Il luogo dove è avvenuto l'omicidio di Gaetano Spera
Il luogo dove è avvenuto l'omicidio di Gaetano Spera
Territorio

«Otto colpi… alla nostra coscienza»

Una nota dell'Osservatorio per la Legalità a quasi un mese dall'omicidio Spera

Gaetano Spera, ucciso il 25 marzo scorso a Giovinazzo, fu freddato da sei colpi di arma da fuoco (otto quelli sparati), che lo raggiunsero al torace, all'addome e in pieno volto. Il grave episodio avvenne in una stradina a pochi metri da piazza Garibaldi. Aveva 21 anni (ne avrebbe compiuti 22 proprio oggi) e la sua morte, a quasi un mese dall'omicidio, resta ancora un mistero.

«Otto colpi... otto schiaffi alle tante, troppe coscienze, anche e soprattutto di noi credenti, - scrive in una nota l'Osservatorio per la Legalità e per la Difesa del Bene Comune - addormentate e drogate dalla logica dell'apparenza, dal servilismo interessato, dalla supremazia del proprio io, dall'indifferenza. Otto schiaffi alla nostra coscienza! Otto schiaffi all'appagamento personale, alla quiete dell'anima di quanti ritengono che basta fare il proprio dovere e vivere nel rassicurante recinto "casa, lavoro e chiesa", perché le periferie in cui si sacrificano la dignità dell'uomo e le tante povertà di questo nostro tempo non ci appartengono. Otto colpi, il rumore dei commenti dei primi giorni, un po' di turbamento, poi il silenzio».

Uno strano, assordante silenzio, calato su quanto accaduto nelle scorse settimane a Giovinazzo. «Ci piace pensare - continua il comunicato - che sia il silenzio della riflessione sui tantissimi ragazzi, sui tanti, donne e uomini, che abitano le terre di nessuno delle nostre città e vivono il sonno della ragione di questa società. Un'umanità che il nostro falso perbenismo ha deciso di confinare in quella sempre più vasta area di disagio, delusione, solitudine in cui, invece, la criminalità, le mafie trovano terreno fertile, arruolano ragazzi, i nostri ragazzi, e impongono il proprio potere, le proprie regole. Abbiamo scelto di sposare la cultura dell'individualismo, del materialismo, della competizione ad ogni costo che premia il più forte, il più arrogante, il più potente, il più furbo, scartando e abbandonando tutti gli altri. Siamo tutti colpevoli».

Eh sì, perchè se un ragazzo viene ucciso come un boss a soli 21 anni siamo tutti colpevoli: «Lo Stato, per la sua frequente assenza, per la sua impotenza dovuta a proprie carenze e all'omertà dei tanti. Le istituzioni, non sempre alleate, spesso fra loro in contraddizione. Le forze dell'ordine spesso sfiduciate e rassegnate, che rinunciano a contrastare con fermezza la criminalità per affermare la legalità. I politici, nazionali e locali, quando dai posti di comando, abbandonando il loro ruolo di servitori, testimoniano invece l'arroganza del potere, saltano velocemente e spudoratamente sul carro del vincitore, ignorano i valori etici e morali, calpestano la democrazia, raggirano e deridono la legalità».

Ma anche noi. «Noi, che troppo spesso ci indigniamo - continua la nota - ma poi decidiamo di "voltarci dall'altra parte", o scegliamo "il male minore" senza accorgerci che ormai la distanza con il male maggiore è stata colmata. Tutti noi, i presunti onesti, a maggior ragione se credenti, non possiamo scegliere di non scegliere, non possiamo "lavarci le mani". Abbiamo l'obbligo di sporcarcele, il dovere di uscire dalle nostre rassicuranti certezze, dal fatuo ma facile e comodo tepore dei nostri spazi per abitare quelle terre di nessuno, per illuminare quel buio, per stare tra gli scarti, i diversi, gli scomodi, i difficili, i discriminati... per farci vicini a loro, farcene carico».

L'Osservatorio per la Legalità e per la Difesa del Bene Comune cita poi il Vangelo nel quale «è scritto che il Signore si incarna nella sofferenza e nelle debolezze dell'uomo. Un Profeta dei nostri giorni ci ha anche indicato la via per raggiungere la salvezza: "Insieme, alla sequela di Cristo, sul passo degli ultimi". E che di fronte alla morte di Massimo, il ladro, scriveva "... ti avevano ingiustamente ucciso le nostre comunità cristiane. Che, sì, sono venute a cercarti, ma non ti hanno saputo inseguire. Che ti hanno offerto del pane ma che non ti hanno dato accoglienza. Che organizzano soccorsi, ma senza amare abbastanza. Che portano pacchi, ma non cingono di tenerezza gli infelici come te" (Don Tonino Bello, Lettera a Massimo, ladro zingaro ammazzato)».

«E allora, - termina il comunicato - buon cammino a tutti, sul passo degli ultimi».
  • Osservatorio per la Legalità Giovinazzo
  • Gaetano Spera
Altri contenuti a tema
Omicidio Spera, interviene Mastro: «Ineccepibili le rimostranze della Cassazione» Omicidio Spera, interviene Mastro: «Ineccepibili le rimostranze della Cassazione» L'avvocato giovinazzese torna sulla sentenza di condanna di Chimenti, Lafronza e Sparno a 6 anni e 8 mesi
Condannati, assolti, condannati: la nuova sentenza dell'omicidio Spera Condannati, assolti, condannati: la nuova sentenza dell'omicidio Spera Ieri il giudizio letto dal presidente Cafaro: Chimenti, Lafronza e Sparno condannati a 6 anni e 8 mesi
Rimosso pannello che ricordava Enzo Castrignano: la rabbia dell'Osservatorio per la Legalità Rimosso pannello che ricordava Enzo Castrignano: la rabbia dell'Osservatorio per la Legalità La nota che ricostruisce la vicenda
Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Depositate le motivazioni della sentenza, il processo torna a Bari. Il commento dell'avvocato Mongelli
I bambini delle scuole disegnano la loro idea di Pace I bambini delle scuole disegnano la loro idea di Pace Gli elaborati in mostra alla Chiesa del Carmine dal 7 al 9 giugno
«Un luogo più decoroso per don Tonino» «Un luogo più decoroso per don Tonino» L'Osservatorio per la Legalità e per il Bene Comune risponde a sua volta al sindaco sul possibile abbellimento del molo di sottovento
1 Murales sul molo di Ponente, Depalma: «Idea inapplicabile» Murales sul molo di Ponente, Depalma: «Idea inapplicabile» La lettera di risposta all'Osservatorio per la Legalità ed il Bene comune
Molo "Costruttori di Pace": Vincenzo Camporeale scrive al Sindaco Molo "Costruttori di Pace": Vincenzo Camporeale scrive al Sindaco Il coordinatore dell'Osservatorio per la Legalità: «Il progetto va presto completato»
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.