L'Assessore Sollecito
L'Assessore Sollecito
Sociale

"Reddito di emergenza", come inoltrare le domande. I requisiti e le esclusioni

Sollecito: «Interventi di protezione sociale sono in questo momento urgenti ed indifferibili»

Elezioni Regionali 2020
Il Decreto Rilancio, in vigore dal 19 maggio 2020, ha introdotto il "Reddito di emergenza", un sostegno al reddito straordinario rivolto ai nuclei familiari in condizioni di necessità economica in conseguenza dell'emergenza epidemiologica Covid-19.

Il "Reddito di emergenza" è riconosciuto al nucleo familiare che, al momento della domanda, possiede cumulativamente i seguenti requisiti:

a) residenza in Italia;
b) ISEE inferiore a 15.000 euro;
c) reddito familiare complessivo, con riferimento al mese di aprile 2020, inferiore all'importo che viene riconosciuto come Rem e che varia in base al numero di componenti del nucleo familiare;
d) patrimonio mobiliare familiare, con riferimento all'anno 2019, del valore inferiore a 10.000 euro, accresciuto di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo complessivo di 20.000 euro. In caso di presenza all'interno del nucleo di un soggetto in condizioni di disabilità grave o non autosufficiente (secondo i criteri ISEE) il predetto massimale è incrementato di 5.000 euro. (Tale valore è riportato nella parte inferiore dell'attestazione dell'ISEE alla voce "patrimonio mobiliare del nucleo").

Esclusioni

Il "Reddito di emergenza" non è compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che al momento della domanda siano in una delle seguenti condizioni:
a) titolari di pensione diretta o indiretta, ad eccezione dell'assegno ordinario di invalidità;
b) titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore all'importo del Rem;
c) percettori del Reddito di Cittadinanza;
d) detenuti;
e) ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica;
f) fruitori di una delle indennità previste dal Decreto "Cura Italia".

A chi è riconosciuto e come richiedere il "Reddito di emergenza"

Il "Reddito di emergenza" è riconosciuto ed erogato dall'INPS in due quote da un valore minimo di €400.00 ciascuna, sino ad un massimo di €800.00.
La domanda deve essere presentata in via telematica sul portale INPS entro il 30/06/2020, identificandosi con Pin, Spid, Carta nazionale dei servizi e Carta di identità elettronica per completare la procedura di domanda, o eventualmente avvalendosi dell'aiuto di un CAF.

Le dichiarazioni dell'Assessore Michele Sollecito

«Invitiamo quanti abbiano i requisiti ad inoltrare la domanda per questo ulteriore intervento – dichiara l'assessore alle Politiche Sociali, Michele Sollecito -. Noi dal canto nostro siamo al lavoro su una misura specifica che riguarda quanti sono in difficoltà con il pagamento dei canoni di locazione. Gli interventi di protezione sociale sono in questo momento urgenti ed indifferibili, occorre evitare l'aggravamento della situazione economica di quanti sono maggiormente esposti dai rischi provocati dall'emergenza Covid-19».
  • Michele Sollecito
  • Assessorato Politiche Sociali
  • Reddito di emergenza
Altri contenuti a tema
Sostegno canoni di locazione, il Comune di Giovinazzo pubblica bando da 85mila euro Sostegno canoni di locazione, il Comune di Giovinazzo pubblica bando da 85mila euro L'Assessore Sollecito: «Un altro piccolo aiuto a chi oggi è in difficoltà»
Case sfitte locate a condizioni favorevoli: il progetto SIPROIMI lanciato a Giovinazzo Case sfitte locate a condizioni favorevoli: il progetto SIPROIMI lanciato a Giovinazzo L'Assessore Sollecito: «L’Amministrazione comunale pensa adesso ai proprietari di case vuote a causa del Coronavirus». L'Arci Bari: «Progetto si conferma valore aggiunto sociale ed economico»
"Giovinazzo Solidale", Assessore Sollecito: «Un formidabile lavoro di squadra» "Giovinazzo Solidale", Assessore Sollecito: «Un formidabile lavoro di squadra» L'iniziativa compie un mese ed ha messo in moto un'incredibile macchina della solidarietà
On line il secondo bando del Comune di Giovinazzo per i buoni spesa On line il secondo bando del Comune di Giovinazzo per i buoni spesa Tutte le informazioni utili nella nota di Palazzo di Città
Buoni spesa, sulla seconda fase le opposizioni attaccano l'Assessore Sollecito Buoni spesa, sulla seconda fase le opposizioni attaccano l'Assessore Sollecito L'affondo: «Meno propaganda, meno foto, più fatti!»
Pronto Intervento Sociale, pubblicata la gara d'Ambito Giovinazzo-Molfetta Pronto Intervento Sociale, pubblicata la gara d'Ambito Giovinazzo-Molfetta Sollecito: «Supporto PIS ancor più utile per gestire esiti drammatici della crisi»
Contributi alle famiglie e didattica a distanza, Sollecito e Natalicchio si confrontano in diretta su GiovinazzoViva Contributi alle famiglie e didattica a distanza, Sollecito e Natalicchio si confrontano in diretta su GiovinazzoViva Questa sera a partire dalle 19.00 in diretta sul nostro portale e sulla pagina Facebook
Emergenza Coronavirus: sulle donazioni Sollecito cerca di far chiarezza Emergenza Coronavirus: sulle donazioni Sollecito cerca di far chiarezza Creata una banca dati per l'iniziativa "Giovinazzo Solidale"
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.