi proponiamo i fatti concreti, li trovate nero su bianco nel nostro programma. L'unico programma in distribuzione».

È probabilmente questo il passaggio chiave del comizio che il candidato sindaco Michele Sollecito ha tenuto ieri sera, venerdì 17 giugno, in piazza Vittorio Emanuele II, in vista del ballottaggio di domenica 26 giugno.

Sollecito ha raccontato nuovamente la città che ha costruito con le amministrazioni passate e quella che è in fieri, grazie a fondi intercettati, nuovo PUG e soprattutto ad una visione che guarda a medio e lungo raggio per sviluppare finalmente del tutto il settore turistico (concessioni demaniali, frangiflutti davanti alla località Cappella a Levante, servizi sulle spiagge).

E sulla maglia urbana C3, cavallo di battaglia del suo competitor, Sollecito ha tenuto a ribadire che sarà completata e diverrà realtà «grazie al nuovo Piano Urbanistico Generale che stiamo completando, ma sempre con strumenti adeguati e seguendo l'evoluzione demografica» di Giovinazzo.

«Sentiamo anche parlare di etichette politiche superficiali, hanno detto che sono di destra. Etichette che mirano solo a raccogliere consensi facili - ha precisato -. State attenti, dico agli elettori, chi non ha voglia di spiegare ed approfondire le cose, nasconde l'inganno», ha rimarcato sottolineando come non sia corretto lasciarsi trascinare da populismi.

Sollecito ha altresì raccontato, in uno dei passaggi forse più convincenti del discorso, anche della sua formazione politica, attraverso la scuola ANCI, salda, che ha come riferimenti Aldo Moro, Giorgio La Pira e grandi statisti di centro, moderati, liberali e cattolici, faro per decenni del Paese. La sua dunque una provenienza chiara, senza menzogne, mentre a sinistra si sarebbero imbarcati anche frammenti di destra pur di vincere in totale incoerenza rispetto ad «un Codice etico che nessuno sventola più».

«Innamoratevi della bella politica», è stato l'invito rivolto soprattutto ai giovani (lui ha "solo" 39 anni, va ricordato), alludendo anche ad accordi sotto banco che in queste ore potrebbero maturare in vista del 26 giugno.

Il ricercatore universitario ha infine sottolineato come l'opposizione rappresentata dal suo competitor sia stata lungamente «giustizialista» ed abbia cercato di bloccare, a suo dire, la macchina amministrativa con continue denunce che hanno colpito anche tecnici molto preparati e senza interesse alcuno: «Dedichiamo questo comizio a due dipendenti comunali - ha rimarcato Sollecito con forza - che hanno servito la nostra città e sono finiti in un procedimento innescato dall'opposizione, convinta di colpire l'amministrazione. Si vince nelle urne, non con i procedimenti ed i processi inutili», è stata la sua chiosa.
  • Michele Sollecito
Speciale Elezioni Amministrative Giovinazzo 2022

Elezioni Amministrative 2022

Tutte le notizie sul voto, candidati, approfondimenti

89 contenuti
Altri contenuti a tema
Sollecito ai giovinazzesi: «Abbiate sempre il coraggio di sognare» Sollecito ai giovinazzesi: «Abbiate sempre il coraggio di sognare» Ieri sera il ringraziamento ai suoi concittadini dal palco di piazza Vittorio Emanuele II
Sollecito alle 21 in piazza per ringraziare gli elettori Sollecito alle 21 in piazza per ringraziare gli elettori Dopo l'euforia della notte, l'analisi del voto dal palco
Daniele de Gennaro: «Rimane orgoglio per la fiducia di tantissimi elettori» Daniele de Gennaro: «Rimane orgoglio per la fiducia di tantissimi elettori» Il candidato sindaco di centrosinistra prende atto del risultato e si congratula con Michele Sollecito
800 voti in più non bastano a Daniele de Gennaro 800 voti in più non bastano a Daniele de Gennaro Il candidato di centrosinistra si ferma ad un soffio dall'impresa
Passaggio del testimone Passaggio del testimone Michele Sollecito succede a Tommaso Depalma. Le nostre riflessioni
Sollecito: «Riconoscenza alla città e massimo impegno» Sollecito: «Riconoscenza alla città e massimo impegno» Le prime parole del sindaco neoeletto con il 50,60% dei consensi. De Gennaro al 49,40%
Michele Sollecito è il nuovo sindaco di Giovinazzo Michele Sollecito è il nuovo sindaco di Giovinazzo L'ex vice sindaco al 50,60%, mentre il suo sfidante de Gennaro si ferma al 49,40%. Appena 121 voti di differenza
Affluenza definitiva: a Giovinazzo ha votato il 54,48% Affluenza definitiva: a Giovinazzo ha votato il 54,48% Un dato molto più basso del primo turno: oltre 7 punti in meno rispetto al 12 giugno (62,04%)
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.