Visite al Duomo di Molfetta
Visite al Duomo di Molfetta
Eventi e cultura

Il Museo Diocesano e la sua proposta per un 1°maggio diverso

Un itinerario pensato per tutti nella vicina Molfetta

In occasione della festa del primo maggio, il Museo Diocesano di Molfetta e la Soc. Coop. FeArT, in accordo con don Vito Bufi, parroco della Cattedrale di S. Maria Assunta e del Duomo di S. Corrado, prevedono visite guidate "Sui passi di don Tonino".

Quest'oggi 1° maggio, straordinariamente aperti dalle 16.00 la Cattedrale, il Museo Diocesano e il Duomo di Molfetta nuovamente fruibile dal 29 aprile dopo i recenti lavori di restauro. Dalle ore 16:00 alle ore 20:00, due turni di visita attraverso un percorso storico-religioso alla scoperta dei luoghi e delle testimonianze presenti sul territorio cittadino, espressioni visive di don Tonino Bello e del suo amorevole servizio alla chiesa locale.

Il percorso di visita, esclusivamente su prenotazione, prevede:
- Il Museo Diocesano che raccoglie le testimonianze dell'identità ecclesiale della diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, in cui don Tonino ha lasciato traccia del suo operato. Nella biblioteca del Seminario Vescovile è conservato il suo fondo librario;
- Il Duomo di San Corrado, che custodisce, nella sacrestia, il crocifisso intitolato "Collocazione provvisoria" che ispirò a Mons. Bello la sua profonda meditazione sulla "provvisorietà" della sofferenza sulla Croce di Cristo e sulle croci di ogni uomo, dove interverrà un'attrice del Teatro dei Cipis;
- La Cattedrale, chiesa madre della Diocesi in cui don Tonino ha predicato e che custodite la sua mitria, il pastorale e la croce pettorale;
- L'Episcopio che è stata la casa di don Tonino negli anni del suo servizio nella Diocesi di Molfetta. Qui egli accolse i poveri e le famiglie sfrattate della città. Da una piccola finestra dell'atrio vescovile don Tonino ha salutato per l'ultima volta i suoi amati giovani, giunti per augurargli buon compleanno il 18 marzo 1993.

Una giornata di festa può essere un'ottima occasione per vivere un'esperienza formativa, culturale e di spiritualità.
  • Museo Diocesano
Altri contenuti a tema
La Biblioteca "Seminario vescovile" riconosciuta di eccezionale interesse culturale La Biblioteca "Seminario vescovile" riconosciuta di eccezionale interesse culturale Prosegue con impegno l'azione di valorizzazione degli spazi culturali diocesani
La Diocesi s'interroga sulle elezioni europee La Diocesi s'interroga sulle elezioni europee Martedì 14 maggio, ore 19.30, all'Auditorium "Salvucci" Molfetta incontro pubblico promosso dalle Aggregazioni Laicali
La mostra "Ave Mater Dolorosa" prolungata fino al 25 aprile La mostra "Ave Mater Dolorosa" prolungata fino al 25 aprile La decisione degli organizzatori dopo il grande afflusso di visitatori di queste settimane
"Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica "Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica Apertura alla chiesa del Carmine dalle 18.30 alle 22.00
Penultima domenica per visitare la mostra "Ave Mater Dolorosa" Penultima domenica per visitare la mostra "Ave Mater Dolorosa" L'esposizione di via Cattedrale resterà aperta dalle 18.30 alle 22.00
Visitabile anche di domenica "Ave Mater Dolorosa" Visitabile anche di domenica "Ave Mater Dolorosa" La mostra iconografica curata da Saverio Amorisco aperta dalle 18.30 alle 22.00
Incontri a sorpresa al Museo Diocesano con il Teatro dei Cipis Incontri a sorpresa al Museo Diocesano con il Teatro dei Cipis La struttura museale accoglie una nuova iniziativa per le famiglie
"Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria": ResExtensa al Museo diocesano "Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria": ResExtensa al Museo diocesano Oggi e domani un'azione sacra che unisce la danza di Elisa Barucchieri, poesia, immagini e arte
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.