La scuola Foto Gianluca Battista" />
La scuola "San Giovanni Bosco". Foto Gianluca Battista
Scuola

La rete scolastica giovinazzese lavora in sinergia

Intesa tra le dirigenti. Il Comune: «Pronti a sostenerle per ogni necessità»

Sono tante le incertezze che sta attraversando il mondo della scuola pugliese in queste ore. Incertezze per il ping pong di responsabilità tra Ministero della Pubblica Istruzione e Regione Puglia, ma anche difficoltà pratiche per via della possibilità data a molti alunni di non frequentare e di ricorrere alla didattica a distanza, amata o famigerata a seconda dei punti di vista.
Due i problemi pratici da risolvere: in primis la connettività, ma nelle ultime ore, grazie al Decreto Ristoro del Governo centrale, è giunta conferma che i dirigenti scolastici potranno candidarsi per ottenere strumenti idonei (ed a Giovinazzo, come in altre aree, non mancano i disagi); il secondo problema è quello del sostegno a docenti già molto provati da una situazione ondivaga.

DARE CERTEZZE A GENITORI E ALUNNI
La richiesta di certezze partita dai genitori, a Giovinazzo è stata accolta dalle due dirigenti scolastiche degli Istituti Comprensivi, il Bosco-Buonarroti e il Bavaro-Marconi, rispettivamente Maria Paola Scorza e Giovanna Domestico. Con un documento congiunto, pubblicato sui siti dei loro plessi, hanno fatto chiarezza sin dalla serata di domenica, 8 novembre, indicando regole che dovranno essere osservate pedissequamente da tutto il mondo scolastico. Documento che vi proponiamo interamente sotto il nostro articolo.
La prima, in particolare, chiede un sostegno concreto per la didattica a distanza e la connettività.
Intanto i genitori della "Bavaro-Marconi" hanno manifestato la volontà di far continuare in presenza le lezioni nelle prossime due giornate.

IL COMUNE PRONTO AD UNO SFORZO
Rincuora, in una situazione di grande incertezza, anche la posizione del Sindaco Tommaso Depalma e dell'Assessore alle Politiche Educative, Michele Sollecito, che sabato scorso avevano incontrato in videoconferenza le due presidi. Entrambi, per conto dell'Ente che rappresentano, si sono detti «Pronti a sostenere le necessità delle dirigenti e di tutta la rete scolastica» nei prossimi giorni. Evidente lo sforzo in un momento di grande emergenza ed in cui i livelli istituzionali sovracomunali non hanno brillato per tempestività e coerenza delle decisioni.

IL 90% IN CLASSE
Intanto le buone notizie sono arrivate ieri, 9 novembre, nel primo giorno in cui le scuole secondarie inferiori hanno riaperto i battenti, dopo una settimana in didattica a distanza definita prolifica, grazie all'impegno dei docenti, nonostante mille difficoltà legate alla rete.
In entrambi gli istituti comprensivi la presenza è stata vicina al 90%, con un leggero calo per le scuole medie, peraltro previsto. Tranne rare eccezioni (poche classi con più di 4-5 assenti, situazione definita fisiologica), i genitori giovinazzesi hanno confermato la volontà di far andare a scuola i loro figli, consci dei rischi, certamente, ma anche delle buone pratiche messe in essere dalla rete scolastica cittadina. Nelle scuole dell'infanzia, infine, sono queste le ore in cui partirà anche il servizio mensa, con una grande adesione da parte di molte famiglie dei piccoli.

Nei prossimi giorni cercheremo nuovamente di fare il punto della situazione, anche grazie a più circostanziate informazioni che ci giungeranno dall'amministrazione comunale, in attesa che la disputa tra la politica regionale e quella nazionale venga risolta da una pronuncia univoca della giustizia amministrativa.
Di seguito il testo congiunto delle due presidi.






Oggetto: Riorganizzazione della DDI e della didattica in presenza – Comunicazioni del Dirigente Scolastico Facendo seguito all'avviso prot.4152 del 7 novembre 2020

Si ritiene necessario fornire ulteriori indicazioni sull'avvio della didattica in presenza ottemperando al DPCM 3 novembre 2020 e all'Ordinanza Regionale n.413.

Ai genitori

Nella giornata di lunedì 9 novembre sarà indicata la modalità per comunicare l'assenza del/della vostro/a figlio/a dalle attività didattiche in presenza; la scuola dovrà acquisire le seguenti informazioni:
- Assenza temporanea per quarantena o isolamento (attraverso il canale riservato);
- Assenza temporanea per motivi di salute (se Covid-19 attraverso il canale riservato); - - Assenza per fragilità per tutto il periodo di vigenza dell'OR 413 (fino al 3 dicembre 2020);
- Assenza per espressa richiesta del genitore/tutore per tutto il periodo di vigenza dell'OR 413 (fino al 3 dicembre 2020) Come dettato anche dall' OR n. 413 la scuola, dopo aver rilevato i dati classe per classe, si impegna a riorganizzare la didattica in DDI o in modalità mista per consentire a tutti gli alunni dell'Istituto di continuare a seguire il percorso formativo.

