Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Furti di auto ed estorsioni, assolto un 45enne di Giovinazzo

I fatti risalgono al 2010. L'uomo è stato scagionato «per non aver commesso il fatto», accolta la richiesta del difensore Tedeschi

Ci sono voluti dodici anni e un lungo processo, celebrato con il rito ordinario, prima di arrivare a ottenere il riconoscimento della professione d'innocenza opposta dinanzi alle accuse di furto di due auto ed estorsione, il cosiddetto cavallo di ritorno: un 45enne di Giovinazzo è stato assolto «per non aver commesso il fatto».

La sentenza del Tribunale di Bari (prima sezione collegiale penale, presieduta da Ambrogio Marrone), nell'ambito di un'indagine su una banda criminale di Bitonto specializzata nei furti di auto con il successivo pagamento di un riscatto, aderisce alla richiesta avanzata dal difensore dell'imputato, l'avvocato Tiziano Tedeschi. L'accusa, invece, aveva chiesto una condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione. Per le motivazioni bisognerà aspettare 90 giorni, dopo la lettura del dispositivo.

I due episodi per i quali il giovinazzese è finito sotto processo risalgono ai primi tre mesi del 2010, addirittura dodici anni fa. Secondo l'accusa, rappresentata dal pubblico ministero Savina Toscani, l'uomo, «al fine di trarne profitto», in concorso con un'altra persona, si sarebbe impossessato di una Renault Megane Scenic e di un Ford Transit. Successivamente avrebbe minacciato i due proprietari costringendo loro a «versare del denaro onde riottenere il possesso dei due veicoli».

Si sarebbe trattato del cosiddetto cavallo di ritorno, molto in voga in quegli anni. Furto aggravato ed estorsione, codice penale alla mano. Dopo il rinvio a giudizio, il difensore del 45enne ha optato per il dibattimento, ascoltando vari testi. E la strada intrapresa ha trovato conferma alla verità sempre sostenuta dall'imputato.
  • Furti auto Giovinazzo
  • Tiziano Tedeschi
Altri contenuti a tema
Ladri impuniti: trovata un'auto cannibalizzata. Furto in una cabina Enel Ladri impuniti: trovata un'auto cannibalizzata. Furto in una cabina Enel Le Guardie Campestri hanno recuperato la scocca di una Volkswagen T-Roc rubata a Bisceglie
Auto rubate e cannibalizzate. Riapre la catena di smontaggio Auto rubate e cannibalizzate. Riapre la catena di smontaggio La scocca di una Opel Corsa è stata recuperata dalle Guardie Campestri. Altri due ritrovamenti a Terlizzi
Fra gli ulivi di Giovinazzo l'ennesima centrale per il riciclaggio di auto Fra gli ulivi di Giovinazzo l'ennesima centrale per il riciclaggio di auto La scoperta delle Guardie Campestri. Ritrovate una Opel Corsa e una Hyundai Kona entrambe cannibalizzate
A Bitonto il cimitero delle auto rubate. Ritrovate dieci in due giorni A Bitonto il cimitero delle auto rubate. Ritrovate dieci in due giorni Recuperate dalla Polizia di Stato scocche di auto sparite non solo in città, ma anche a Bari, Giovinazzo e Palo del Colle
Ford nel mirino, i ladri d'auto non si fermano neanche a Pasqua Ford nel mirino, i ladri d'auto non si fermano neanche a Pasqua Due le auto ritrovate cannibalizzate dalle Guardie Campestri: una Ford Fiesta e una Ford Focus
Sparite nella Bat e cannibalizzate a Giovinazzo Sparite nella Bat e cannibalizzate a Giovinazzo Le scocche di due auto rubate ad Andria e Bisceglie sono state recuperate dalle Guardie Campestri
Volkswagen rubate e cannibalizzate nell'agro di Giovinazzo Volkswagen rubate e cannibalizzate nell'agro di Giovinazzo Il ritrovamento in località Parco di Lella, la centrale dei ricettatori scovata dalle Guardie Campestri
Rinvenute due scocche d'auto nell'agro di Giovinazzo Rinvenute due scocche d'auto nell'agro di Giovinazzo Si tratta di una Fiat Puma e di una Bmw recuperate dalle Guardie Campestri
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.