Le mandorle recuperate dalle Guardie Campestri
Le mandorle recuperate dalle Guardie Campestri
Cronaca

Ladri di mandorle già in azione nell'agro: scattano due denunce

Un 66enne e un 44enne sono stati fermati dalle Guardie Campestri e deferiti per furto aggravato. Recuperata la refurtiva

Hanno raccolto circa 30 chilogrammi di mandorle da un appezzamento di terreno per rubarle. Ma le Guardie Campestri sono intervenute prima che i due banditi, entrambi del posto, fuggissero con la refurtiva: gli uomini, di 66 e 44 anni, sono stati denunciati a piede libero. Dovranno rispondere del reato di furto aggravato.

Nel pomeriggio di ieri, la coppia di ladri pensava di poter agire indisturbata all'interno di un fondo agricolo in località Padre Eterno. Erano le ore 14.30, quando una pattuglia delle Guardie Campestri, durante un ordinario servizio di osservazione nella zona rurale, nel corso di uno dei controlli predisposti in vista della stagione di raccolta, ha colto con le mani nel sacco i due banditi mentre rubavano le mandorle dai rami degli alberi. La storia, come ogni anno, si ripete in questo periodo.

I due malviventi sono stati subito bloccati, mentre sul posto, per i successivi approfondimenti di rito, è stato richiesto l'intervento dei Carabinieri. Da un'ispezione successiva, è emerso che nell'auto dei ladri, una Fiat 600, riposte in secchi, buste e cassette, vi erano circa 30 chilogrammi di mandorle, in una zona nella quale il frutto è uno dei prodotti tipici. Gli uomini del locale Consorzio hanno interamente recuperato la refurtiva, restituendola al legittimo proprietario, giunto sul posto.

I militari della locale Stazione, invece, hanno deferito i due ladri, di 66 e di 44 anni, per furto aggravato. Dalla sede del Consorzio di via Marconi, infine, assicurano che i controlli continueranno e lanciano un appello ai proprietari dei fondi affinché segnalino al numero 338.821.57.60 ogni movimento o automezzo sospetto.
  • Guardie Campestri Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Quattro auto rubate tra gli ulivi, la scoperta delle Guardie Campestri Quattro auto rubate tra gli ulivi, la scoperta delle Guardie Campestri Le vetture, le cui denunce di furto erano state presentate a Bisceglie, erano quasi tutte cannibalizzate. Indagini in corso
Furti d'auto: ritrovata a Giovinazzo una Renault Clio cannibalizzata Furti d'auto: ritrovata a Giovinazzo una Renault Clio cannibalizzata L'hanno scoperta le Guardie Campestri e la Polizia Locale, era stata rubata a Bitonto. Episodi simili a Terlizzi
Auto rubate e cannibalizzate. Riapre la catena di smontaggio Auto rubate e cannibalizzate. Riapre la catena di smontaggio La scocca di una Opel Corsa è stata recuperata dalle Guardie Campestri. Altri due ritrovamenti a Terlizzi
Ford nel mirino, i ladri d'auto non si fermano neanche a Pasqua Ford nel mirino, i ladri d'auto non si fermano neanche a Pasqua Due le auto ritrovate cannibalizzate dalle Guardie Campestri: una Ford Fiesta e una Ford Focus
Sparite nella Bat e cannibalizzate a Giovinazzo Sparite nella Bat e cannibalizzate a Giovinazzo Le scocche di due auto rubate ad Andria e Bisceglie sono state recuperate dalle Guardie Campestri
Furto sventato in un'azienda agricola di Giovinazzo. Ladri in fuga Furto sventato in un'azienda agricola di Giovinazzo. Ladri in fuga I malviventi sono stati intercettati dalle Guardie Campestri, recuperata una Lancia Lybra rubata. Indagano i Carabinieri
Volkswagen rubate e cannibalizzate nell'agro di Giovinazzo Volkswagen rubate e cannibalizzate nell'agro di Giovinazzo Il ritrovamento in località Parco di Lella, la centrale dei ricettatori scovata dalle Guardie Campestri
Inseguimento nelle campagne, recuperati 106 sacchi di fertilizzante Inseguimento nelle campagne, recuperati 106 sacchi di fertilizzante Le Guardie Campestri hanno intercettato i malviventi. Abbandonata sul posto una Renault Modus rubata
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.