Il cavalcaferrovia di via Daconto
Il cavalcaferrovia di via Daconto
Attualità

Cavalcaferrovia, Regione Puglia pronta a reperire fondi per manutenzione

Depalma: «Finalmente, dopo l’inadempienza del Ministero»

La Regione Puglia e l'Assessore al ramo, Gianni Giannini, hanno dato la massima disponibilità nel cercare di reperire le risorse necessarie per mettere in sicurezza il cavalcavaferrovia di via Daconto.

Mercoledì scorso (come vi avevamo raccontato), vi era stato l'incontro nella sede regionale di Bari, tra il sindaco Tommaso Depalma, un funzionario dell'Assessorato ai Trasporti e ai Lavori Pubblici, il dirigente dell'Ufficio Tecnico comunale, ing. Cesare Tremarore, l'Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Giovinazzo, Gaetano Depalo, il Consigliere regionale Domenico Damascelli e i rappresentanti di Rfi.
La novità, rispetto a quanto riportato dalla nostra testata nella giornata di ieri, sta negli 800mila euro i finanziamenti necessari per la messa in sicurezza del cavalcavaferrovia che presenta caduta di calcinacci e ossidazione del ferro dovuti, oltre che all'usura e alla salsedine, anche al transito sottostante dei treni. La struttura, infatti, risale ad una cinquantina di anni fa e quando fu costruita ricadeva nella proprietà e gestione dell'ex Provincia di Bari.


Depalma ringrazia la Regione

«Innanzitutto mi preme ringraziare sia l'Assessore Giannini che il Presidente Emiliano, oltre al Consigliere Damascelli, per aver raccolto la nostra istanza e per l'apertura dimostrata nei confronti dei Comuni che, con le loro esigue risorse a disposizione, non sono in grado da soli di provvedere alla manutenzione di infrastrutture di tale portata che alla loro nascita appartenevano ad altri Enti Locali - dichiara il sindaco Depalma -. E in tal senso sarebbe il caso di andare a rivedere le vecchie convenzioni che allo stato non sono più praticabili. E mi preme anche fare un distinguo tra l'inadempienza dimostrata dal Ministero delle Infrastrutture e la disponibilità della nostra Regione».

Depalma fa riferimento alla lettera inviata il 23 agosto del 2018 al Ministero delle Infrastrutture nella quale si allegava una relazione dettagliata sullo stato di conservazione delle opere infrastrutturali di Giovinazzo, in primis del cavalcaferrovia di via Daconto. Il tutto avveniva dopo la tragedia del crollo del ponte Morandi a Genova e dopo l'invito inviato a tutti i Comuni italiani dall'allora ministro Danilo Toninelli sullo stato delle infrastrutture su tutto il territorio nazionale.

«Sia dall'ex ministro Toninelli che dal Ministero non abbiamo mai ricevuto risposta - continua Depalma -. Ripensandoci oggi sembra di esserci imbattuti nella solita quanto inquietante mossa mediatica fatta all'indomani di una tragedia. Viceversa, siamo stati ricevuti dalla Regione e rassicurati che sarà fatto il possibile per reperire i fondi necessari per sistemare un'opera che, mi preme sottolineare, alla luce di un'ultima perizia tecnica non presenta fortunatamente problemi di staticità o di tenuta, ma che comunque necessita di interventi ad hoc e dei quali è giusto che si faccia carico anche la Rfi che contribuisce, non poco, al deterioramento del cavalcaferrovia con il continuo passaggio dei suoi treni».
  • Tommaso Depalma
  • Regione Puglia
  • Cavalcaferrovia via Daconto
Altri contenuti a tema
Tommaso Depalma racconta l'evoluzione della bonifica di Lama Castello (VIDEO) Tommaso Depalma racconta l'evoluzione della bonifica di Lama Castello (VIDEO) Dal sito sono stati rimosse oltre 38mila tonnellate di materiale inquinante depositato col trascorrere degli anni
Punto Vaccinale di Popolazione a Giovinazzo: botta e risposta tra PVA e Depalma Punto Vaccinale di Popolazione a Giovinazzo: botta e risposta tra PVA e Depalma È polemica sulla mancata apertura del centro per le somministrazioni nella palestra della "San Giovanni Bosco"
La festa in piazza per la vittoria dell'Italia: il bilancio La festa in piazza per la vittoria dell'Italia: il bilancio Depalma: «Serata senza grandi problemi a Giovinazzo, solo una verifica sulla Fontana dei Tritoni»
Depalma con Decaro a Roma: «Non vogliamo impunità, ma non possiamo essere responsabili di ogni atto che firmiamo» Depalma con Decaro a Roma: «Non vogliamo impunità, ma non possiamo essere responsabili di ogni atto che firmiamo» Tanti i sindaci che mercoledì 7 luglio hanno manifestato nella capitale
Emiliano firma l'ordinanza: stop al lavoro nei campi nelle ore più calde Emiliano firma l'ordinanza: stop al lavoro nei campi nelle ore più calde Il provvedimento si è reso necessario per evitare casi di morte e malori in campagna
Bonifica delle ex Acciaierie, 13 a processo. Depalma: «Una mazzata assurda» Bonifica delle ex Acciaierie, 13 a processo. Depalma: «Una mazzata assurda» La decisione del pm Pisani: citazione diretta per il primo cittadino e altri 12 fra imprenditori e proprietari dei suoli
Campionato italiano donne élite: ieri la conferenza stampa con Tommaso Depalma Campionato italiano donne élite: ieri la conferenza stampa con Tommaso Depalma Il primo cittadino giovinazzese: «Stiamo lavorando come una sinfonia fantastica»
Bonifica delle ex AFP, disposto il giudizio per 13 persone. C’è Depalma Bonifica delle ex AFP, disposto il giudizio per 13 persone. C’è Depalma L'accusa contestata dal pm Pisani è l'omessa bonifica delle ex Acciaierie e Ferriere Pugliesi. In aula il 10 novembre
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.