La Volkswagen Golf recuperata dai Carabinieri. <span>Foto IlFatto.net</span>
La Volkswagen Golf recuperata dai Carabinieri. Foto IlFatto.net
Cronaca

Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail

Nottata movimentata sul cavalcavia di Cola Olidda, dove si è conclusa la folle corsa di una Volkswagen Golf rubata a Molfetta

Nottata movimentata, quella di oggi, fra Giovinazzo e Molfetta, dove una Volkswagen Golf, trainata da un suv e tallonata dai Carabinieri, dopo avere imboccato il ponte di Cola Olidda per scappare sulla strada statale 16 bis, ha terminato la sua corsa contro il guard rail: l'auto - s'è poi appurato - era stata rubata poco prima.

Il fatto è avvenuto intorno alle ore 02.00, quando i militari dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Molfetta, durante un servizio di controllo del territorio, finalizzato a prevenire e a reprimere i reati contro il patrimonio, hanno intercettato sul ponte di Cola Olidda, poco prima dell'ingresso sulla strada statale 16 bis, in direzione Foggia, una Volkswagen Golf trainata da un suv. E così, ritenendola oggetto di un precedente furto, senza alcuna esitazione, hanno deciso di seguirla.

I militari, a sirene spiegate, si sono quindi posti all'inseguimento dei due mezzi, i quali, per tutta risposta e pur di sottrarsi al controllo, hanno imboccato la rampa d'accesso alla strada statale 16 bis. Tutto inutile. Sono stati ugualmente raggiunti e al termine, nelle fasi concitate dell'inseguimento, che si è protratto per alcuni metri, hanno abbandonato in corsa l'auto che stavano rubando: i ladri, infatti, hanno aspettato che il complice uscisse fuori dall'auto e, infine, sganciato il traino.

E se il suv con i banditi è riuscito a fuggire, la Volkswagen Golf ha terminato la propria corsa sul guard rail, riportando ingenti danni. E per fortuna nelle vicinanze non c'era nessuno: l'auto recuperata è risultato provento di furto, asportata poco prima a Molfetta e poi restituito al proprietario. Dei ladri, però, nessuna traccia.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Furti Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Il provvedimento d'urgenza del Tribunale di Bari applicato dopo la denuncia della donna. Applicata la misura cautelare
Fermato per strada con la droga, a casa della nonna trovata una pistola Fermato per strada con la droga, a casa della nonna trovata una pistola Nei guai un 16enne: i Carabinieri, dopo aver trovato 11 grammi di cocaina, hanno scoperto molto altro nella successiva perquisizione
Non riescono ad aprire il forziere, ladri "ripiegano" sul fondo cassa Non riescono ad aprire il forziere, ladri "ripiegano" sul fondo cassa Il furto nel supermercato Primo Prezzo. Forzato l'ingresso, al vaglio le videocamere. Un colpo simile a Bisceglie
«Mi dia un attimo la chiave». Attenti alla nuova truffa: come funziona «Mi dia un attimo la chiave». Attenti alla nuova truffa: come funziona Occhio al raggiro della raccomandata, a Giovinazzo c'è una nuova tipologia di truffa. Ecco cosa è successo
Rubano in casa e bloccano la porta, arrivano i Vigili del Fuoco Rubano in casa e bloccano la porta, arrivano i Vigili del Fuoco I ladri, dopo aver fatto irruzione in un appartamento in via Isonzo, sono riusciti a portar via oro e contanti. Indagano i Carabinieri
Ha l'obbligo di firma, aggredisce la sorella: il giudice lo manda in carcere Ha l'obbligo di firma, aggredisce la sorella: il giudice lo manda in carcere L'uomo, 35enne del posto, è stato arrestato dai Carabinieri: è accusato di maltrattamenti e violazione degli obblighi
Aggredisce il vicino di casa brandendo un'accetta. Fermato un 52enne Aggredisce il vicino di casa brandendo un'accetta. Fermato un 52enne L'episodio ieri mattina: l'uomo, con problemi psichici e accusato di minacce, è stato trasferito al San Paolo
Ladro ruba 5 quintali di olive a Giovinazzo. Fermato, resta impunito Ladro ruba 5 quintali di olive a Giovinazzo. Fermato, resta impunito L'uomo è stato sorpreso dalle Guardie Campestri, ma è rimasto in libertà grazie alla Cartabia: serve la querela
© 2001-2024 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.