Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Abuso d'ufficio, assolto l'ex dirigente Remine

«Il fatto non sussiste», questa la formula con cui l'ex dipendente del Comune di Bitonto è stato prosciolto

Assolto «perché il fatto non sussiste». Si chiude con un'assoluzione piena la delicata vicenda giudiziaria, iniziata nel 2011, che ha visto imputato l'ex dirigente del settore Lavori Pubblici del Comune di Bitonto, Gaetano Ideale Remine, per abuso d'ufficio in concorso.

Con lui, difeso dal noto penalista giovinazzese Tiziano Tedeschi, prosciolto con formula piena anche il bitontino Francesco Colapinto. Dunque l'ex dipendente del Comune di Bitonto, residente a Giovinazzo dove ha lavorato per quasi 30 anni come dirigente del settore Patrimonio e Lavori Pubblici del Comune di Giovinazzo dopo un'esperienza presso l'Ente di Andria, chiude con una netta assoluzione la sua vicenda giudiziaria.

E oggi l'ingegnere di Bitonto può tirare un bel sospiro di sollievo. Sì, perché Remine è finito, da imputato, davanti al giudice, insieme a Colapinto (che rispondeva anche di truffa), per il reato di abuso d'ufficio in concorso. La Procura della Repubblica aveva accusato Colapinto «di aver dichiarato falsamente che un locale avesse i requisiti tecnici per lo svolgimento al suo interno di un'attività di vendita, mentre si trattava di un locale accatastato come deposito».

Inoltre, lo stesso Colapinto, «si è adoperato per ottenere dall'ufficio catastale l'atto di variazione della categoria catastale dell'immobile da C/2 a C/1 e Remine, in qualità di dirigente del settore tecnico del Comune di Bitonto, ha attestato nel certificato la destinazione d'uso commerciale del locale sulla base della sola visura camerale pur in assenza di progetti e/o certificati di destinazione urbanistica di DIA o SCIA e senza il pagamento del contributo di costruzione».

Nei giorni scorsi, però, la prima sezione collegiale del Tribunale di Bari, presieduta dal giudice Rosa Calia Di Pinto, li ha assolti «perché il fatto non sussiste», chiudendo definitivamente il procedimento a loro carico. Grande soddisfazione per entrambi, ma soprattutto la fine di un calvario che durava da tempo.
  • Tiziano Tedeschi
  • Gaetano Ideale Remine
Altri contenuti a tema
Omicidio Spera, Tedeschi: «Ok la sentenza, attendiamo le motivazioni» Omicidio Spera, Tedeschi: «Ok la sentenza, attendiamo le motivazioni» L’intervento del penalista giovinazzese dopo la decisione della Suprema Corte di Cassazione
D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» Secondo il penalista «la pronuncia della Corte Europea non ha confermato le aspettative dei diretti interessati»
Lutto in città, è morto Gaetano Ideale Remine Lutto in città, è morto Gaetano Ideale Remine Aveva 72 anni ed era ricoverato al Miulli. Era stato per anni l'icona dell'Ufficio Tecnico
Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Torna in aula il processo D1.1, in attesa della Grande Camera. I pareri degli avvocati de Gennaro, Mastro, Mongelli e Tedeschi
Il processo "sgonfia" la tentata estorsione Il processo "sgonfia" la tentata estorsione Tre bitettesi, uno di questi difeso dal giovinazzese Tiziano Tedeschi, assolti dal Tribunale di Bari
«Inopportuna individuazione della sede del Giovinazzo Rock Festival» «Inopportuna individuazione della sede del Giovinazzo Rock Festival» Lettera aperta dell'avvocato Tedeschi ad organizzatori ed amministratori in rappresentanza dei residenti del centro storico
Querelle Serrone vs Arbore: le considerazioni di Tiziano Tedeschi Querelle Serrone vs Arbore: le considerazioni di Tiziano Tedeschi Il legale giovinazzese risponde come associato della Pro Loco
Omicidio Spera, no alla costituzione di parte civile del Comune Omicidio Spera, no alla costituzione di parte civile del Comune L'avvocato Tedeschi: «Richiesta non accolta, ma attendiamo la motivazione della sentenza»
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.