Ladri in azione
Ladri in azione
Cronaca

Furti a Bitonto, Giovinazzo, Molfetta e Terlizzi. In azione la stessa banda?

I colpi ai danni di bar, gioiellerie e tabaccherie, messi a segno quasi sempre con la stessa tecnica. Indagano i Carabinieri

Furti senza tregua a nord di Bari. E secondo gli investigatori, almeno nell'ultimo caso, potrebbe trattarsi della stessa banda che, nei giorni scorsi, ha colpito in altri due centri del nord barese, a Molfetta prima e a Mariotto dopo. Hanno atteso il sonno altrui per agire più o meno indisturbati, i banditi che hanno messo a segno un colpo ai danni dell'agenzia di scommesse Sisal Matchpoint, in via Tripoli, a Terlizzi, su cui sono al lavoro i Carabinieri.

Il furto è stato messo a segno fra martedì e mercoledì scorsi: i ladri - due, entrambi vestiti di nero e a volto rigorosamente coperto -, hanno forzato la saracinesca e, senza neppure tanta fatica, sono entrati nei locali ad angolo con via XX settembre. Di notte - erano all'incirca le ore 02.20 -, certamente non si sono trovati nell'agenzia di scommesse per tentare la fortuna, quanto per mettere a segno l'ennesimo furto in una città, Terlizzi, che fra irruzioni notturne e minacce ai propri rappresentanti comunali (all'assessore Michelangelo De Palma è stata recapitata una lettera anonima di minacce) non vive un bel momento.

Una volta all'interno, infatti - nonostante l'attivazione del sistema d'allarme, forse inibito da un disturbatore di frequenze, il cosiddetto "jammer" -, i malviventi hanno puntato, oltre che ai soldi contenuti nel registratore di cassa, al denaro custodito nelle slot machine e delle macchinette cambia soldi, danneggiandole, così come accaduto di recente in un bar di Molfetta, tanto da lasciar intuire che la banda sia sempre la stessa. Gli investigatori stanno incrociando i dati in loro possesso. Ma l'ipotesi è che ad agire - almeno negli ultimi tre casi, a Molfetta, Mariotto e Terlizzi. - sia sempre la stessa banda.

Il bottino non dovrebbe essere cospicuo (anche se in via di quantificazione), a cui si sommano i danni arrecati alla saracinesca. Ad arrivare per primi sul posto sono stati i Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile per eseguire i rilievi e raccogliere elementi utili sul luogo del furto. I militari hanno rilevato i filmati del sistema di videosorveglianza, del quale l'agenzia è dotato. I fotogrammi, adesso, saranno analizzati per risalire al modello dell'auto utilizzato per la fuga (la solita Alfa Romeo Giulietta?) e, così sperano gli inquirenti, anche ad altri indizi sull'identità dei malviventi. Questi ultimi, si sospetta, dovrebbero essere della zona a nord di Bari e, con ogni probabilità, responsabili di altri colpi analoghi.

Il sospetto, infatti, è che gli autori del colpo possano essere gli stessi che, appena cinque notti prima, hanno tagliato con un flessibile la grata in ferro posta a protezione del distributore automatico della tabaccheria di piazza Roma, a Mariotto, una delle due frazioni di Bitonto, per poi fare razzia della merce custodita all'interno, fra denaro e numerose confezioni di sigarette. Senza dimenticare il colpo al bar dell'area di servizio Dill's lungo la strada provinciale 112, a Molfetta: il 12 settembre, in tre, dopo aver forzato in pochi istanti la porta d'ingresso, riuscirono a portar via numerose stecche di sigarette esposte sugli scaffali.

E a fine mese scorso erano stati registrati altri due furti, uno dei quali messo a segno: il furto alla gioielleria Blu Gold di via Marconi, a Giovinazzo (il 30 agosto, in quattro, dopo aver aperto un varco in una delle vetrine espositive, riuscirono ad arraffare numerosi bracciali, collane e monili in oro esposti al di là della lastra), anticipò di appena ventiquattrore il furto, sventato dal sistema d'allarme e dalle urla degli abitanti della zona, ai danni dell'oreficeria Design Creazioni di piazza Europa, a Terlizzi (il 31 agosto, in quattro provarono a mandare il frantumi la lastra di vetro dell'attività, che resse ai colpi).

Episodi «da parte di criminali molto ben organizzati - affermò il sindaco di Terlizzi, Michelangelo De Chirico - come testimoniano le riprese video-fotografiche di sorveglianza privata o amatoriali consegnate agli investigatori», che hanno spinto, nei giorni scorsi, lo stesso primo cittadino di Terlizzi a recarsi in Prefettura, a Bari, per chiedere più controlli: «Ho richiesto un rafforzamento delle forze dell'ordine su Terlizzi - le sue parole - perché va stroncato sul nascere ogni tentativo di rendere bersaglio facile la nostra bella e serena città».

Ringrazio il prefetto, Antonella Bellomo, per aver riportato alle Autorità la nostra giusta preoccupazione e aver subito accolto la richiesta, come comunicatomi per le vie brevi. Noi cittadini - fu l'appello finale rivolto ai terlizzesi - continuiamo a fare la nostra parte, segnalando e fornendo ogni informazione e materiale utile ai Carabinieri».
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Furti Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Nottata movimentata sul cavalcavia di Cola Olidda, dove si è conclusa la folle corsa di una Volkswagen Golf rubata a Molfetta
Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Il provvedimento d'urgenza del Tribunale di Bari applicato dopo la denuncia della donna. Applicata la misura cautelare
Fermato per strada con la droga, a casa della nonna trovata una pistola Fermato per strada con la droga, a casa della nonna trovata una pistola Nei guai un 16enne: i Carabinieri, dopo aver trovato 11 grammi di cocaina, hanno scoperto molto altro nella successiva perquisizione
Non riescono ad aprire il forziere, ladri "ripiegano" sul fondo cassa Non riescono ad aprire il forziere, ladri "ripiegano" sul fondo cassa Il furto nel supermercato Primo Prezzo. Forzato l'ingresso, al vaglio le videocamere. Un colpo simile a Bisceglie
«Mi dia un attimo la chiave». Attenti alla nuova truffa: come funziona «Mi dia un attimo la chiave». Attenti alla nuova truffa: come funziona Occhio al raggiro della raccomandata, a Giovinazzo c'è una nuova tipologia di truffa. Ecco cosa è successo
Rubano in casa e bloccano la porta, arrivano i Vigili del Fuoco Rubano in casa e bloccano la porta, arrivano i Vigili del Fuoco I ladri, dopo aver fatto irruzione in un appartamento in via Isonzo, sono riusciti a portar via oro e contanti. Indagano i Carabinieri
Ha l'obbligo di firma, aggredisce la sorella: il giudice lo manda in carcere Ha l'obbligo di firma, aggredisce la sorella: il giudice lo manda in carcere L'uomo, 35enne del posto, è stato arrestato dai Carabinieri: è accusato di maltrattamenti e violazione degli obblighi
Aggredisce il vicino di casa brandendo un'accetta. Fermato un 52enne Aggredisce il vicino di casa brandendo un'accetta. Fermato un 52enne L'episodio ieri mattina: l'uomo, con problemi psichici e accusato di minacce, è stato trasferito al San Paolo
© 2001-2024 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.