Si ricorda che lo sforzo ulteriore che le ultime disposizioni chiedono alla scuola comporta una fase di elaborazione che non può essere istantanea: si tratta di contemperare tanti aspetti che forse sono poco noti a chi non vive in un'organizzazione complessa. La scuola non si sottrae al suo compito né sì giustifica né riversa su altri le proprie responsabilità, ma ha i suoi tempi e i suoi luoghi per decidere.

Pertanto, si prega l'utenza di non telefonare a scuola, perché tutte le informazioni vi giungeranno tempestivamente quando saranno assunte decisioni in merito alla riorganizzazione.

Ai docenti
Attraverso collegi di settore (primaria e secondaria di I grado) si concorderanno criteri e modalità per attuare un graduale passaggio alla didattica mista. Come si è fatto finora, grazie all'impegno e alla dedizione dimostrati, si troverà tempestivamente soluzione ai problemi di natura tecnica e logistica che ad oggi costituiscono l'unico ostacolo per l'erogazione della DDI anche in presenza. Si anticipa che, sulla base di primi accordi con l'Ente Locale, sarà possibile far fronte da subito con risorse aggiuntive alle esigenze individuali dei docenti in relazione alla connettività, in attesa che gli edifici dell'Istituto siano potenziati nell'infrastruttura.

Ai genitori - Ai docenti
Le soluzioni che si potranno adottare saranno varie e differenziate a seconda delle situazioni, ma l'obiettivo ed il traguardo saranno unici. Le ore di confusione ce le lasciamo alle spalle. Lunedì si ricomincia (anzi si continua un percorso mai interrotto): i genitori tranquillizzeranno i propri figli, così come i docenti i propri alunni ed i loro genitori con cui hanno contatto diretto.

Al personale ATA
Il personale amministrativo impegnato nel front office telefonico risponderà all'utenza, con il consueto garbo, che ulteriori comunicazioni saranno date attraverso il sito e il registro elettronico. I collaboratori scolastici saranno impegnati nella sorveglianza e nella pulizia con la consueta attenzione.

Ai rappresentanti dei genitori del Consiglio di Istituto
Il supporto di questo organo in tale frangente è come al solito fondamentale. La concitazione di questi ultimi due giorni ha consentito alla scuola di far pervenire al CdI solo contatti indiretti, mentre il Presidente è stato informato telefonicamente dell'evoluzione della situazione. Nella prossima settimana, attraverso una riunione a distanza, di cui si concorderanno giorno ed orario, la scuola si confronterà con il CdI (per la componente genitori) e si condivideranno le scelte organizzative. Si confida nella collaborazione di tutti e soprattutto nella ragionevolezza e nel buon senso; abbiamo una unica grande responsabilità, sia da genitori che da operatori della scuola: comunicare agli alunni che la scuola è attenta tanto alla loro formazione, quanto al loro benessere fisico e psicologico.


Le dirigenti
Dott.ssa Giovanna Domestico
Dott.ssa Maria Paola Scorza
  • Scuola
  • I.C. Bavaro-Marconi
  • I.C. Bosco-Buonarroti
Altri contenuti a tema
Stasera in scena il musical "Good & Evil". Protagonisti alunni dell'IC Bosco-Buonarroti Stasera in scena il musical "Good & Evil". Protagonisti alunni dell'IC Bosco-Buonarroti Si tratta della conclusione dell'ampio progetto “Piano delle Arti”
"Lasciate ogne speranza, Voi ch’intrate…", spettacolo teatrale per alunni dell'I.C. "Bosco-Buonarroti" "Lasciate ogne speranza, Voi ch’intrate…", spettacolo teatrale per alunni dell'I.C. "Bosco-Buonarroti" Successo per una serata "differente" all'interno del Giardino "Anemone Ressa"
In Puglia l'anno scolastico inizierà il 14 settembre In Puglia l'anno scolastico inizierà il 14 settembre Approvato dalla Giunta regionale il calendario 2022/2023
Legalità, gli alunni dell'I.C. "Bosco-Buonarroti" a lezione dai Carabinieri Legalità, gli alunni dell'I.C. "Bosco-Buonarroti" a lezione dai Carabinieri Incontro con i militari della locale Stazione e le Unità cinofile
Gli alunni dell'I.C. "Bavaro-Marconi" accolgono bimbi ucraini Gli alunni dell'I.C. "Bavaro-Marconi" accolgono bimbi ucraini Lo scorso 12 aprile una giornata che resterà storica per il comprensivo giovinazzese
Annalisa Strada domani ospite degli istituti comprensivi di Giovinazzo Annalisa Strada domani ospite degli istituti comprensivi di Giovinazzo Sollecito: «Riprendiamo a dare linfa e a sostenere la promozione della lettura tra i giovani»
Emiliano su slittamento apertura scuola: «Impossibile emanare un'ordinanza» Emiliano su slittamento apertura scuola: «Impossibile emanare un'ordinanza» Il presidente regionale ha spiegato le sue motivazioni, pur condividendo le preoccupazioni di dirigenti, docenti e presidi
Tutti in classe. Gli auguri di Mons. Cornacchia nel ricordo di Carlo Acutis Tutti in classe. Gli auguri di Mons. Cornacchia nel ricordo di Carlo Acutis Messaggio di inizio anno del Vescovo rivolto ad alunni e studenti
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.