Insegnante Covid
Insegnante Covid
Scuola

Tutti i dati sui contagi a scuola nel barese tra il 22 ed il 27 marzo

Lieve attenuazione grazie alla didattica a distanza

Sono in tanti, genitori in primis, a sottolineare l'importanza della didattica in presenza. I docenti, in realtà, così come i dirigenti scolastici, auspicano da sempre un ritorno alla lezioni a scuola, ma sono altresì consapevoli che il contagio, che in Puglia si sta ancora diffondendo soprattutto in ambiente familiare, vada in qualche modo fermato. E poi la didattica a distanza, sincrona e asincrona, rappresenta per loro un lavoro ulteriore non facile da portare avanti e c'è anche tutta una fascia di insegnanti e docenti che non hanno mai smesso di andare a scuola, alle prese con studenti con bisogni speciali.

L'ordinanza n.102 delle Regione Puglia con cui si dispone, a partire da domani, 7 aprile, la continuazione della didattica digitale integrata a richiesta, si basa su dati forniti dallo stesso Ente in allegato all'atto.
Passando in rassegna i numeri epidemiologici nella popolazione scolastica del barese, tra il 22 ed il 27 marzo scorso, si nota una lieve flessione dei contagi, grazie alla modalità a distanza, ma si evidenzia anche come non sia semplice al momento uscire dalla fase più dura.

I DATI DELL'AREA METROPOLITANA DI BARI

Su 901 plessi esistenti nella ex provincia di Bari, in 730 hanno comunicato alla Regione Puglia i numeri relativi all'andamento epidemiologico a scuola, per un totale di 162.663 iscritti. Hanno svolto lezione in presenza 3.550 alunni, pari al 2,18% del totale. La maggior parte di essi (679) sono iscritti alla scuola media.

Nella settimana tra il 22 ed il 27 marzo scorso, secondo i tabulati regionali, sono stati 283 gli studenti contagiatisi, con 115 casi nelle scuole superiori. I bimbi positivi (nella maggior parte dei casi per contatti intrafamiliare) nella scuola dell'infanzia sono stati 25, mentre nelle primarie dell'Area Metropolitana di Bari sono stati trovati 80 nuovi casi. Alle medie i contagi in una settimana sono stati 63.
Tra i docenti sono stati 58 i nuovi casi di positività e 15 sono stati invece rintracciati nel personale ATA.
In quarantena, al 27 marzo, c'erano nelle scuole del barese 365 studenti, 112 docenti e 79 persone che svolgono compiti da collaboratori o come personale amministrativo.
Sebbene la curva epidemiologica pugliese sia ancora in ascesa, evidenziano dalla Regione nelle loro conclusioni, «i dati della sorveglianza scolastica mostrano una riduzione dei contagi tra gli studenti e il personale scolastico ed il numero dei soggetti (sia tra gli studenti che nel personale) per cui è stato disposto un provvedimento di isolamento/quarantena è in netta diminuzione».
  • Scuola
  • Regione Puglia
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

975 contenuti
Altri contenuti a tema
Quasi 24mila negativizzati nelle ultime ore in Puglia Quasi 24mila negativizzati nelle ultime ore in Puglia Crescono i ricoveri, calano i positivi
Terapia intensiva, indice di occupazione al 14% in Puglia. A Giovinazzo 518 positivi Terapia intensiva, indice di occupazione al 14% in Puglia. A Giovinazzo 518 positivi Sale anche il numero dei ricoverati in area non critica
ASL Bari: «Tra il 10 e il 16 gennaio 767 contagi nelle scuole» ASL Bari: «Tra il 10 e il 16 gennaio 767 contagi nelle scuole» Il report mette a fuoco la situazione dell'epidemia dopo la ripresa delle lezioni in presenza
Covid, pressione sugli ospedali. A Giovinazzo 513 positivi Covid, pressione sugli ospedali. A Giovinazzo 513 positivi 678 ricoverati in Puglia, 63 dei quali si trovano in terapia intensiva
Nuovo balzo del numero dei positivi ricoverati in Puglia Nuovo balzo del numero dei positivi ricoverati in Puglia Quasi 120mila i contagiati
Superato anche il limite dei 600 positivi ricoverati in Puglia Superato anche il limite dei 600 positivi ricoverati in Puglia Oltre 100 mila i contagiati
Covid, 586 ricoverati in Puglia. A Giovinazzo 437 positivi Covid, 586 ricoverati in Puglia. A Giovinazzo 437 positivi Inseriti nel database regionale anche i casi diagnosticati a seguito di test antigenici rapidi effettuati nelle farmacie
Positività o sintomi: cosa fare? Disponibile il nuovo strumento regionale Positività o sintomi: cosa fare? Disponibile il nuovo strumento regionale Le informazioni utili per i cittadini consultabili da un apposito link
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.