Francesco Rucci
Francesco Rucci
Cronaca

Il sindaco Sollecito ricorda Francesco Rucci a 42 anni dalla scomparsa

Fu ucciso a Milano il 18 settembre 1981 dal gruppo eversivo comunista Prima Linea

«42 anni fa moriva a Milano il giovinazzese Francesco Rucci, Brigadiere del Corpo degli Agenti di Custodia, rimasto ucciso in un attentato operato dai terroristi aggregati al gruppo eversivo "Prima Linea"».

Rucci fu una delle ultime vittime del terrorismo rosso ed a ricordarlo con un post social è il sindaco Michele Sollecito, quasi mezzo secolo dopo quel 18 settembre 1981: «Fu insignito - ha rimarcato il primo cittadino - della medaglia d'oro al merito civile. Il nostro pensiero oggi va a lui per onorarne la memoria e per affermare ancora una volta il senso democratico delle Istituzioni contro ogni violenza e sopraffazione», è stata la conclusione di Sollecito.

I TERRORISTI DI PRIMA LINEA
Prima Linea vide la luce nell'aprile 1977 dalla scissione e poi riunione di vari movimenti eversivi comunisti. Tra i militanti della prima ora, insieme a Enrico Chicco Galmozzi e alla sua compagna Giulia Borelli, ci furono Roberto Rosso, studente alla Normale di Pisa e segretario della sezione sestese di Lotta continua, Enrico Baglioni, arrivato all'eversione da Lotta continua, come il giovane Sergio Segio, cresciuto proprio a Sesto.
Da Torino si unì a loro Marco Donat Cattin, figlio del notabile democristiano Carlo, senatore e più volte ministro, elemento di spicco della formazione eversiva, poi pentitosi e morto nel 1988 sull'autostrada Serenissima, mentre prestava soccorso in autostrada ad un automobilista dopo un incidente in cui egli stesso era rimasto lievemente coinvolto.
Dalle Brigate Rosse, i cui fini erano simili, con obiettivi differenti e con cui Prima Linea era in dissenso, arrivò anche Susanna Ronconi, padovana proveniente da Potere operaio (membro del commando che aveva assassinato i missini Mazzola e Giralucci nel giugno 1974, inizio di una spirale di sangue tra opposte fazioni che terminò solo nel 1982).

L'OMICIDIO
Mentre si recava in macchina presso la Casa Circondariale di Milano - San Vittore dove prestava servizio, il brigadiere Francesco Rucci rimase vittima di un attentato, rivendicato all'epoca dal "Nucleo di Comunisti". All'omicidio parteciparono, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti dell'epoca, almeno quattro terroristi, che prima costrinsero il brigadiere a fermarsi e poi gli spararono a bruciapelo, uccidendolo.
Il fatto per cui furono inquisiti militanti della eversione di sinistra già appartenenti a "Prima Linea", fu collegato al clima di tensione allora esistente nell'istituto penitenziario milanese, dove molte furono le accuse della stampa di sinistra di maltrattamenti.

CHI ERA FRANCESCO RUCCI
Nato a Giovinazzo l' 8 luglio del 1956, Rucci entrò nel Corpo degli Agenti di Custodia nel gennaio del 1976. Fu quindi nominato Brigadiere nell'agosto del 1981. Al momento dell'omicidio prestava servizio presso la Casa Circondariale di Milano. È stato insignito della medaglia d'oro al Merito civile "alla memoria" il 12 settembre 2007 dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. A lui è intitolata a Giovinazzo una strada del quartiere Sant'Agostino.
  • Michele Sollecito
  • Francesco Rucci
  • Prima Linea
Altri contenuti a tema
Il sindaco di Giovinazzo presenta uno studio sull'immaginario francese della Puglia Il sindaco di Giovinazzo presenta uno studio sull'immaginario francese della Puglia Appuntamento in Sala San Felice lunedì 29 gennaio
Poliziotto di Giovinazzo salva studente da suicidio: sarà encomio Poliziotto di Giovinazzo salva studente da suicidio: sarà encomio Il sindaco Sollecito: «Siamo orgogliosi delle nostre divise e dei nostri figli migliori»
Auguri e nuovi provvedimenti, il sindaco di Giovinazzo fa il punto Auguri e nuovi provvedimenti, il sindaco di Giovinazzo fa il punto Un post di Michele Sollecito per iniziare il nuovo anno pensando al futuro a medio e lungo termine
Sollecito: «Pronta guarigione ai militari feriti, gratitudine all'Arma» Sollecito: «Pronta guarigione ai militari feriti, gratitudine all'Arma» Il sindaco, ieri sera, si è recato personalmente sul posto. Intanto proseguono le indagini, al vaglio le telecamere
4 Tardivo smontaggio piattaforme, il sindaco Sollecito risponde alle opposizioni Tardivo smontaggio piattaforme, il sindaco Sollecito risponde alle opposizioni Il primo cittadino ha parlato nel Consiglio comunale del 28 novembre scorso
Eduscopio, Sollecito si complimenta con il Liceo "Spinelli" Eduscopio, Sollecito si complimenta con il Liceo "Spinelli" L'istituto giovinazzese tra è il migliore nel raggio di 30km
Arresti Fiorentino, Sollecito si complimenta con magistratura e forze dell'ordine Arresti Fiorentino, Sollecito si complimenta con magistratura e forze dell'ordine Il sindaco: «Ennesima prova del loro grande lavoro contro infiltrazioni mafiose sul nostro territorio»
Programma di mandato: sindaco, giunta e consiglieri incontrano i cittadini Programma di mandato: sindaco, giunta e consiglieri incontrano i cittadini Venerdì 10 novembre l'appuntamento in Sala San Felice
© 2001-2024 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.