Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Omicidio Spera, no alla costituzione di parte civile del Comune

L'avvocato Tedeschi: «Richiesta non accolta, ma attendiamo la motivazione della sentenza»

Dal Tribunale di Bari arriva uno stop alla prassi sempre più diffusa nei comuni di costituirsi parte civile per difendere il diritto alla rappresentazione dell'immagine della propria città, fortemente pregiudicata dal delitto di un 21enne e dall'inevitabile clamore mediatico suscitato.

Il giudice per l'udienza preliminare, Annachiara Mastrorilli, ha infatti rigettato la domanda di costituzione del Comune di Giovinazzo per l'omicidio di Gaetano Spera, ucciso con colpi di pistola il 25 marzo 2015 nell'ambito di un regolamento di conti per legato al controllo delle attività di pesca nelle acque antistanti i litorali di Giovinazzo e Bari-Santo Spirito.

«Alla luce della sentenza emessa dalla dott.ssa Annachiara Mastrorilli rispetto all'omicidio Spera - spiega Tiziano Tedeschi, difensore dell'Ente municipale - è doveroso e mi corre l'obbligo di chiarire la posizione dell'Ente da me rappresentato. La costituzione di parte civile nell'interesse di un Ente pubblico si giustifica solo quando dal fatto reato derivi un danno o un pregiudizio all'interesse tutelato dall'Ente territoriale.

In effetti, nel capo di imputazione veniva testualmente contestata "l'aggravante del metodo mafioso avvalendosi della forza intimidatrice al fine di imporre il predominio del gruppo Arciuli nel controllo delle attività di pesca nel porto di Giovinazzo e zone limitrofe", e ciò ha indotto, previa sollecitazione effettuata da più parti, l'Ente a decidere di costituirsi parte civile.

Ebbene, avendo il Giudicante di primo grado esclusa detta aggravante, la richiesta risarcitoria del Comune di Giovinazzo, benché ammessa, è risultata non accoglibile. Giova evidenziare che il processo si è celebrato nelle forme del rito abbreviato e cioè allo stato degli atti, pertanto, non è stato celebrato il dibattimento e ciò ha prodotto l'effetto della riduzione di un terzo della pena a carico degli imputati.

È doveroso attendere la motivazione della sentenza per comprendere l'iter logico giuridico che ha determinato il giudice nella valutazione dei fatti oggetto di reato, anche al fine di comprendere le motivazioni che hanno indotto il giudice per l'udienza preliminare a erogare le pene così come stabilite nel dispositivo. In ogni caso la vicenda giudiziaria non si è conclusa come non è emersa tutta la verità sul fatto omicidiario».
  • Gaetano Spera
  • Tiziano Tedeschi
  • Omicidio Spera
Altri contenuti a tema
Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Depositate le motivazioni della sentenza, il processo torna a Bari. Il commento dell'avvocato Mongelli
Omicidio Spera, Tedeschi: «Ok la sentenza, attendiamo le motivazioni» Omicidio Spera, Tedeschi: «Ok la sentenza, attendiamo le motivazioni» L’intervento del penalista giovinazzese dopo la decisione della Suprema Corte di Cassazione
Omicidio Spera, colpo di scena in Cassazione. Annullate le assoluzioni in Appello Omicidio Spera, colpo di scena in Cassazione. Annullate le assoluzioni in Appello Le assoluzioni di Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno sono state annullate, processo da rifare. Le dichiarazioni di Mastro e Mongelli
D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» Secondo il penalista «la pronuncia della Corte Europea non ha confermato le aspettative dei diretti interessati»
Omicidio Spera, la Procura Generale impugna la sentenza d'Appello Omicidio Spera, la Procura Generale impugna la sentenza d'Appello «La confessione di Vito Arciuli è macroscopicamente falsa», secondo il pg Sinisi. Il caso dunque approderà in Cassazione
Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Torna in aula il processo D1.1, in attesa della Grande Camera. I pareri degli avvocati de Gennaro, Mastro, Mongelli e Tedeschi
Omicidio Spera: prima condannati, ora assolti in Appello Omicidio Spera: prima condannati, ora assolti in Appello Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno presero 14 anni in primo grado: escono puliti
Omicidio Spera, la sentenza d'Appello slitta al 14 febbraio Omicidio Spera, la sentenza d'Appello slitta al 14 febbraio Il giudizio vede imputati Vito Arciuli, Luca Lafronza, Ignazio Chimenti e Pio Mauro Sparno
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.