Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Presi con la marijuana, il Riesame dispone la scarcerazione

Accolto il ricorso della difesa, in libertà due giovinazzesi di 40 e 26 anni. Il 24 settembre udienza per il 23enne

Liberi dopo 22 giorni trascorsi nella casa circondariale di Trani con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: il Tribunale del Riesame ha scarcerato A.L., 40enne, e A.R.T., 26enne, entrambi di Giovinazzo arrestati, assieme a V.G., 23enne di Terlizzi, in flagranza di reato, dai Carabinieri.

Il collegio, retto dal giudice Giulia Romanazzi, ha accolto il ricorso presentato e discusso dall'avvocato Mario Mongelli, difensore dei due indagati. Le motivazioni alla base della decisione, arrivata ieri, saranno depositate nei prossimi giorni. Il penalista giovinazzese aveva chiesto la remissione in libertà dei suoi due assistiti, smontando il castello accusatorio e ridimensionando il giudizio di colpevolezza formulato dall'accusa.

I due giovinazzesi di 40 e 26 anni furono arrestati, assieme ad un terlizzese di 23 anni, il 30 agosto scorso dai Carabinieri della Tenenza di Terlizzi e del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari San Paolo. Nel corso di un servizio finalizzato al contrasto del traffico delle sostanze stupefacenti, un'auto di grossa cilindrata, una Bmw, dopo un prolungato ed attento pedinamento, fu bloccata nelle campagne in località Santa Lucia, in agro di Giovinazzo.

All'interno dell'auto, di colore nero, con a bordo i tre uomini, i militari operanti rinvennero, occultati sotto il sedile anteriore lato passeggero, una busta che copriva un involucro contenente circa 1 chilo e mezzo di marijuana, subito sequestrata. E questo era solo l'inizio della storia visto che subito dopo emersero le sorprese aggiuntive. E che sorprese. Di lì a poco, infatti, sarebbe spuntata altra marijuana.

La conseguente perquisizione eseguita, subito dopo, in un trullo distante a poche decine di metri da dove si era fermata l'auto, le cui chiavi di accesso erano nella disponibilità del 40enne, consentì ai Carabinieri di rinvenire, 23,5 chilogrammi di altra sostanza, fra piante essiccate e pronte alla lavorazione ed infiorescenze già raccolte e idonee per essere imbustate e immesse nel locale mercato della droga.

Dopo l'arresto, i tre, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, furono trasportati presso il penitenziario della stessa città, mentre i loro legali hanno presentato ricorso al Tribunale del Riesame che, ieri, accogliendo l'istanza della difesa e le argomentazioni poste a fondamento, ha disposto la scarcerazione del 40enne e del 26enne, senza limitazioni della loro libertà.

«Attendiamo adesso il deposito delle motivazioni - le parole del penalista Mario Mongelli - volto a comprendere il percorso seguito dal collegio per la revoca della misura custodiale. Nei prossimi giorni, all'esito della pubblicazione delle motivazioni poste alla base della decisione del Tribunale del Riesame, comprenderemo se la vicenda giudiziaria che ha coinvolto i miei due assistiti potrà dirsi definitivamente conclusa».

Intanto fra tre giorni si tornerà in aula: il Tribunale del Riesame, infatti, il 24 settembre prossimo, prenderà una decisione sull'istanza di scarcerazione presentata anche dalla difesa di V.G., 23enne di Terlizzi, attualmente recluso nel carcere di Lecce.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Droga Giovinazzo
  • Arresti Giovinazzo
  • Mario Mongelli
Altri contenuti a tema
Spaccio di droga nelle aree verdi, doppia assoluzione per un 23enne Spaccio di droga nelle aree verdi, doppia assoluzione per un 23enne Il giovane, difeso dall'avvocato Mastro, era finito alla sbarra, ma è stato assolto «per non aver commesso il fatto»
Droga, assolto un 21enne di Giovinazzo: «Il fatto non costituisce reato» Droga, assolto un 21enne di Giovinazzo: «Il fatto non costituisce reato» Nessuna ipotesi di spaccio a carico del giovane, difeso dall'avvocato Mastro. Assolto perché il fatto non è previsto dalla legge come reato
Il Ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il Ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane
Crescono le truffe agli anziani, i Carabinieri: «Non bisogna lasciarli soli» Crescono le truffe agli anziani, i Carabinieri: «Non bisogna lasciarli soli» I raggiri sono sempre più frequenti, due gli episodi registrati negli ultimi giorni. I consigli dell'Arma
Spari nel cuore della notte: esplosi 3 colpi di pistola in via Piano Spari nel cuore della notte: esplosi 3 colpi di pistola in via Piano Presa di mira la porta d'ingresso di un'abitazione al piano terra. Recuperati 3 bossoli calibro 22, indagano i Carabinieri
Doveva restare a Bitonto ma girava in bici a Giovinazzo: preso 23enne Doveva restare a Bitonto ma girava in bici a Giovinazzo: preso 23enne I Carabinieri lo hanno arrestato dopo un inseguimento lungo la strada che congiunge i due comuni
Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Quattro i georgiani fermati dai Carabinieri: due bloccati a Bari, gli altri due a Potenza. Era chiamata la "banda della compieta"
Carabinieri, Dino Amato promosso Luogotenente Carica Speciale Carabinieri, Dino Amato promosso Luogotenente Carica Speciale Il nuovo grado militare costituisce il ruolo apicale nella categoria degli Ispettori
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.