Il rondone liberato dai Vigili del Fuoco
Il rondone liberato dai Vigili del Fuoco
Cronaca

Rondone incastrato in una caldaia: liberato dai Vigili del Fuoco

Il volatile è stato preso in cura dai volontari del WWF: ha subìto una lesione all'ala sinistra

Disavventura per un giovane esemplare di rondone che è rimasto incastrato all'interno di una caldaia di uno stabile di via Madonna degli Angeli, nel centro storico di Giovinazzo. Il volatile è rimasto imprigionato nell'impianto di riscaldamento dell'abitazione, molto probabilmente durante le sue rapide evoluzioni aeree.

È stato il proprietario di casa a notare la scena e ad avvertire i sempre generosi e disponibili Vigili del Fuoco, arrivati dal Distaccamento di Molfetta, i quali, dopo aver smontato la caldaia, hanno recuperato la bestiola. Ora il rondone è stato preso in cura dai volontari del WWF Puglia: «Questo esemplare, di un anno di vita - fa sapere Pasquale Salvemini -, ha subìto una lesione alla parte finale dell'ala sinistra, guaribile in 30 giorni. Poi sarà rimesso in libertà e potrà tornare a volare».

In questo periodo dell'anno, inoltre, si verifica sempre più spesso un'emergenza per quanto riguarda i rondoni. Quando cadono per terra non riescono più a volare. Ed in questa situazione (il rischio è la morte del volatile, soprattutto con le alte temperature estive) hanno bisogno di essere aiutati e certamente tutti possono fare qualcosa. «Dopo aver controllato se il rondone non presenta ferite, basta una semplice operazione di lancio in condizioni di sicurezza», racconta Salvemini.

In seguito a questa delicata operazione, «da effettuare con le mani e non da posizioni elevate, se il rondone adulto è in perfetta salute, riprenderà tranquillamente il volo. Altrimenti, purtroppo, planerà di nuovo a terra». E in tal caso sarà necessario il ricovero in un centro di recupero gestito dai volontari del WWF Puglia.
  • Pasquale Salvemini
  • Vigili del Fuoco Molfetta
  • Rondoni Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Scoppi e fumo dalla cabina Enel: in azione i Vigili del Fuoco Scoppi e fumo dalla cabina Enel: in azione i Vigili del Fuoco L'intervento in via De Turcolis, dove un black out ha interessato la zona. Sul posto anche i tecnici Enel
Nasce Adrionet, una svolta epocale per la tutela delle tartarughe Nasce Adrionet, una svolta epocale per la tutela delle tartarughe Condividerà dati e procedure operative. Ne farà parte anche il centro di recupero di Molfetta
Mare rosso a Giovinazzo, un'alga fa cambiare il colore dell'Adriatico Mare rosso a Giovinazzo, un'alga fa cambiare il colore dell'Adriatico Il fenomeno è provocato dalla fioritura della Noctiluca miliaris, innocua per l'essere umano. Di notte è bioluminescente
Falco pecchiaiolo in difficoltà recuperato dalla Polizia Locale Falco pecchiaiolo in difficoltà recuperato dalla Polizia Locale Il volatile è stato consegnato dal WWF all'Osservatorio Faunistico di Bitetto per le cure del caso
Anziana sola cade in casa, soccorsa dai Vigili del Fuoco Anziana sola cade in casa, soccorsa dai Vigili del Fuoco L'episodio alle ore 07.00 in via Marconi. Sul posto anche la Polizia Locale ed il 118: l'anziana sta bene
Infiltrazioni d'acqua all'Aldo Moro, intervengono i Vigili del Fuoco Infiltrazioni d'acqua all'Aldo Moro, intervengono i Vigili del Fuoco All'esito del sopralluogo l'accesso al portone ed alle scale è stato interdetto
Salvemini getta acqua sul fuoco: «Nessuna emergenza cinghiali» Salvemini getta acqua sul fuoco: «Nessuna emergenza cinghiali» Per l'attivista regionale del WWF «la situazione è sotto controllo. È la caccia a provocarne lo sconfinamento»
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.