Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Arresti nell'Arma: al via il processo davanti al Gup

Tre imputati, fra cui Salerno, hanno optato per il rito abbreviato, Laforgia andrà a dibattimento. Si torna in aula il 14 luglio

Vi sono tre richieste di rito abbreviato e una di ordinario nelle istanze che ieri sono state inoltrate al giudice dell'udienza preliminare di Bari, Antonella Cafagna - che le ha accolte -, dagli avvocati degli imputati dell'inchiesta sui due ex Carabinieri della Stazione di Giovinazzo, i quali avrebbero agevolato il clan Di Cosola.

Le tre richieste di rito abbreviato (questo procedimento prevede che l'imputato possa chiedere al giudice di rinunciare alla fase di dibattimento in cambio di uno sconto di pena, nda) sono state inoltrate dai legali difensori di Antonio Salerno (assente in aula, ai domiciliari), Angelo Dibello e Mario Malcangi, dopo il deposito delle indagini difensive espletate nell'interesse dello stesso imputato, e di Gerardo Giotti (presente in aula, ai domiciliari), difeso dall'avvocato Michele Laforgia.

Stessa strategia difensiva è stata condivisa da Mario Del Vecchio (collegato in videoconferenza dal carcere di Badu 'e Carros a Nuoro, dove è recluso), assistito dall'avvocato Massimo Roberto Chiusolo. Non ha scelto riti alternativi, optando per il rito ordinario, Domenico Laforgia (presente in aula, ai domiciliari), difeso dai legali Massimo Roberto Chiusolo e Tiziano Tedeschi: nel corso del dibattimento ci sarà la raccolta e la acquisizione delle prove nel rispetto del contraddittorio.

«Il nostro assistito - hanno dichiarato all'unisono i legali Chiusolo e Tedeschi - ha ritenuto di andare a processo in quanto intende dimostrare la inattendibilità del collaboratore e la sua totale estraneità alle contestazioni trasfuse nel capo d'imputazione». I quattro sono stati arrestati il 18 giugno 2020 in un'inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia e accusati dei reati di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari e rivelazione del segreto d'ufficio.

In particolare, proprio i due militari avrebbero rivelato informazioni relative a attività di polizia giudiziaria, raccontando i dettagli delle indagini, indicando i turni di servizio dei colleghi della Stazione e gli orari in cui sarebbero avvenuti i controlli nei confronti degli affiliati posti ai domiciliari. In tre distinte occasioni avrebbero inoltre consegnato documenti informatici e cartacei non divulgabili, contenenti le registrazioni e i verbali di dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia.

Nel corso della seduta è giunta una costituzione di parte civile da parte di soggetti che avrebbero subito una perquisizione frutto di calunniose accuse. L'udienza è stata rinviata al 14 luglio per la discussione del pubblico ministero titolare dell'inchiesta, Federico Perrone Capano, e al 21 settembre per le arringhe difensive.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Tiziano Tedeschi
  • Gerardo Giotti
  • Mario Del Vecchio
  • Massimo Roberto Chiusolo
  • Domenico Laforgia
  • Antonio Salerno
  • Mario Malcangi
  • Angelo Dibello
  • Michele Laforgia
Altri contenuti a tema
Ubriachi e a torso nudo per le vie del centro: dopo l'arresto tornano liberi Ubriachi e a torso nudo per le vie del centro: dopo l'arresto tornano liberi Dopo la convalida dell’arresto, solo il 32enne è stato sottoposto all'obbligo di firma e di dimora
Ubriachi per le strade del centro. Fermati dai Carabinieri e arrestati Ubriachi per le strade del centro. Fermati dai Carabinieri e arrestati È successo questa mattina in via Marconi: in manette un 40enne e un 32enne entrambi di Bitonto
Soldi per pilotare le indagini sul clan Di Cosola: chieste 4 condanne Soldi per pilotare le indagini sul clan Di Cosola: chieste 4 condanne Tra gli imputati c'è l'appuntato Salerno. La Procura ha chiesto pene tra i 14 e i 6 anni di carcere
Furto d’auto sventato lungo la strada provinciale 107 Furto d’auto sventato lungo la strada provinciale 107 Un'Audi A3 stava spingendo una Opel Astra. Intercettati dai Carabinieri, i ladri si sono dati alla fuga
Ladri in appartamento a Giovinazzo. La fuga è da film Ladri in appartamento a Giovinazzo. La fuga è da film Due quelli entrati in azione: uno, dopo una colluttazione, è fuggito abbandonando la refurtiva
Tentano di rubare un gommone dal porto. Fermati dai Carabinieri Tentano di rubare un gommone dal porto. Fermati dai Carabinieri Un 45enne e un 36enne sono stati sorpresi mentre cercavano di tirare fuori dall'acqua il natante. Sono stati denunciati
Truffe agli anziani, diffidate da chi propone controlli medici a casa Truffe agli anziani, diffidate da chi propone controlli medici a casa Due episodi in poche ore fra Terlizzi e Giovinazzo, si cerca una donna. I consigli dei Carabinieri
Una settimana di controlli serrati dell'Arma: arresti e denunce Una settimana di controlli serrati dell'Arma: arresti e denunce È il bilancio dei militari della locale Stazione. Fra le persone nei guai, un 21enne di Bitonto evaso dai domiciliari
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.